T+A Elektroakustik E-Series Music Player

[T+A Elektroakustik E-Series Music Player]

Qualità bilanciata

[English version here]

Prodotto: Elektroakustik E-Series Music Player
Produttore: T+A - Germania
Distributore per l'Italia: Antonio Grandi GTO srl - a.grandi@gto.it
Prezzo: € 3.500 (listino)
Recensore: Richard Varey - TNT Nuova Zelanda
Pubblicato: Ottobre, 2016
Traduttore: Roberto Felletti

Introduzione

Utilizzando, da un po' di tempo a questa parte, l'amplificatore bilanciato T+A E Series Power Plant, e piacendomi molto, non vedevo l'ora di avere la possibilità di provare il Music Player bilanciato della medesima serie, ancora grazie a PQ Imports, importatore e distributore per la Nuova Zelanda. Questo Music Player è la sorgente digitale ideale per l'amplificatore bilanciato Power Plant.

La prima impressione, come nel caso dell'amplificatore, è stata quella di un prodotto ottimamente imballato, con l'apparecchio collocato in una scatola dentro un'altra scatola, e molto comodo da maneggiare. Dopo averlo estratto, ho collegato il cavo di alimentazione, il cavo E-link all'amplificatore bilanciato Power Plant (i cabinet delle apparecchiature della Serie E sono identici), i cavi Transparent Balanced MusicLink Ultra (anch'essi prestati gentilmente dal distributore, Paul Quilter) agli ingressi bilanciati XLR dell'amplificatore, ho inserito gli ingressi simmetrici e disinserito quelli RCA sull'amplificatore; infine ho collegato l'antenna wireless e quella per la radio. Successivamente, ho navigato nel menu per configurare la rete wireless, inserendo la password della mia rete domestica. Dopo ho cercato un album interessante nella mia collezione musicale, sul portatile, e ho premuto Play. In seguito, ho inserito e ascoltato un CD. Prima di mettermi all'ascolto, allestire il tutto ha richiesto circa mezz'ora.

L'aggettivo bilanciato, per il Music Player e il Power Plant, significa un'elaborazione totalmente simmetrica del segnale, tramite gli ingressi e le uscite XLR, e quindi ho potuto collegare il Music Player all'amplificatore bilanciato Power Plant con i cavi bilanciati Transparent. Come alternativa, è possibile collegare l'uscita line-out tramite cavi di segnale RCA (sul Power Plant si può commutare tra uscite RCA e XLR); nel periodo trascorso con il Music Player, ho utilizzato entrambe le opzioni. Questo dispositivo digitale tuttofare presenta alcune caratteristiche interessanti.

Il prodotto

Sostanzialmente, il Music Player è un lettore CD ad alte prestazioni che integra altre sorgenti digitali e connessioni, oltre a un sintonizzatore FM; pertanto, il dispositivo può essere utilizzato come impianto indipendente, collegato a cuffie o a diffusori amplificati. Intrinsecamente, è un pre-amplificatore con uscite pre-out e line-out oltre ai controlli di tono, che possono essere esclusi (la sezione di pre-amplificazione non è operativa quando l'apparecchio è collegato al Power Plant tramite E-link). È anche disponibile una versione Music Receiver (sinto-amplificatore) con una potenza d'uscita pari a 2 x 100 W (8 Ω). Il Music Player è anche in grado di gestire segnali radio FM VHF e le Internet radio. Questa caratteristica è fantastica, poiché permette di accedere, abbastanza facilmente, a un'enorme quantità di emittenti radiofoniche disponibili in Internet. La confezione comprende un'antenna FM a filo, con un adattatore per il connettore BNC; io, però, ho dovuto cercare un connettore coassiale PAL femmina-femmina per poter collegare un'antenna esterna. La mia antenna da interni amplificata non serviva granché, a causa della potenza del segnale in zona e degli ostacoli intorno al punto di ricezione (infissi metallici alle finestre e mattoni spessi alle pareti). In seguito, ho esaminato le Internet radio, la scelta delle quali richiede semplicemente una scorsa delle categorie pre-impostate, filtrandole per genere, nazione, ecc., per poi scorrere l'elenco delle emittenti. Tanto per fare un esempio, la qualità di Aardvark Blues FM (128 kb/sec) era, sorprendentemente, molto buona. Il Music Player è anche un DAC (32 bit) dual-mono totalmente simmetrico che accetta connessioni in ingresso da cinque sorgenti digitali: tre coassiali (32 bit - 192 kHz) e due ottiche (32 bit - 96 kHz). Il DAC permette di selezionare il FIR (Finite Impulse Response - risposta lineare), il tempo con ottimizzazione del picco, e i filtri per il sovra-campionamento dinamico, nonché l'uscita, a fase normale o inversa.

Quando l'apparecchio è collegato al Power Plant, il telecomando controlla anche il volume dell'amplificatore, accendendo e spegnendo il quale si controllano entrambi i dispositivi, quando sono collegati tramite cavi bilanciati. Il Music Player accetta anche connessioni USB 2.0 con iPod, lettori MP3, hard disk e chiavette. Inoltre, T+A fornisce un'applicazione di controllo gratuita iOS per iPad, chiamata T+A Control. So anche che il software (gratuito) Kinsky di Linn può essere usato con i dispositivi Android, e PlugPlayer è disponibile pure per iOS. È altresì disponibile un telecomando bi-direzionale con base, dotato di schermo a colori, sebbene non abbia avuto modo di provarlo.

Se il player viene collegato in rete tramite cavo CAT, le prestazioni raggiungono i 32 bit - 192 kHz, mentre in wi-fi esse sono limitate a 48 kHz. A causa della collocazione del mio router, che si trova in una stanza al piano superiore a una certa distanza dalla sala di ascolto, non ho potuto sperimentare le risoluzioni superiori, dovendo condurre l'intera prova con la connessione wireless, peraltro senza problemi. Pensandoci bene, per avere un segnale affidabile sarebbe sempre preferibile un collegamento via cavo a quello wireless, ma in questo caso non ho potuto utilizzarlo.

Dopo aver ascoltato alcuni CD e aver percepito l'evidente chiarezza della musica riprodotta, ho esaminato la funzione Streaming Client, che permette di riprodurre file presenti su altri dispositivi connessi in rete. Grazie ad essa, ho potuto ascoltare tutti i file audio presenti sugli hard disk esterni collegati al portatile e il collegamento wireless alla rete di casa mia è stato di facile configurazione, poiché è stato sufficiente inserire la password. Fatto ciò, il mio portatile dedicato all'audio compariva nell'elenco delle sorgenti disponibili, con il risultato che un file FLAC a 804 kb/sec veniva riprodotto a 2.116 kb/sec. Sebbene cercare un album o un artista sia semplice, è necessario scorrere gli elenchi se si usano lo schermo e i menu del dispositivo; pertanto, un gestore di file musicali su PC è d'obbligo per aggiornamenti e ricerche rapide (attualmente uso JRiver Music Center 21). Il menu integrato è abbastanza reattivo, anche se sembra che ogni volta in cui questa opzione è selezionata l'apparecchiatura ricarichi il database dei file. È disponibile una funzione di ricerca file basilare. Una seria limitazione, riguardo a questa operazione a distanza, è costituita dal fatto che, dopo che una ricerca è stata avviata, la procedura deve concludersi, e nel frattempo non è possibile eseguire altre operazioni; ciò può essere parecchio irritante nell'uso quotidiano. I menu sono un po' limitati, conseguenza dell'utilizzo di uno schermo di dimensioni ridotte (secondo me). Un problema fastidioso è costituito dal fatto che, quando si torna indietro nella struttura delle directory, ci sono lunghi ritardi e occasionali blocchi, probabilmente perché il sistema riconta i file, in caso di grosse collezioni. Pertanto, io consiglio di utilizzare l'applicazione wireless e il vostro gestore di file musicali preferito e, con JRiver Media Center, tutto ha funzionato splendidamente, con un accesso ai file pressoché istantaneo.

L'applicazione T+A Control consente un facile controllo wireless di quasi tutte le funzioni del Music Player, senza la necessità che il telecomando (opzionale) FM100 “veda” l'apparecchiatura. È possibile sfogliare una raccolta musicale visualizzando titoli, nomi, ecc.; si possono contrassegnare i preferiti ed è possibile salvare le playlist per futura comodità. Questi sono i punti di forza dell'applicazione. Io ho provato a usarla svariate volte, aspettando almeno 40 minuti prima che venissero caricati i metadati della mia collezione, per poi scoprire che il comando Play non funzionava e che le altre funzioni non erano così ovvie. Non sono riuscito a capire come controllare il CD, il sintonizzatore o le Internet radio. Ho cercato aiuto sul sito T+A, trovando un link, nell'applicazione, da cui è possibile scaricare il manuale utente, in formato PDF. L'interfaccia dell'applicazione non è di uso così intuitivo come mi sarei aspettato, da comune utente di molte applicazioni, di altro genere, per dispositivi mobili. Ho utilizzato la funzione di ricerca per localizzare il Music Player, poi l'ho selezionato dall'elenco. Dopo aver atteso che si collegasse, le sorgenti, e i controlli, sono comparse sullo schermo, permettendomi di mettere in mute l'apparecchio, regolare il volume, selezionare le sorgenti e leggere il titolo del brano che stavo ascoltando. Ho provato sollievo nel constatare che potevo ascoltare la mia musica utilizzando l'iPad come telecomando, usando l'applicazione JRemote di JRiver, che ha riconosciuto il Music Player come dispositivo di rete, associando quindi il gestore di file musicali all'unità. In questo modo, è stato decisamente più semplice trovare album, artisti, titoli dei brani, ecc.

Riflettendo sulla mia esperienza di novello utente, ho sperimentato gli effetti prodotti dal mistero dell'ignoto. C'è un momento in cui ciò che non ci è familiare (leggete: apparentemente insolito), e apparentemente complicato, diventa familiare; una cosa del genere mi era successa circa quattro o cinque giorni dall'inizio della prova di ascolto. Mi ero reso conto che le caratteristiche non erano più misteriose e fonte di distrazione, e che l'ascolto della musica era nuovamente tornato a essere pienamente coinvolgente. I CD venivano riprodotti senza sforzo e con dettaglio, e le Internet radio erano musicalmente godibili, anche solo a 128 kb/sec. La musica digitale della mia collezione su PC suonava molto bene, poiché tutti i file erano sovra-campionati a 2.116 kb/sec. Non ho avuto molto tempo per provare la radio FM né altre sorgenti.

Conclusioni

Sono stato contento di avere questo apparecchio nel mio impianto, di cui ho apprezzato particolarmente la funzione di streaming, con il controllo del mio software di gestione multimediale direttamente dalla mia postazione di ascolto. Ho anche usato l'unità come DAC per il mio portatile, ottimizzato con Fidelizer Pro 7 allo scopo di ottenere una stupefacente qualità audio da JRiver Music Center 21 con Windows 10.

Quindi, riepilogando, questo prodotto è un'affascinante alternativa “tutto-in-uno” ai componenti separati, che suona davvero molto bene ed è facile da installare e usare. È possibile collegare qualsiasi sorgente digitale e, abbinato all'amplificatore Power Plant per aggiungere gli ingressi linea, ho effettivamente ampliato le possibilità di collegamento ai miei dispositivi multimediali di archiviazione, nonché di accesso a una fonte pressoché inesauribile di musica online, migliorando le prestazioni digitali dell'intero impianto. Molte funzioni in un unico apparecchio, oltre a un'eccellente qualità audio, a questo prezzo e da parte di questa azienda: non potrei aspettarmi niente di meno.

Il Music Player è un lettore CD, DAC, sintonizzatore FM, streamer digitale e Internet radio di costruzione tedesca. Se avessi intenzione di tenerlo nel mio impianto, non solo amplierebbe le sorgenti a mia disposizione, ma sostituirebbe ben cinque apparecchi, migliorando le prestazioni dell'intera catena. In tal caso, il suo prezzo elevato potrebbe sembrare ragionevole, se inteso come importante investimento per l'ottenimento di una qualità audio di livello audiofilo. Si tratta di un tipico prodotto T+A che fa esattamente ciò per cui è stato pensato, senza problemi.

[Trovaci su Facebook!]

Copyright 2016 Richard Varey - richard@tnt-audio.com - www.tnt-audio.com