[ Home | Redazione | HiFi Shows | FAQ | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]

Omega Speaker Systems Modello TS2R

Diffusori monovia ad alta efficienza in Bass-Reflex

[English version]

Prodotto: Omega Modello TS2R
Costruttore: Omega Speaker Systems - USA
Prezzo di vendita: $899.00 USD/Euro la coppia
Recensore: Richard George - TNT USA
Data Recensione: Dicembre, 2002

[Omega Speakers Systems TS2R]

Il cammino che porta al nirvana dell'audio non è costituito da un unico percorso, ma da strade diverse e spesso divergenti. Una di queste, abbandonata qualche decennio fà ma recentemente riscoperta, richiede che tutti gli stadi di guadagno del segnale siano realizzati da semplicissimi circuiti utilizzanti valvole nella topologia single-ended. Questo tipo di configurazione progettuale ha acquistato una buona reputazione per la sua realistica qualità sonora, per l'uscita prettamente musicale, ed un'immagine olografica che i sostenitori giudicano ottima. Comunque, l'uso un amplificatore single-ended (SET) da due o tre watt per la riproduzione audio rappresenta una sfida notevole. In altre parole, quali diffusori si possono usare per avere la qualità di suono desiderata e allo stesso tempo fornire una "headroom" sufficiente per un intervallo dinamico effettivo ragionevole? Gli ampli SET a bassa potenza risultano a dir poco anemici quando gli si chiede di pilotare i tipici diffusori a bassa efficienza o i mini-monitor a livelli di ascolto soddisfacenti. Per risolvere questo problema sono necessari diffusori con un'efficienza superiore alla media.

Sfortunatamente, i diffusori ad alta efficenza presentano qualcosa di eccentrico e sono molto costosi. Ad ogni modo, i diffusori ad alta efficienza abbordabili negli ultimi tempi stanno diventando relativamente comuni. Poichè gli ampli a valvole di bassa potenza e ad un prezzo ragionevole sembrano essersi molto diffusi, la proliferazione di diffusori compatibili rappresenta sicuramente un fatto positivo. I diffusori ad alta efficienza di solito sono a linea di trasmissione o caricati a tromba, con progetti monovia. Benché con questo tipo di diffusori si raggiungano efficienze molto elevate e prestazioni musicali spesso superlative, la costruzione dei mobili risulta molto elaborata e richiede un notevole lavoro che li rende molto costosi. I diffusori progettati in questo modo sono tuttora disponibili, solitamente utilizzano altoparlanti Lowther e solo il mobile può arrivare a costare migliaia di Euro/USD. A parte l'alto prezzo di vendita, molti di questi diffusori sono così imponenti che il posizionamento in un ambiente casalingo alcune volte costituisce un problema.

La nuova generazione di diffusori ad alta efficienza di prezzo abbordabile si colloca solitamente sotto i 1.000 Euro ma, per consentire la riduzione dei costi, si sono dovuti accettare alcuni compromessi. Alcuni esemplari sacrificano un po' di efficienza per mantenere bassi i prezzi. Ad esempio, le Hornshoppe Horns hanno un'efficienza dichiarata di soli 92dB, e le Moth Audio Cicadas sono dichiarate a 94dB; per contro, molti progetti Lowther presentano efficienze che superano i 100dB. Alcuni progetti recenti ad alta efficienza, comprese le Cicada e le Loth-X, usano un cabinet in bass-reflex, una scelta che ha il vantaggio della semplicità e del basso costo di costruzione. Però, se non costruite correttamente, possono avere lo svantaggio di suonare come degli "scatolotti".

Poiché gli ampli SET a bassa potenza richiedono diffusori ad alta efficienza, i progetti da preferire solitamente usano un unico driver full-range. Perché i diffusori single-driver sono spesso da preferire? Dopotutto, un altoparlante full-range deve farsi carico di tutto l'intervallo di frequenze dalle basse alle alte, compito che risulta molto difficile. È più semplice coprire tutto lo spettro udibile con più altoparlanti. I sostenitori dei diffusori single-driver rivendicano che tali progetti presentano vantaggi indiscutibili sulla riproduzione del suono. I multivia devono essere controllati e interfacciati tramite una rete di crossover, che può essere sia passiva sia attiva, mentre un monovia non presenta nessun tipo di crossover. È credenza comune che i componenti aggiuntivi sul percorso del segnale audio possono alterarlo. Oltre ad interfacciare i diversi altoparlanti, il circuito di crossover può essere usato per correggere le inconsistenze di fase tra gli altoparlanti. I costruttori di diffusori di alta classe, come Spendor e Reynaud, fanno sforzi notevoli per assicurare un allineamento di fase appropriato in modo tale che la velocità, il ritmo, ed il timing siano accurati e musicalmente corretti. Queste caratteristiche sembrano risentire molto del disallineamento in fase e temporale, problema, questo, del quale non soffrono i monovia. Inoltre, senza il crossover che interrompe l'intervallo di frequenza, può esserci un miglior senso di coerenza, in particolar modo alle medie frequenze.

Omega Speaker Systems

La Omega Speaker Systems è una nuova azienda che costruisce esclusivamente diffusori. L'obiettivo dell'azienda, come riportato sul loro sito Web, è "...progettare e costruire diffusori che ripropongano la musica con la fedeltà con cui essa è stata concepita." Il progetto della linea di diffusori TS è caratterizzato dall'uso di un unico altoparlante full-range della Fostex, in un cabinet bass-reflex. I diffusori Omega non sono molto grandi, vengono generalmente classificati come taglia "bookshelf".

Gli altoparlanti Fostex usati nella linea TS appartengono alla serie FE-E degli altoparlanti full-range, che presenatano caratteristiche che più si adattano ai cabinet bass-reflex rispetto a quelli della serie FE-Sigma. Inoltre, tutti gli altoparlanti della linea Omega sono schermati, il che permette di poterli sistemare nelle vicinanze di televisori o monitor. Gli altoparlanti Fostex di questa serie usano leggeri coni in carta membrane in stoffa trattata. Omega Speaker Systems modifica gli altoparlanti per smorzare le onde riflesse e migliorare la risposta sulle basse frequenze. Tramite particolari modifiche e allineamenti, la Omega riesce ad ottenere bassi migliori dai piccoli diffusori riducendo i costi e mantenendo bassi i prezzi di vendita.

Gli altoparlanti full-range di grande diametro sono famosi per far ascoltare le alte frequenze in aree relativamente piccole ottenendo in tal modo un punto di ascolto ottimale molto ristretto. L'immagine e la musicaltà calano notevolmente quando l'ascoltatore si sposta rispetto a tale punto di ascolto. I coni Whizzer vengono impiegati spesso per disperdere l'energia sonora alle alte frequenze e migliorare la risposta in frequenza fuori asse e la qualità del suono. I diffusori più grandi della serie, i TS1 ed i TS2, fanno uso di altoparlanti con coni whizzer; i TS3 usano altoparlanti più piccoli senza coni whizzer. La Omega Speakers Systems produce correntemente tre modelli base della linea TS, dove TS sta per "True Sound". Tutti e tre i modelli sono disponibili nelle versioni "Standard" e "R"; la versione "R" aggiunge qualche componente di pregio per migliorare le prestazioni del diffusore rispetto alla serie Standard.

La serie di diffusori TS viene offerta con sette diverse finiture. Tali finiture permettono di inserire i diffusori in qualsiasi tipo di arredamento. Queste spaziano dai colori tenui, le finiture convenzionali quali l'acero naturale e l'impiallicciatura in ciliegio al Blu Artico all'acero lucido molto scuro, finiture laminate difficili da descrivere ma belle a vedersi. Ho a disposizione tre esemplari di TS2R. Tutti senza difetti nella finitura il che aumenta l'alta qualità dei diffusori. Effettivamente il loro aspetto non appare economico.

Che cosa è il modello TS2R?

[Diffusori TS2R, con e senza copertura]

I TS2R usano un Fostex FE167E, da 6.5 pollici, con altoparlante full-range montato nella metà superiore del baffle frontale. Il cono whizzer di questo Fostex presenta i bordi arrotondati, un design che suppongo riduca le problematiche dei coni whizzer quali "l'infame urlo" alle medie frequenze tipico di alcuni coni whizzer che equipaggiano gli altoparlanti. L'altoparlante delle Omega TS2R presenta un'efficienza di 94dB/1 watt/1 metro con un'impedenza nominale di 8 ohms. La risposta in frequenza delle TS2R va dai 58Hz ai 20KHz. L'unico tubo di accordo da 2 pollici è situato nella metà inferiore del baffle. Nella parte posteriore del diffusore sono alloggiati i morsetti in argento brevetto Cardas. Grazie al cielo non sono incassati in una vaschetta, ma sono montati direttamente sul retro del mobile. Questa caratteristica rende la connessione dei cavi di potenza molto agevole rispetto ai morsetti montati all'interno delle vaschette, in particolar modo nei periodi in cui occorre sostituire spesso cavi e/o diffusori. Il cablaggio interno è costituito da cavi Cardas tipo Litz e, naturalmente, non c'è la rete di crossover.

La grandezza delle TS2R è quella tipica dei mini-monitor: altezza 40.6cm (16 pollici), larghezza 21.6cm (8.5 pollici) e profondità 26.7cm (10.5 pollici). Con i loro 8.1 kg ciascuna (18 libbre), la TS2R costituisce un piccolo diffusore solido, robusto e pesante. Il mobile di questi diffusori è realizzato in MDF dello spessore di 1.9cm (3/4 di pollice) con un rinforzo interno, e con il baffle anteriore ed il pannello posteriore semiflottanti per ridurre le risonanze del cabinet, e fa uso di foam acustico, di fibra di vetro, e di Black Hole 5 (un materiale acustico smorzante) per assorbire le onde stazionarie e le risonanze del mobile. Inoltre, il modello "R" impiega uno strato di 6mm (1/4 di pollice) di un composto bituminoso incollato al mobile per smorzare ulteriormente le risonanze. La serie TS2 è totalmente impiallicciata e sulla parte anteriore e quella posteriore presenta una doppia impiallicciatura. I mobili sono veramente ben fatti con un'eccellente finitura. La finitura sul campione che mi è arrivato è di un "Sapele" naturale impeccabile. L'altoparlante ed il tubo di accordo in plastica sono fissati al baffle tramite viti in ottone a testa rotonda. È possibile usare una copertura nera per proteggere l'altoparlante e per migliorare l'aspetto delle TS2R. Tale copertura può essere rimossa facilmente durante le sessioni di ascolto.

Come suonano?

Come molti diffusori monovia, uno dei maggiori punti di forza delle Omega TS2R è rappresentato dalla qualità che difficilmente può essere ottenuta con i diffusori a più vie - la velocità, il ritmo e il timing rappresentano i principali pregi delle Omega. Ascoltate il ritmo esotico ed elaborato del nuovo CD di Benise, Mediterrania. Rappresenta un'esperienza piacevole e positiva, anche dopo aver ascoltato la stessa musica dal vivo soltanto poche ore prima. Non c'è nessun accenno alla noia, all'eccesso o all'effimero. I diversi strumenti a percussione appaiono solidi e veloci con un perfetto senso del tempo. Questo consente alle Omega di riproporre un suono musicalmente fedele, cosa che molti diffusori multivia di prezzo simili difficilmente riescono ad ottenere. Le TS2R fanno un ottimo lavoro nella riproduzione dei dettagli musicali. Comunque, a differenza di alcuni diffusori high-end, le TS2R non sembrano enfatizzare i dettagli a scapito della presentazione generale.

Anche se la casa dichiara che le TS2R arrivano a 20KHz, ho l'impressione che le alte frequenze siano leggermente smussate se confrontate con una coppia di B&W DM602, le B&W possono sembrare spesso molto brillanti e sbilanciate verso la parte alta dello spettro. Comunque, confrontando le Omega con un paio di Reynaud Twins, le alte non sembrano qualitativamente inferiori, ma appaiono ben bilanciate con il resto della gamma delle frequenze udibili. Con le TS2R, le alte frequenze sono pulite, senza diventare chiassose o eccessivamente brillanti. Se i diffusori sono angolati verso il punto d'ascolto, tendono ad essere eccessivamente sibilanti, ma regolando il toe-in dei diffusori in maniera appropriata, quindi con un'angolazione molto leggera o addirittura nulla, le sibilanti si notano molto meno. I transienti alle alte frequenze sono affilati e veloci, presentando un realismo che a volte manca in diffusori di prezzo similare. Le note sostenute ed il decadimento appaiono regolari e puliti; i piatti sembrano proprio piatti, i triangoli proprio triangoli. Questo può sembrare abbastanza scontato, un risultato facilmente ottenibile, ma il numero di diffusori che non riesce a soddisfare queste semplici caratteristiche è sorprendente. I transienti rapidi e puliti, insieme alle alte frequenze permettono alle Omega di riprodurre il suono degli strumenti acustici con pulizia ed autorevolezza. Il fatto che le Omega TS2R non riescono a raggiungere le prestazioni musicali dei diffusori di pari prezzo per quanto riguarda le alte frequenze, penalizza soltanto le prestazioni "hifi", non la capacità di riprodurre la musica.

Le TS2R restituiscono le voci con un tono appropriato e molto realistico, suonando né avanzate né arretrate. Questa caratteristica rende gli strumenti musicali molto espressivi, e la voce umana è ricca di informazioni, immediate ed evidenti, che dall'artista arrivano all'ascoltatore. Le voci femminili sono particolarmente avvincenti. Ascoltando la voce eterea di Mary Black o lo "smoky jazz" di Patricia Barber, ci rendiamo conto che le TS2R riproducono le voci femminili con delicatezza e dettaglio. Non ci sono colorazioni nasali, e non si rileva un suono inscatolato. Le voci maschili vanno quasi altrettanto bene, dall'eccentrico baritono Leon Redbone con Up a Lazy River allo straordinario tenore John Gary. Il disco della RCA Living Stereo Harry Belafonte Live at Carnegie Hall è da tempo uno dei miei preferiti per godermi semplicemente una prestazione musicale, e le piccole Omega non mi hanno deluso, tirando fuori tutte le nuances che mi aspettavo dalla performance di Belafonte.

La risposta in frequenza delle TS2R va dai 58Hz ai 20KHz, un dato che non si discosta molto dai diffusori multivia di pari prezzo. La mia sala d'ascolto è famosa per assorbire le basse frequenza, con il risultato che alcuni diffusori non riescono a raggiungere basse frequenze anche di 5 o 10 Hz superiori a quelle dichiarate. Questo non è accaduto con le TS2R. I bassi sono risultati energici e profondi, arrivando sotto i 60Hz, almeno nel mio ambiente. Ancor più importante, il basso era pulito, ed i transienti veloci e precisi. Anche se i transienti non sono stati veloci come con altri diffusori, comprese le stesse Omega TS3, non ho evidenziato eccessi. Avendo a disposizione sufficiente potenza, anche i passaggi più difficili alle basse frequenze sono risultati dettagliati e precisi. Quand'è che la potenza è abbastanza? Con un'efficienza dichiarata di 94dB, anche i 3.2 watts per canale erogati dalle 2A3 del Fi X possono pilotare le Omega a volumi superiori a quello che è il mio normale livello di ascolto, seza apparenti perdite di dettaglio o controllo dei bassi, anche nei passaggi più impegnativi. I ritmi e le percussioni semplici della musica rock non impensieriscono le Omega. I ritmi più complessi vengono facilmente gestiti con grazia ed accuratezza, anche quelli dal vivo di Bridge of Sighs del nuovo CD di Benise Mediterranea, e il terrificante Notte sul Monte Calvo di Mussorgsky. Comunque, considerato che le TS2R non possono riprodurre frequenze molto inferiori ai 60Hz con autorevolezza, potrebbe essere necessario un subwoofer che si occupi delle basse frequenze.

Aspetti Positivi

[I morsetti Cardas sul retro del mobile.]

Uno degli aspetti più significativi delle Omega TS2R è la loro flessibilità nei confronti delle amplificazioni. Molti diffusori monovia sono caricati a tromba, e spesso, i diffusori caricati a tromba "prediligono" le amplificazioni a valvole, in particolare i triodi single-ended. Invece, le TS2R suonano molto bene sia con ampli da 110 watt per canale, come il BV Audio PA300 sia con un Fi X 2A3 a triodi single-ended. In aggiunta, l'alta efficienza permette agli amplificatori di bassa potenza di raggiungere volumi di ascolto adeguati per prestazioni eccellenti. Ho sperimentato diverse combinazioni, per un breve periodo anche con un Dynaco ST70 (prima che una catastrofe si abbattesse sulle sue Mullard GZ34), un BV Audio PA300, un Decware SE84C-Select, un Fi X, un nOrh SE9, ed una coppia di nOrh Le Amps. Indipendentemente dall'amplificatore utilizzato, le TS2R si sono comportate bene, restituendo una presentazione delicata e avvincente. La combinazione che mi è piaciuta maggiormente, con le mie apparecchiature e nella mia sala d'ascolto è stata con il Decware SE34-I in configurazione con una sola valvola d'uscita per canale in modalità pseudo triodo. Questa combinazione si è avvicinata molto al dettaglio e alla superba immagine ottenuta con il piccolo SE84C-S, ma con maggior potenza e ricchezza, e con i bassi migliori e più rifiniti. Anche il PA300 ha lavorato molto bene, restituendo un basso preciso e controllato a livelli che non si erano raggiunti con lo SE34-I, anche se il PA300 alcune volte sacrificava leggermente la qualità del suono alle alte frequenze.

I diffusori Omega TS2R vantano un eccellente ricostruzione della scena se abbinati a sorgenti ed elettroniche adatte. La miglior immagine, durante le varie prove, l'ho ottenuta utilizzando una testina Dynavector DV20X, un preampli Decware ZTPre e un ampli SE84-CS collegato alle Omega da una coppia di Zero Autoformers con un'impedenza variabile da 8 ohms a 2.7ohms. Ogni strumento risulta intellegibile e chiaramente separato da tutti gli altri nelle tre dimensioni; c'è un sorprendente aumento di "aria" tra gli strumenti. Le posizioni degli strumenti sono definite in modo preciso sia in termini di profondità sia dell'ampiezza dell'immagine, anche se il palcoscenico non risulta particolarmente profondo rispetto a qualche altro diffusore. Con molte registrazioni è abbastanza evidente un'eccellente immagine stereo, compreso qualche CD, ma i risultati più eclatanti li ho avuti con il vinile di Arco Iris Peace Pipes.

Le piccole dimensioni delle TS2R facilitano gli spostamenti e gli aggiustamenti, e il progetto bass reflex permette un facile posizionamento nella maggior parte degli ambienti, almeno a confronto di alcuni diffusori caricati a tromba. Per ottenere un buon rinforzo dei bassi e per prevenire tagli alle alte frequenze causati da tappeti o moquettes, le piccole Omega necessitano un posizionamento su stand dedicati. Il posizionamento nel mio ambiente è risutato il migliore con i diffusori posizionati su stand ad un'altezza di 60cm (2 piedi), distanti dagli angoli della stanza, e a circa 45cm dalla parete posteriore, e con un leggero o nullo toe-in.

[Il mobile delle TS2R]

Lato del mobile delle TS2R che mostra una delicata venatura della finitura in "sapele" naturale.

L'aspetto e la finitura delle TS2R è letteralmente perfetto. I mobili sono massicci e robusti con degli spigoli perfetti. L'impiallicciatura è fatta talmente bene che sembrano fatti in vero sapele, piuttosto che in MDF impiallicciato. Naturalmente, se fosse sapele massello, potrebbero esserci maggiori problemi di risonanza che ridurrebbero la qualità del suono del prodotto.

Aspetti Negativi

L'altparlante TS2R, come quello delle Moth Cicada e dei diffusori Lowther, usa un cono whizzer per la dispersione delle alte frequenze. Questo non è un difetto di per sé, in quanto senza i whizzer, gli altoparlanti full-range di tali dimensioni potrebbero esaltare le alte frequenze in una zona limitata costringendo ad un punto di ascolto molto vincolante. Alcuni whizzers possono risultare troppo brillanti o troppo affaticanti con un toe-in inadeguato (Cicadas), e la maggior parte dei Lowthers sono tristemente famosi per lo sbilanciamento verso le medie frequenze, che solitamente viene attribuito ai whizzers. Le TS2R inoltre soffrono in maniera minore dei problemi relativi ai whizzer, anche se non stanno allo stesso livello delle Cicadas o dei Lowthers. Nel mio ambiente di ascolto, le TS2R hanno dato il loro meglio con un toe-in leggerissimo, quasi nullo. Se i diffusori vengono angolati in modo da essere diretti verso il punto di ascolto, le alte frequenze sono leggermente invadenti - non ruvide, dure o "chiassose", appena troppo intense e a volte questo si evidenzia in sibilanti eccessive. Naturalmente, questo effetto varierà in base alla sala d'ascolto e potrebbe diventare problematico nelle stanze nolto riverberanti. Inoltre, la brillantezza dei whizzer potrebbe essere accentuata dalle amplificazioni a stato solido dando come risultato un suono abbastanza aspro. Tutto ciò si è evidenziato con i Le Amp monofonici, ma non con il BV Audio PA300.

Durante gli ascolti, il palcoscenico proposto dalle TS2R era meno profondo rispetto a quello di altri diffusori. Alcuni diffusori effettivamente restituiscono un palcoscenico che può superare i limiti della stanza, e le Omega difficilmente riescono ad arrivare a tanto. Inoltre, questo potrebbe anche essere un problema di acustica ambientale della mia sala d'ascolto. La profondità ridotta del palcoscenico non ha un effetto significativo sulla capacità delle Omega a riprodurre immagini 3-D stabili. Una cosa importante da tenere sempre a mente, in ogni caso, è che parametri come il "palcoscenico" e "immagine stereo" rappresentano aspetti divertenti dell'audio a due canali, ma non sono necessari per apprezzare la buona musica.

Conclusioni

La Omega Speaker Systems ha fatto ingresso nell'affollato mercato dei diffusori con un prodotto apparentemente convenzionale, anche se non lo è. A dispetto dell'aspetto di un mini-monitor standard, le TS2R sono diffusori ad alta efficienza che forniscono ai possessori di apparecchiature a valvole di bassa potenza una nuova scelta, a prezzi accessibili e molto gradita. Oltre ad essere caratterizzate da una qualità audio notevole, le TS2R rompono la tradizione che vuole molti altri costosi diffusori monovia e presentano un aspetto gradevole ed una buona finitura con la possibilità di scegliere tra diverse rifiniture possibili.
Molti dei diffusori ad alta efficienza che stanno nella stessa fascia di prezzo delle Omega TS2R hanno un design eccentrico, una qualità di finitura discutibile, o non permettono di scegliere i tipi di finitura ed i colori. La Omega offre diverse finiture di qualità eccellente, che permettono di inserirle in molti generi di arredamento e le rende più accettabili dagli altri componenti della famiglia ai quali non interessa l'audio (solitamente la moglie). Ridete pure, ma il WAF (wife acceptability factor) è molto importante in tante famiglie.

Che le Omega TS2R siano rifinite in maniera impeccabile potrebbe essere irrilevante se non fossero in grado di fornire un suono di elevata qualità. Ma questo obbiettivo le TS2R lo raggiungono. La loro presentazione è chiara e musicalmente onesta né troppo brillante né troppo cupa. Restituiscono un buon dettaglio, ma non a tal punto da rendere inascoltabili le registrazioni non impeccabili. Anche se le Omega non possono egualiare la risposta in frequenza di alcuni diffusori multivia più convenzionali, queste forniscono un bilanciamento tonale eccellente ed una risposta in frequenza molto lineare.
Ugualmente importante, le TS2R sono state progettate per essere abbinate a ampli a valvole di bassa potenza, anche se si comportano molto bene anche con apparecchiature a stato solido di alta classe. Alla fine, le Omega TS2R non sembrano essere state progettate per soddisfare la "perfezione sonora" cercata dagli audiofili, ma piuttosto, sembrano essere progettate per richiamare gli amanti della musica che apprezzano i prodotti costruiti in maniera raffinata. Anche se ci sono molte scelte nella fascia di prezzo delle Omega che propongono sonorità simili, la combinazione di un suono di elevata qualità con una scelta tra splendide finiture è unica e da apprezzare molto.

Commenti del costruttore

Molte grazie a Richard per il lavoro svolto, ed a TNT per avermi dato l'opprtunità di avere una recensione delle TS2R. È stato un vero piacere.

Grazie ancora,

Louis Chochos,
Presidente, Omega Speaker Systems

Voglio ringraziare Louis Chochos, presidente della Omega Speaker Systems, per avermi fornito le informazioni necessarie e i diffusori in prova utilizzati per questa recensione.

© Copyright 2002 Richard George - http://www.tnt-audio.com

Traduzione italiana: Fabio Egizi

[ Home | Redazione | HiFi Shows | FAQ | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]