Plinthology 1: alta massa e rigido

Una ricetta originale per un plinto ad alta massa

[Lenco plinth glass finished]
[English version here]

Prodotto: plinto ad alta massa Plinthology1
Produttore: non in vendita, Progetto di auto-costruzione di TNT-Audio
Autore: Piero Canova - TNT Italia
Pubblicato: Ottobre, 2021

Premessa

Negli ultimi 15 anni mi sono dedicato spesso a sperimentare nuove soluzioni alternative per costruire un buon plinto per giradischi. Ovviamente pochi hanno funzionato bene, altri meno bene e molti sono finiti nell'isola ecologica del mio comune di residenza. Ho pensato potesse essere interessante condividere con voi alcune soluzioni che secondo me funzionano bene e che hanno generalmente un costo ragionevole. Ovviamente i progetti vanno adattati alla base motore che utilizzerete ma spero di fornirvi delle indicazioni abbastanza avanzate su come costruire ed eventualmente adattare i vari progetti.

Non c'è un filo comune nelle varie soluzioni salvo il fatto di avere tutti dimensioni abbastanza importanti e soprattutto una massa piuttosto elevata. In generale la mia esperienza dice che un giradischi suona bene specialmente nelle prime ottave se è caratterizzato da una massa elevata. Sicuramente questo funziona benissimo con i giradischi a trazione diretta degli anni '70 e con i giradischi a puleggia; ho fatto meno prove con i giradischi a cinghia perché è più difficile trovare una base motore ben funzionante a costi ragionevoli ma il concetto di alta massa si ripropone anche sulle migliori realizzazioni a cinghia. Detto questo, passiamo alla prima tipologia.

Alta massa e rigido

Il primo plinto che vi propongo, come dicevo sopra, ha una massa molto elevata e non ha alcun elemento elastico nel progetto. L'assorbimento o smorzamento delle vibrazioni sia esterne che generate dal motore o dalla rotazione del piatto sul perno è delegato alle proprietà dei materiali utilizzati. In questo caso i nostri ingredienti sono vetro laminato e sabbia. Il risultato lo potete vedere nella fotografia sotto il titolo applicato ad un Lenco L75 ed è un giradischi del peso di 50Kg braccio escluso.

Il vetro laminato è un accoppiato vetro-Polibutirrale-vetro che ha caratteristiche per noi molto interessanti. Infatti, è strutturalmente molto resistente, non risuona anzi è piuttosto "sordo" ed infine pesa parecchio. Il progetto parte dalla realizzazione di una prima vasca inferiore di dimensioni esterne 433 x 377 x 110mm a cui verranno fissati i piedi e verrà parzialmente riempita di sabbia. Come tipologia di vetro laminato vi consiglio di usare il 5+5mm; in commercio si trovano anche il 6+6mm e l'8+8mm ma le prove che ho fatto non mostrano miglioramenti acustici ed il prezzo sale notevolmente. Non è necessario usare vetri temperati che nuovamente aumentano il costo e non offrono prestazioni aggiuntive. Potete se vi piace usare vetri bronzati o acidati ma queste sono considerazioni estetiche che lascio al vostro gusto personale. Riassumendo quindi, avrete bisogno di 4 pezzi delle dimensioni seguenti:

Fatevi tagliare i vetri di misura da una vetreria e, se sono disponibili, fatevi incollare i pezzi; usano collanti speciali reticolati UV che garantiscono le migliori prestazioni meccaniche e una ottima durata nel tempo. Se invece non vi offrissero il servizio di incollaggio ricordatevi di far molare gli spigoli perché altrimenti ve li consegnano taglienti come lame di rasoio il che non è il massimo per maneggiarli. Ricordatevi anche di ricavare su un lato un foro che vi servirà per far uscire il cavo di alimentazione. Con un bel po' di manualità e pazienza potete anche voi fare i fori ma dovete essere sicuri che i vetri non siano temperati e che sappiate bene come farlo. Altrimenti fateveli forare in vetreria: costa perché fare buchi nel vetro costa caro ma se si dovesse rompere nell'operazione non sarà un vostro problema. Nel mio caso mi sono limitato a far passare il cavo che per interferenza evita che esca la sabbia ma se vi fate fare un foro un po' più largo potete montare un bel pressacavo cromato che da un aspetto molto migliore. Montate ora i piedini: io ho scelto tre punte regolabili in altezza per poter poi mettere in piano il giradischi e perché non volevo nessuna componente elastica nel sistema. Nulla vieta di usare materiali elastici o molle ma calcolate bene il massimo carico per ciascun piede per evitare che in sede di installazione superiate il carico massimo deformando uno o più piedini.

A questo punto se volete potete passare al parziale riempimento della vasca con la sabbia. Per riempire di sabbia in modo uniforme la vasca, vi consiglio di usare del nastro adesivo di carta e di disporlo sui 4 lati in modo da avere un riferimento visivo. Lo spessore del letto di sabbia dovrebbe essere non meno di 30mm e non più di 50mm. Come sabbia io vi suggerisco quella da intonaci disponibile presso quasi tutti i fai da te: è di granulometria fine, setacciata e quindi dona anche un bell'aspetto al tutto visto che il vetro è trasparente e quindi si vede tutta la meccanica interna. Mettete da parte un 25% di sabbia che vi servirà in seguito. Dovreste aver ottenuto una cosa che assomiglia all'immagine qui sotto.

[Lenco glass plinth bottombox]

Usate una spatola larga o qualcosa di simile per distribuirla uniformemente in modo che sia allineata con il bordo superiore del nastro che avete disposto come riferimento. Cercate di essere precisi nella disposizione del nastro e nello spianare la sabbia; potete alla fine rimediare a piccole differenze di altezza ma se sono grosse farete fatica a mettere in piano il tutto. Abbiate cura di passare il cavo di alimentazione prima di riempire il fondo di sabbia altrimenti ve ne uscirà un bel po' dal foro che avete fatto fare. In questo caso io ho usato un cavo tipo TNT Merlino in quanto flessibile e facile da piegare.

A questo punto possiamo passare al secondo pezzo strutturale che è costituito da 4 pareti laterali e due barre di irrigidimento e di appoggio sul fondo. Sostanzialmente è un parallelepipedo rettangolare a cui mancano il lato superiore che è costituito dal giradischi e una fetta centrale del lato inferiore. Le misure sono tali per cui tra la scatola inferiore (quella piena di sabbia) e questo elemento superiore vi sia un gioco di 10mm su ogni lato e quindi non vi sia contatto fisico tra i due elementi se non attraverso la sabbia.

Le modalità di costruzione sono le stesse di prima e quindi stesso vetro e stesso incollaggio. Nel mio caso le misure esterne coincidono con il bordo esterno della piastra metallica superiore del Lenco L75 ma questa costruzione funziona perfettamente anche per basi motore differenti quali Technics, Denon o a vostra scelta. Avrete quindi bisogno dei seguenti pezzi:

I due pezzi da 70mm vanno incollati ai due estremi dei 4 lati della scatola superiore nella parte di fondo e serviranno come appoggio per evitare che la parte superiore affondi nella sabbia oltre che per irrigidire nella parte inferiore le pareti che sosterranno il giradischi. La foto che segue credo spieghi molto meglio la costruzione.

[Lenco plinth glass twoboxes]

Riguardo al braccio e ai suoi cablaggi io ho scelto di installarlo in una colonna separata dalla base motore per isolare completamente il braccio dal rumore prodotto dal motore ma se volete utilizzare il braccio standard Lenco o un altro braccio da 9" dovrete far passare il cavo di segnale. Dovrete quindi farvi fare una seconda foratura, questa volta nella scatola superiore; prendete bene le misure di che diametro vi serve per far passare i connettori RCA o il pentapolare DIN. Potreste anche farvi tagliare una asola rettangolare su cui montare due RCA femmina in modo da usare i cavi di segnale che preferite. Personalmente nei cavi in generale ed in particolare in quelli dei bracci cerco di ridurre al minimo le saldature per cui nei miei uso cablaggi in singola mandata dalle pagliuzze agli RCA ma se preferite differentemente il progetto vi consente di farlo.

Ora potrete appoggiare la scatola superiore sulla sabbia della scatola inferiore. Cercate di appoggiarla tutta insieme in modo da non creare buchi da un lato. Ora coprite con la sabbia avanzata le parti orizzontali del fondo della scatola superiore in modo da ottenere un fondo completamente opaco acusticamente. A questo punto, finalmente, siete pronti ad appoggiare il vostro giradischi sulla scatola superiore. Tirate gentilmente il cavo di alimentazione in modo da farlo scorrere fino a fargli formare una ansa morbida nella parte inferiore.

Per fissare la base motore ai vetri garantendo una ragionevole rimovibilità io utilizzo un biadesivo strutturale (quello bianco gommoso che si usa per gli specchi); nel caso dovessi smontare la base motore è sufficiente tagliare lungo il bordo con un cutter e pulire i vetri prima di riassemblare il tutto. Per finire, versate ancora un po' di sabbia nella intercapedine tra scatola interna ed esterna. Livellatela con un dito o un attrezzo a vostro piacere in modo che sia uniformemente riempita. Lasciate qualche millimetro di bordo libero perché la sabbia ha la pessima abitudine di andare in giro dappertutto e non vogliamo che questo succeda.

A questo punto mettete in bolla il tutto. Avvitate completamente i piedini e cercate la messa in bolla alzando o premendo la scatola superiore con delicatezza. Con poca fatica si arriva quasi alla planarità che poi finirete di mettere a punto usando i piedini. Trovate un aiutante e fatevi aiutare a portare il giradischi al suo punto di installazione. Non vi consiglio di farlo da soli perché pesa 50Kg e non rispondo del benessere della vostra schiena. Verificate anche preventivamente che il vostro scaffale possa portare carichi di questo tipo.

Parliamo di costi: possono variare notevolmente a seconda della qualità del vetro che sceglierete e dalla disponibilità della vetreria ma direi che i vetri potrebbero oscillare tra i 250 ed i 500€; sabbia e altri materiali sono trascurabili. Ovviamente va aggiunto il costo della base motore ma se trovate qualcosa di buono il risultato si posiziona ai massimi livelli.

Come suona?

Le prove che ho fatto con diverse basi motore di buon livello mostrano che questo plinto è potente ed accurato allo stesso tempo. È un sei cilindri in linea dell'ultima generazione: solido e potente in basso ma quando inizia a salire di giri fa spettacolo. Dategli un segnale musicale che contenga un bel po' di bassi e scoprirete frequenze che non avevate mai ascoltato, sempre però con la massima pulizia e dettaglio.

La combinazione puleggia + base alta massa + organo scende senza problemi fino alla prima ottava senza sforzo o distorsione; sembra dirti "il segnale è stato registrato così ed io te lo riproduco così come faccio per le altre frequenze". Contemporaneamente però non suona addormentato e lento come qualche altra base che ho ascoltato. Non sottrae energia alla musica né la colora, ma semplicemente isola efficacemente il disco dall'esterno consentendo di ascoltare il segnale musicale e basta. Funziona magnificamente con i giradischi Lenco ma se mettete una bella base motore DD il senso del tempo ed il PRAT sono ai massimi livelli. Potete provare a picchiettare con le dita la scatola inferiore mentre ascoltate un disco e tutto quello che otterrete è un suono sordo che vi farà capire quanto smorza i disturbi esterni.

Conclusioni

Abbiamo ottenuto:

Ed infine, secondo me, è bello da vedere e certamente non passa inosservato.

DISCLAIMER. TNT-Audio è una rivista di divulgazione tecnico-scientifica 100% indipendente che non accetta pubblicità, banner o richiede abbonamenti e registrazioni a pagamento ai propri lettori. Dopo la pubblicazione di una recensione, gli autori non trattengono per sé i componenti in prova, se non per una valutazione a lungo termine che includa il confronto con prodotti simili in prova a breve distanza di tempo. Di conseguenza, tutti i contenuti delle recensioni sono prodotti senza alcuna influenza né editoriale né pubblicitaria. Le recensioni, positive o negative, riflettono le opinioni indipendenti degli autori. TNT-Audio pubblica eventuali repliche delle Aziende, condizionatamente al diritto di controreplica dell'autore stesso.

[Trovaci su Facebook!]

Copyright 2021 Piero Canova - piero@tnt-audio.com - www.tnt-audio.com