Lettore audio portatile Dodocool DA106

[Lettore audio portatile Dodocool Da106]

La musica portatile fa sul serio

[English version here]

Prodotto: lettore audio portatile Dodocool
Produttore: Dodocool - Hong Kong
Prezzo: € 45,99
Recensore: Nick Whetstone - TNT UK
Pubblicato: Dicembre, 2017
Traduttore: Roberto Felletti

Introduzione

È difficile crederlo, ma sono passati già 36 anni da quando sedevo nel salotto di un ostello per viaggiatori in Malesia, durante il mio viaggio di due anni e mezzo, zaino in spalla, in giro per il mondo. Stavo scrivendo il mio diario, mentre alcuni compagni di viaggio sembravano divertirsi con un piccolo lettore di cassette e una cuffia. Essendo un tipico snob dell'hi-fi, sorrisi e continuai a scrivere; ma quando mi fu offerta la possibilità di ascoltarlo, dovetti ridimensionare il mio atteggiamento. Era un Sony Walkman WM1, e ne rimasi talmente colpito che, alcune settimane dopo, a Singapore, acquistai un WM3, godendomi alcune ottime esperienze di ascolto per il resto del viaggio. Dopo che il WM3 mi fu rubato, ebbi un altro paio di Walkman e successivamente un lettore CD portatile che in realtà non portavo mai con me, a causa delle sue dimensioni, per non parlare del fastidio di portarmi dietro i CD. Comunque, da snob dell'hi-fi, ho evitato l'iPod e le sue molte alternative, poiché non avevo intenzione di ascoltare gli MP3. Ma circa cinque anni fa scoprii il piccolo Sansa Clip, che riproduceva i file in formato FLAC, e ne acquistai uno, potendo così nuovamente ascoltare musica durante gli spostamenti. Il Clip è minuscolo e riproduce musica non compressa. Cosa chiedere di meglio? Ebbene, esaminando le specifiche il Dodocool DA106 è anni luce avanti ai lettori MP3 ai quali molti di noi sono abituati, per cui quando a TNT-Audio ne è stato offerto uno da recensire, ho colto la palla al balzo.

Il prodotto

Il DA106 era arrivato imballato in una scatola nera piuttosto elegante, protetta da un inserto in schiuma. Ancora prima di aprire la scatola, ero rimasto colpito dal peso della confezione. All'interno c'era il DA106 e, tirandolo fuori, avevo notato che era decisamente più largo e pesante del Sansa Clip. Malgrado ciò, sarebbe entrato comunque facilmente in una tasca. Realizzato in metallo (alluminio), trasmetteva solidità, sembrava molto ben costruito e, nel suo piccolo, era abbastanza bello da un punto di vista estetico. Sarà l'età, ma mi piace vedere le cose nella loro giusta prospettiva anziché indulgere in lodi sperticate quando si tratta di prodotti di questo tipo. Inoltre, nella scatola c'erano un cavo per collegarlo al computer e un pieghevole che spiegava come usare il dispositivo. La cuffia non è in dotazione.

[Il lettore audio portatile Dodocool DA106 a confronto con altri tipi di lettori portatili]

Il DA106 è un lettore che riproduce file di tipo lossless (senza perdita di informazioni). Ma, a parte la capacità di riprodurre file in formato FLAC, può riprodurre qualunque altro tipo di file, compresi quelli in alta risoluzione. Ciò significa non solo WAV o FLAC in alta risoluzione, ma anche i file in formato DSD (64, 128 & 256 - DSF & DFF), AIFF, ecc. (fino a 24 bit / 192 kHz). In altre parole, è una sorgente audio senza compromessi che dovrebbe essere al livello del tipo di apparecchiature che usiamo nei nostri impianti domestici.

Questo lettore utilizza un processore ARM Dual Core M3 Cortex, e ricordo di aver usato computer con processori decisamente inferiori! In parte, il suo peso è dovuto alla grossa batteria impiegata, la quale fornisce una davvero generosa autonomia di 30 ore di ascolti tra una ricarica e l'altra. Oltre all'ingresso per la cuffia, il lettore dispone di un'uscita linea per collegarlo a un impianto hi-fi, a una docking station o, naturalmente, a un impianto per auto. A parte riprodurre file, funge anche da radio e da registratore vocale (sebbene limitatamente al microfono interno). Ha un display QVGA LCD da 2" (risoluzione 320 x 240). Dimostrando considerazione per i clienti, il sistema operativo può essere configurato in 21 lingue diverse. Esso presenta le solite funzioni che si possono trovare sui lettori audio portatili moderni: riproduzione casuale e altre, nonché un'equalizzazione di base, ma non c'è la possibilità di utilizzare servizi di streaming (come, ad esempio, Spotify).

Specifiche tecniche (fonte: sito Dodocool)

La confezione comprende:

Funzionamento

Avevo iniziato facendo riferimento al pieghevole allegato, ma a parte indicarmi a cosa servissero i pulsanti, non mi aveva fornito alcuna informazione utile su come usare il DA106. Mi aveva sorpreso il fatto che il lettore sembrasse spegnersi completamente dopo alcuni secondi, dovendolo riaccendere per usarlo di nuovo, per poi spegnersi un'altra volta. Il motivo era che dovevo soltanto tenere premuto, momentaneamente, il pulsante di accensione per disattivare lo spegnimento automatico. Sono sicuro che molte persone potrebbero avere bisogno di, o almeno apprezzerebbero, istruzioni aggiuntive che rendano la loro prima esperienza con il DA106 meno frustrante. Sinceramente, viviamo in un mondo di aggeggi elettronici nei quali un singolo pulsante svolge funzioni diverse, e il DA106 non fa eccezione vista l'iniziale complessità di utilizzo. E ho anche notato che i giovani hanno la tendenza a imparare a usare i congegni elettronici smanettandoci su, mentre quelli, come noi, un po' più attempati si affidano di più alle istruzioni.

[Display del lettore audio portatile Dodocool DA106]

Una cosa che avevo trovato molto facile da usare era stata trasferire la musica dal computer al DA106. Per questa procedura, è sufficiente collegare il DA106 al computer con il cavo in dotazione e poi copiare e incollare i file o le cartelle. Il DA106 dispone di uno slot per schede micro SD (conosciute anche come TF, Trans-Flash) e io avevo apprezzato il fatto che, inserendo nel DA106 quella che usavo nel Sansa Clip, potessi avere tutta la mia musica immediatamente disponibile. Il DA106 ha una memoria interna da 8 GB, per cui una scheda esterna è pressoché indispensabile per molti utilizzatori, a maggior ragione se si possiede molta musica in alta risoluzione.

Come spero tutti sappiano, la qualità di un impianto hi-fi, come di qualsiasi altra catena, è buona nella misura in cui lo è la qualità dell'anello più debole. Nel caso di un prodotto come il DA106, l'altro anello della catena è costituito dalla cuffia. In realtà, ce n'è un altro, ed è l'ambiente di ascolto, che farà la sua parte! Nel mio caso, non possiedo cuffie esoteriche e spiegherò perché: a parte l'aspetto economico, la mia esperienza con i lettori audio portatili, nel corso degli ultimi 36 anni, mi ha fatto capire che le cuffie, o gli auricolari, sono oggetti delicati che non durano molto. Una volta ero uscito per fare una passeggiata, ascoltando il Walkman, quando un cane, amichevolmente ma in maniera troppo esuberante, mi saltò addosso, strappando di netto il cavo della cuffia che indossavo. Anche senza quell'esperienza, basta davvero poco per danneggiare questi oggetti così fragili, e quindi preferisco qualcosa di meno costoso nel caso in cui lo debba sostituire. Detto ciò, le due cuffie che al momento possiedo sono di discreta qualità, e avendole usate con il Sansa Clip nel corso degli ultimi anni, sapevo che mi avrebbero dato una buona idea di come il DA106 avrebbe suonato in confronto al Sansa Clip.

L'ascolto

Passiamo ora alla prova di ascolto. Sul DA106 avevo caricato gran parte della mia musica preferita, oltre a una selezione di tracce in alta risoluzione e anche alcuni MP3! Già dal primo brano il DA106 aveva fatto sembrare il suono del Sansa Clip molto mediocre. In particolare, la chiarezza era migliore. In realtà mi faceva desiderare di ascoltarlo, anziché sentire semplicemente un po' di musica giusto per passare il tempo durante un viaggio in autobus o in qualche altro modo. Devo ammettere che mi aveva anche invogliato a cercare online delle cuffie più costose. Quando avevo riprodotto i brani in alta risoluzione, l'aumento in termini di fruibilità sonora era chiaramente percepibile. La qualità sonora era simile a quella che un impianto hi-fi degli anni '70 avrebbe avuto se ascoltato con una cuffia decente.

Avevo provato anche la radio. La ricezione era decisamente migliore di quella della radio del Sansa Clip, pressoché inutilizzabile; quella del DA106 era “forte e chiara” (sebbene molto dipenda dal posto in cui la radio viene usata). Avevo sintonizzato BBC Radio 4 e mi ero messo ad ascoltare uno spettacolo teatrale. Era la prima volta in assoluto che percepivo gli effetti sonori di uno spettacolo radiofonico che ricreavano un'immagine tridimensionale della scena.

Dopo aver acquisito dimestichezza nell'uso del DA106, avevo scoperto di riuscire abbastanza facilmente a utilizzare molte sue funzioni. I pulsanti sono leggermente sporgenti, risultando più facili da premere, e mi era piaciuta la rotella che circonda il pulsante principale, che permette di navigare molto comodamente tra le opzioni. Non so se la cosa sia voluta, ma quella rotella e quel pulsante mi hanno ricordato un LP in miniatura! Talvolta, avevo difficoltà a leggere cosa c'era scritto sul display; è uno schermo discreto, con una risoluzione adeguata, ma i caratteri del testo sono talmente piccoli che li leggevo a fatica. Va bene, sono nei 60, e la mia vista non è più quella di una volta, ma riesco a leggere testi con dimensioni normali senza occhiali. In presenza di luce forte, i riflessi sullo schermo peggiorano le cose, ma anche in questo caso, sinceramente, è un problema comune a tutti gli schermi di questo tipo, non solo di quello del DA106. Ovviamente, quando ascoltate la musica non è che guardate lo schermo così spesso, ma io avrei preferito un display meno “esotico”, con un testo di dimensioni maggiori che mi agevolasse nella scelta della musica. Sebbene lo schermo del Sansa Clip sia quasi primitivo in confronto, il testo è leggermente più grande e più facile da leggere. La mia sensazione è che sarei stato felice lo stesso anche se il DA106 non avesse avuto un display con una bella grafica, se ciò avesse comportato una maggiore leggibilità del testo. È chiaro che chi ha la vista buona non sarà d'accordo con me.

Per ragioni a me sconosciute, uno o due album che avevo cercato di ascoltare con il Sansa Clip causavano il blocco del lettore alla fine di alcune tracce. Avevo caricato di proposito quei due album sul DA106 ed ero rimasto molto contento del fatto che il lettore li riproducesse senza alcun problema. In effetti, non ho sperimentato alcun blocco con il DA106, per l'intero periodo della prova.

Per valutare ulteriormente la qualità sonora del DA106, l'avevo collegato a un impianto hi-fi. Era forse la prima volta che pensavo a un cavo più esoterico dotato di jack da 3,5 mm, ma, pensandoci bene, non c'è molto che possa essere saldato su uno spinotto così piccolo. Comunque, mi ero ben presto dimenticato del cavo quando mi ero seduto ad ascoltare. La prima cosa che avevo notato era che dovevo ruotare significativamente la manopola del volume sull'amplificatore. Questo me l'aspettavo, poiché il minuscolo DA106 è alimentato da una batteria da 3,7 V e non può avere un livello di uscita elevato. Una volta regolato il volume, il DA106 era più che in grado di offrire un suono decente. Ovviamente non aveva la qualità dell'iFi iDAC, con il suo alimentatore dedicato, e il pre-amplificatore, né mi aspettavo l'avesse. Ma nel complesso, ascoltare il DA106 con il mio amplificatore e i miei diffusori è stato piacevole.

Conclusioni

Quindi, qual è il mio giudizio sul Dodocool DA106? Come lettore audio portatile, niente da dire; è chiaramente il migliore che abbia ascoltato. Ciò che lo distingue da tanti altri lettori portatili è la sua capacità di riprodurre i file musicali in alta risoluzione. La domanda da porsi è: riuscirà l'ascoltatore ad apprezzare pienamente questi file in alta risoluzione? A parte la scelta di una cuffia idonea, anche l'ambiente di ascolto avrà un ruolo importante. Ho riscontrato che, molte volte che ho usato un lettore audio portatile, il rumore di fondo è sempre stato il fattore chiave che influiva maggiormente sul grado di apprezzamento dell'esperienza di ascolto. Ma se lo si ascolta a casa, o in qualunque altro posto silenzioso, il DA106 offrirà una sorprendente qualità sonora e renderà più appagante la musica in alta risoluzione. Suppongo che molte persone usino i propri lettori portatili con una docking station, e naturalmente il DA106 eccellerà anche sotto questo aspetto.

Pertanto, per farla breve, è più probabile che l'ascolto in alta risoluzione offerto dal DA106 sia più allettante per coloro che lo userebbero come sorgente principale, anziché per chi lo userebbe solo come un mezzo per ascoltare musica durante gli spostamenti. Per i primi, il DA106 rappresenta un'eccellente alternativa, e dovrebbe essere in grado di soddisfare l'ascoltatore più esigente. Inoltre, a casa i riflessi sullo schermo non sarebbero un grosso problema. Se avete un debole per la musica in alta risoluzione, avrete bisogno di una scheda SD di grande capacità; poiché le memorie sembrano costare sempre meno, grazie alla crescita della domanda da parte nostra, il prezzo non rappresenta un problema. Abbinato ad auricolari o cuffie di buona qualità, o a una valida docking station, il DA106 offrirà una vera alta fedeltà a chi, probabilmente per questioni di spazio, non può permettersi un impianto di dimensioni maggiori. E, giusto per chiarire, il DA106 è anche un ottimo lettore audio portatile da usare fuori casa.

Ma ho lasciato deliberatamente il meglio alla fine. Con quello che costa, il DA106 (secondo me) è uno degli affari migliori di sempre. In effetti, il prezzo rende le mie lamentele su questo prodotto quasi futili. Il prezzo è il motivo per cui non ho nemmeno menzionato i lettori portatili alternativi top di gamma, perché semplicemente non avrebbero potuto competere con il DA106, economicamente parlando. Questo lettore costa poco più del Sansa Clip, ma sembra una Bentley paragonata a un'auto di quei kit fai-da-te, e sbaraglia il Clip dal punto di vista delle prestazioni audio. Il mio consiglio è acquistarne uno finché potete farlo, anche solo per godervi un po' la musica mentre state passeggiando.

Quasi incredibilmente, la Dodocool offre ai lettori di TNT-Audio uno sconto che porta il DA106 a costare 39.99€! Pertanto, se volete un DA106 cliccate qui e inserite il codice UMNDWOMV prima di effettuare l'ordine.

[Trovaci su Facebook!]

© Copyright 2017 Nick Whetstone - nick@tnt-audio.com - www.tnt-audio.com