[ Home | Redazione | FAQ | HiFi Shows | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]

NETaudio RockClock Mk3 e Audio Clock PSU. Upgrade del Rotel RCD965BX

Una lente per una messa a fuoco più accurata del suono digitale

[NET Audio RockClock Mk3 e Audio Clock PSU]
[English version]

Prodotto: NET Audio RockClock Mk3 e Audio Clock PSU
Produttore: NET Audio - UK
Costo: clock 90 ; clock più alimentatore 130 (spedizione esclusa)
Recensione: David Holgate - TNT UK
Pubblicata: Marzo, 2008
Traduzione: Roberto Di Paola

Questa recensione riguarda un aggiornamento del mio Rotel RCD965BX. I lettori ricorderanno un precedente upgrade - effettuato dalla Chevin Audio - che è descritto in questo articolo.

Ecco dove eravamo...

Nel 2005-6, io e Mark Wheeler avevamo fatto upgradare i nostri lettori CD dalla Chevin Audio per una recensione. Il mio era un Rotel RCD965BX (non la versione Discrete), che è un candidato molto comune per questo genere di "ottimizzazioni". Come avevamo detto a quel tempo, io ero molto felice del miglioramento ottenuto ed ho usato questa macchina per suonare i miei CD. Devo ammettere che questi sono tali che i miei ascolti sono per la maggior parte su vinile. Sebbene quel pacchetto avesse reso l'ascolto del formato Red Book più godibile, io ritenevo mancasse ancora la chiarezza e la musicalità che associo al disco nero. Chiarezza? Sì, trovo che le sorgenti digitali possano suonare "spigolose", e che difettino solitamente della definizione di cui è capace una buona sorgente analogica. Per tale ragione, nel caso di questo upgrade, speravo in un miglioramento in quel senso.

NET Audio è un'azienda britannica specializzata nella produzione di clock di alta qualità per i lettori CD. Ne avevo sentito parlare per la prima volta grazie all'entusiastica ed esaustiva recensione (in tre parti) di Giorgio Pozzoli, che potete leggere cliccando qui. Quella recensione tratta argomenti tecnici più complessi di quelli che io posso capire, ma ero interessato alle conclusioni cui Giorgio era giunto. Egli ha trovato che tutti e tre i clock della NET Audio fossero superiori ai suoi riferimenti, e che il RockClock fosse il migliore di tutti. Perciò, quando David Pritchard, manager e direttore tecnico della NET Audio, mi ha offerto in prova l'ultima versione del RockClock, colsi l'occasione perché volevo sentire se questo componente fosse in grado di migliorare il suono del mio Rotel già modificato.

Non essendo capace di effettuare misurazioni tecniche, mi sono avvicinato al prodotto chiedendomi semplicemente se - date le sue qualità rilevabili ad orecchio - fosse un upgrade che potevo consigliare a coloro che possiedono lettori di fascia media simili al mio. Naturalmente molto dipende dalla qualità generale e dalle prestazioni delle macchine nel loro insieme. E' come passare ad una testina superiore nell'analogico: il motore ed il braccio in particolare devono essere sufficientemente buoni da rendere giustizia alla testina stessa.

Installazione

L'installazione del semplice oscillatore sembra una cosa tutt'altro che complessa, almeno sul sito, quindi inizialmente avevamo optato per la spedizione delle parti da montare. Solo che seguire il processo di modifica precedentemente realizzato dalla Chevin Audio era stato un po' complicato. Non avevo alcuna voglia di rimuovere quei componenti con il rischio di rovinarli - giacché mi sembravano pure di un certo pregio - e ho chiesto a David di effettuare il lavoro al mio posto. Sottolineo ancora una volta che questa opzione è stata scelta solo a causa del precedente upgrade. Se siete capaci di saldare e di seguire le istruzioni, allora non dovreste avere difficoltà ad operare su di un Rotel non modificato; e suppongo che lo stesso valga per lettori differenti.

Affinché ogni cambiamento/miglioramento potesse essere attribuito esclusivamente al nuovo oscillatore ed al suo alimentatore, David mi ha detto che avrebbe lasciato al loro posto le modifiche Chevin Audio, ad eccezione, ovviamente, del clock e dell'alimentatore dedicato. Ciò mi avrebbe consentito di esprimermi circa i cambiamenti che ci si possono attendere dall'installazione di questi componenti su altri lettori, infatti, non si tratta di un pacchetto destinato soltanto ai CDP Rotel.

[Il clock]

Il mio Rotel è partito per il Cambridgeshire, dove si trova la NET Audio. Non avevo fretta, ma David ha fatto presto e tutto è tornato indietro in perfetta forma. Curioso di vedere cosa aveva fatto, ho rimosso rapidamente il coperchio e sono rimasto deliziato per la cura con la quale il lavoro era stato eseguito. Questo upgrade mi sembra piuttosto semplice per chiunque abbia un lettore non modificato.

[Un cablaggio ben fatto]

Il precedente pacchetto di modifiche andava ben oltre la sostituzione del clock e del suo alimentatore. Sono stati aggiunti dieci condensatori al circuito d'alimentazione per ridurre il rumore nell'intervallo delle frequenze udibili, sono stati rimpiazzati gli operazionali ed il bias è stato regolato in modo che questi operassero in classe A, ed il cavo dell'uscita coassiale è stato sostituito con dell'altro twistato con conduttore in rame placcato argento ed isolante in ptfe. I pannelli sono stati smorzati e sono stati rimossi i gommini dai piedini.

Aspetto

E' un peccato che le modifiche non siano visibili: i componenti, specialmente l'alimentatore, sono proprio piacevoli alla vista così come l'opera di David. Forse qualcuno dovrebbe inventarsi un contenitore trasparente. Oppure gli autocostruttori potrebbero prendere in considerazione la possibilità di montare il clock e l'alimentatore in cima al lettore CD sotto un coperchio spruzzato. Ma si fa per dire... Dentro la maggioranza dei lettori CD c'è spazio a sufficienza per montare il clock da qualche parte e l'alimentatore a debita distanza. La disposizione dei due componenti all'interno del Rotel è visibile qui sotto, guardando la macchina frontalmente.

[Vista dell'upgrade]

Installazione ed informazioni tecniche

Chi fosse interessato ad eseguire l'upgrade da sé dovrebbe far riferimento a queste pagine. Si noti che le pagine sopra indicate forniscono informazioni per aggiornare sia l'RCD965BX che la versione Discrete (questo termine indica il modello top, con stadio d'uscita a discreti). Com'è indicato sul sito Netaudio, questa modifica non ha effetti sulla qualità del DAC. Questo è il RockClock (o ROKCLOK, com'è chiamata la scheda stessa) così come arriva.

Test d'ascolto

La valutazione di un simile aggiornamento è inevitabilmente un che di soggettivo. Le prove d'ascolto casalinghe non sono condotte in isolamento, né si possono controllare esattamente tutte le variabili. Questi test sono stati effettuati in due catene audio differenti, ambedue in continua evoluzione. Nel sistema principale (indicato qui sotto come A), per problemi di spazio, il CD, il pre ampli ed il pre fono sono ammassati su di una mensola a muro. Ho già tutto l'occorrente per la realizzazione di un FleXy, ma se avessi rimandato questa recensione a dopo la costruzione del rack, allora i tempi si sarebbero allungati in maniera inaccettabile. Inoltre, in questo impianto, il CD non è ben isolato dalle vibrazioni. Nel sistema B, il lettore è sistemato su di una mensola a muro dedicata sotto l'ampli, ma questo si trova in un ambiente diverso dove un angolo di un TV fa da ostacolo alle onde sonore provenienti da uno dei diffusori. Benvenuti nel mondo reale... Ho potuto mettere assieme un impianto per i test in salotto, ma la collocazione dei diffusori è determinata da esigenze di convivenza piuttosto che in funzione della qualità del suono.

"Okay, okay, ne abbiamo abbastanza dei tuoi problemi d'arredamento... Che ci dici del suono?" Sono felice di dirvi che è buono: il carattere non è mutato, è solo più accurato. Il suono dei CD non mi piace perché spesso la musica risulta affetta da una certa brillantezza e spigolosità tipicamente digitali. Questa sensazione si percepisce in particolare con diffusori ed amplificatori ragionevolmente accurati, come lo sono i miei. A mio parere, la gamma media del CD manca di quella "precisione" che fa percepire come realistico il suono riprodotto. Questo aggiornamento, secondo me, semplicemente giova alla musica nel senso che mette tutto più a fuoco. E so bene che ciò suona troppo generico e soggettivo...

Ecco come procedo per la prova: metto su un CD ben inciso e faccio luce per leggere. Se il suono è quello giusto, allora riesco a concentrarmi completamente su quel che faccio; contrariamente, se la mia attenzione è catturata dal suono significa che qualcosa non va.

Con il RockClock ho lasciato girare più volte i CD fino alla fine senza aver voglia di fermare la riproduzione. Quando si arrestava da sé andavo verso il giradischi per mettere su l'altro lato, ma mi accorgevo che non era il vinile a suonare, e nonostante questo, il suono era più che buono.

Consiglierei questo upgrade a tutti coloro che possiedono CDP di medio prezzo e di buona qualità. Se il suono del vostro lettore vi piace, questo pacchetto non farà che mettere meglio a fuoco quel suono. Un avvertimento ai possessori di Rotel RCD965BX: accertatevi che la meccanica di lettura sia perfettamente a posto. Quella del mio player si pianta spesso, si tratta di un noto punto debole di questi apparecchi. Se state pianificando un upgrade di tal genere, dovreste prima controllare che tutto il resto della macchina sia in buone condizioni: se non lo fosse, rimettere tutto in ordine potrebbe farvi passare il prurito da upgrade per un bel po' di tempo.

Impianti usati con il Rotel RCD965BX upgradato:

Impianto A
Preamplificatore: Cadence a valvole
Finale: Dynakit ST70 (con upgrade dei condensatori)
Diffusori: KEF 104/2
Cavi di segnale: Microphonic 500

Impianto B
Ampli integrato: Eico ST40 (con upgrade dei condensatori e modifica del loudness)
Diffusori: Xavian Mia II)
Cavi: Basic

© Copyright 2008 David Holgate - www.tnt-audio.com

[ Home | Redazione | FAQ | HiFi Shows | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]