[ Home | Redazione | HiFi Shows | FAQ | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]

Trigon Vanguard 1 e Mistral Phonostage

Due pre fono accessibili

[English version]

Questi sono tempi difficili per il vinile. Oggi se compri un preamplificatore o un amplificatore integrato, è probabile che non abbiano un'entrata fono dedicata. E se ce l'hanno, la qualità spesso lascia a desiderare. Così dobbiamo spremerci ancora soldi per un pre-fono esterno, che questo costa in proporzione di più, in quanto ha bisogno di un proprio cabinet e di un proprio alimentatore.

Ma questa non è l'alternativa peggiore. No! Potreste anche vendere tutti i vostri Lp e giradischi e cercare di vivere con i CD...Aargh, e questo considerando che è perfettamente fattibile, inserire un canale fono di un certo livello con la spesa complessiva di .... meno di 20 euro.
Ma dobbiamo vivere in questa situazione così come è con, eventualmente, un pre-fono esterno con una *remota* possibilità che il designer sapesse quello che stava facendo. Oppure se vi piace l'avventura potreste accorciare i cavi del braccio e mettere il pre-fono il più vicino possibile al giradischi.

Trigon Vanguard 1

[Trigon Vanguard-1]

Prodotto: Trigon Vanguard 1 pre-fono MM/ MC
Fabbricante: Trigon
Prezzo approssimativo: euro 310 / US$370
La Trigon è una azienda che *discende* dalla tedesca, forse più nota ma defunta, Restek. Fino a alcuni anni fa la Restek era un produttore abbastanza grande di una serie di amplificatori, tuner, e CD-players di qualità, alcuni di loro incasellati tra gli *esoterici* per il prezzo. E tutti, come di solito quello che proviene dalla Germania, *pesantemente* cromati. Dopo il tracollo le stesse persone hanno ricominciato, forse con più modestia, con questo pre-fono Vanguard, ed una limitata serie di altri amplificatori.

Tecnicismi

Scusandomi con Norbert Lehmann, posso solo descrivere il Vanguard come un piccolo cubo nero (è disponibile anche una versione con il frontale argentato). Misura circa 12 x 12 x 4 cm, presenta un robusto chassis di acciaio con un frontale di alluminio spesso 8mm. L'alimentatore esterno eroga 27V DC, ma incidentalmente non è andato bene con le prese al muro che abbiamo qui e ho dovuto *ingannarlo* rimuovendo lo spinotto di terra.
Sul fondo del Trigon sono facilmente accessibili quattro banchi di dip-switches. Con 16 possibili combinazioni si guadagna da 40dB a 60dB come resistenza di entrata, altre 16 per la capacità di uscita da 33 Ohms a 47kOhms, ancora 16 per arrivare da zero ad un valore semplicemente ridicolo ed inutile :-)
Una cosa è certa: con l'eccezione di fonorivelatori a bassissima resa, il Vanguard è pronto ad assolvere ogni *richiesta* esotica da parte del vostro fonorivelatore!

Internamente i 27V sono regolati e poi divisi in due rami +12V e -12V, con la terra mantenuta a potenziale zero in maniera dinamica da un operazionale NE5534 e transistors associati.
L'inglesso del segnale è filtrato da un'induttanza anti-EMI, voluta certamente dal nostra Europazzia (scusate...Eurocrazia!). Gli stadi di guadagno consistono primo - in un operazionale a basso rumore LT1028 (che non vediamo così spesso!), secondo un passa-basso passivo per la de-equalizzazione degli acuti del RIAA, e terzo un NE5534 per la parte rimanente della RIAA nell'anello di feedback.
I condensatori sono soprattutto MKS, cioè poliestere, alcuni di essi marchiati Wima, e l'uscita è accoppiata in continua. Un po' di sorpresa. Ma anche un po' di rischio: un canale di questo pre-fono mostra un valore di offset piuttosto alto: 200mV!!!

Per quelli che lo conoscono: il circuito del Vanguard sembra essere derivato direttamente dal più vecchio pre-fono Restek Sector Preamp che nel 1992 costava 1500 euro, e che aveva la reputazione di un suono mediocre sugli ingressi linea, ma magnifico per il fono.
Immediata l'impressione di qualità di fabbricazione dell'unità , ma devo enfatizzare che sia l'alto offset in DC che l'attacco non-standard dell'alimentatore non sono accettabili e questo dovrebbe essere fatto notare al fabbricante!!!

[>> avanti veloce] Intrigato dalle sessioni di ascolto, ho simulato il circuito Trigon usando Pspice. La risposta in frequenza è enfatizzata, tra 100Hz e 1kHz, dopo la gamma media è stata abbassata leggermente, e riguadagna forza piena verso i 10kHz, per finire in un deciso roll-off dopo i 20 kHz.
Naturalmente con l'eccezione della seconda, queste deviazioni erano minime, non più di +/- 0.3 dB. [<< indietro]

L'ascolto

Ho inserito questa scatola nera tra il mio modificato ed extra-isolato Michell GyroDec con braccio Rega cablato in argento e fonorivelatore Ortofon MC-25Fl da una parte, ed il pre-Michell Argo/ Hera con Quad 306 e speakes ESL dall'altra.
L'Ortofon è una bobina mobile con un'uscita di 0.5mV ed una insensibilità dichiarata alle condizioni di carico, così il Vanguard è stato messo a 56dB di guadagno ed con un'impedenza di entrata di 100 Ohm/100pF: più o meno gli stessi valori del mio preamp. Pur non utilizzando la terra del braccio (che non c'è) il Trigon non ha mostrato alcun ronzio.

Iniziando con *Famous Blue Raincoat collection of Leonard Cohen songs* (raccolta di Jennifer Warnes), il Vanguard mi ha sorpreso con un lodevole suono pieno e potente.
Le voci soliste sullo sfondo nel pezzo *A Singer Must Die* erano facili da collocare nello spazio, ciascuna nella sua posizione, (sia orizzontalmente che in profondità!), ciascuno con la propria dinamica ed inflessione, e con Jennifer Warnes di fronte, presente, *intima*, come se fosse lì per farci una confidenza.
Questo pre-fono ha anche eccellenti capacità ritmiche, questo pezzo ha *vibrato* come mai prima d'ora, e la parte strumentale ha veramente un grande impatto dal settore dei bassi e delle percussioni.
Allo stesso tempo, comunque, è chiaro che l'equilibrio tonale del Vanguard era inscurito, con progressiva diminuzione dei dettagli e apertura nel medio e medio-alto, fino agli acuti dove le cose hanno ricominciato a scintillare.

Tutti gli altri dischi che ho provato, fondamentalmente hanno dato lo stesso risultato: un basso *rotolante* e profondo, i ritmi enfatizzati ed anche lo spessore dei toni fondamentali di voci e strumenti così simili che ognuno pareva suonare più netto e dinamico di quanto ci si aspettasse.
Tutto questo in una scena larga e profonda (moooolto coinvolgente con musica classica di grande potenza, specialmente nelle sequenze di archi!), scena tuttavia a tratti velata dai medi in sù.
La stabilità era soddisfacente, il suono corretto anche sulle sibilanti, il Trigon non è diventato mai aggressivo ne' ha perso il controllo. Malgrado quello smussamento dei medi, la risoluzione e la trasparenza erano piuttosto buone. O piuttosto, c'era un'abbondanza di trasparenza a livello musicale, intendo che quei particolari, come ritmo e inflessione, erano lì e facili da seguire, ma per la trasparenza a livello tecnico o *audiophile* mancava di qualcosa. È strano, no?

Il tono è brillante e vivace, ovvio perchè mancano false *lucentezze* o *grigiori* non dovuti. L'unità non era completamente priva di granulosità, non era morbida come con oggetti migliori (ma ancora migliore rispetto alla media, ha la pretesa artistica di un film seppia o bianco e nero), ma ne' la granulosità ne' la poca morbidezza sono state troppo intrusive.

Conclusioni

Questo Trigon è uno strano animale. Suona immensamente piacevole e coinvolge, con i suoi ritmi posti in evidenza e rinforzati come dinamica. L'equilibrio tonale è troppo scuro e rilasciato per essere veramente neutrale, ma almeno questo assicura un ascolto dolce e rilassato, mai rovinato da impurità.
Forse con un carattere un po' troppo forte per accordarsi veramente con i miei gusti, comunque questa unità mi è piaciuta molto, e penso che possa iniettare un po' di stile *Linn LP-12* in alcuni sistemi.
Inoltre, dato anche il suo basso prezzo, può fare molto bene in sistemi con sorgenti e altoparlanti non troppo costosi, sistemi che secondo me sono spesso troppo scarni e mancano di un po' di reale musicalità. E in fine, il Vanguard si adatta semplicemente a quasi tutti i fonorivelatori MM e MC. Lo raccomando se pensate che possa andare bene per voi, e se non volete stancarvi di lui....

Mistral Phonostage

[Mistral Phonostage]
Prodotto: Mistral Phonostage pre-fono MM/ MC
Fabbricante: LFD Audio, 110 Mezzaluna dell'Oxford, Clacton-on-Sea, Essex, C015 3PZ, [tel]. +44. (0) 255.22.01.40
Prezzo approssimativo: EUR500/ US$600 (unità stand-alone)
EUR250/ US$300 (da installare sulla piastra negli amplificatori integrati e pre Mistral e LFD)

Non c'è bisogno di consumare parole su LFD ora, potete leggere qualcosa di più sulla recensione della coppia pre/finale Linestage e Powerstage.
Il Phonostage ha lo stesso stile, come larghezza, è profondo solo la metà. Questo significa che questo componente dovrà necessariamente essere posto sempre in alto sulla *pila* dei componenti, da questo punto di vista non è abile come il Trigon a rendersi invisibile.

Tecnicismi

Questo Phonostage è la versione economica del pre LFD MM0, che, incidentalmente, ho già esaminato nel 1995 se la memoria non mi tradisce. Comparato al MM0, il PS ha un trasformatore EI-frame molto più piccolo, mentre i condensatori nel percorso del segnale sembrano essere del tipo MKS invece dei Wima MKP (polipropilene) del suo fratello più costoso.
Il circuito è identico, comunque: un Dual-mono seguito da regolazione di tensione basata su un 7812/7912. Il blocco di guadagno annovera un unico elemento, un operazionale NE5534 per canale, con una deenfasi RIAA completamente attiva.
L'uscita è accoppiata in AC con un condensatore elettrolitico. Tutto questo sembra non troppo costoso, con l'eccezione della solita resistenza al tantalio, ma ho ragione di credere che questa particolare implementazione ed anche la scelta di ciascun componente, sia frutto di numerosi test di ascolto per ottenere un risultato *sonico* migliore della mera somma dei singoli componenti; questo in contrasto con l'analisi *SORDA* e coi sacri testi che, in definitiva, non dicono nulla.

Dove l'MM0 poteva essere configurato MM con guadagno di (x90 o 39dB) o MC (x680 o 57dB) il tutto tramite switch interni, questo pre-fono può essere configurato ugualmente saldando due ponticelli all'interno: chiaramente questo è un lavoro da far fare al rivenditore.
In entrambi i casi, MM o MC, la resistenza di entrata è fissata a 47kOhms: questo privilegia le MM o le MC a alta uscita (high-output).
Il pre-fono è disponibile anche come conveniente scheda (senza alimentatore) da mettere nei pre e amp LFD e Mistral.

L'ascolto

Sostituendo il Trigon con il Mistral, all'inizio il suono era piuttosto scarno e se vogliamo un po' aspro: sembrando il pre tutto fuorchè nuovo, ho supposto che questa unità fosse già stata usata dal distributore, ma evidentemente non era così (il tipo dovrebbe procurarsi un giradischi decente!). Allora ho lasciato il pre acceso per alcuni giorni prima di ascoltare ancora e durante questo tempo si è davvero enormemente addolcito.
Dopo ciò, ed ancora cito a paragone il Vanguard, questo pre proveniente dall'Essex mi ha cullato con un suono fluido ed elegante, più neutrale del suo collega tedesco. Veramente neutrale!
Il Mistral è *fluido* nel senso che suona coerentemente su tutta la gamma audio (con l'eccezione forse di un trascurabile grigiore sugli acuti, probabilmente è l'NE5534 che mostra la corda), con un carattere raffinato e setoso ed una ripulita tutto intorno ai singoli strumenti.
Parlando degli strumenti: la separazione tra le varie sorgenti del suono è letteralmente meravigliosa. La profondità sembra essere minore di quella, esagerata, del Trigon, ma senza arrivare ad un quadro piatto.
Soprattutto il Mistral ha suonato con più aria e aperture, ma anche con una dinamica meno *esplicita* (non che questo fosse per niente negativo!), forse più dolce, e agile a ritrarre ciò che si presentava con la musica, come tempo e come spazio. Ha mostrato una migliore differenziazione tra i dischi e gli stili di registrazione, dove il Trigon si era comportato da equalizzatore, imponendo il suo carattere al di sopra della sorgente.

Conclusioni

Se si possiede già un amplificatore o pre integrato LFD, allora questo pre-fono è *obbligatorio*, come aggiunta alla piastra interna. Come un'unità separata, il Mistral è piuttosto costoso a livello di materiali ma, specialmente con le testine MM e le MC ad alta uscita (penso alla Goldring 1022 e 1042 e ai loro cloni Reson, Dynavectors, Van de hul MM-1 e MM-2, Benzes, ed altre gemme....), può operare ad un livello sufficientemente alto da giustificare interamente il suo costo.
Dopo tutto la sua neutralità e fluidità sono qualche cosa da sentire! Ancora una volta, LFD dimostra che la semplicità è la cosa migliore quando si parla di elettronica nell'audio.

Conclusioni Finali

Mi sono piaciuti tutti e due questi pre-fono. Il Trigon per il suo carattere caldo-analogico e irruento, il Mistral per la sua setosa neutralità. Come tali, entrambi vengono raccomandati, per un motivo o per l'altro. Adesso che ho detto tutto, io e il mio GyroDec speriamo in qualcosa di meglio, qualcosa con un suono che raggruppi le caratteristiche positive dei due apparecchi esaminati, tralasciando del tutto quelle negative. E il Mistral sembra più vicino a questa meta del Trigon.

© Copyright 1999 Werner Ogiers - http://www.tnt-audio.com
Traduzione: Alessandro Bianchi

Come stampare questo articolo

[ Home | Redazione | HiFi Shows | FAQ | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]