[ Home | Redazione | HiFi Shows | FAQ | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]

Amplificatore per cuffie Practical Devices XM3

Una più alta fedeltà in movimento

[Amplificatore per cuffie Practical Devices XM3]

[English version]

Prodotto: Amplificatore per cuffie XM-3
Produttore: Practical Devices - Canada
Prezzo: $135 USD, più spese di spedizione
Recensore: Arvind Kohli - TNT USA
Pubblicato: Marzo 2007
Traduzione: Gianfranco Viola

Caratteristiche dichiarate
Alimentazione Batterie da 9V alcaline/NiMH/NiCd, oppure da 8,4V NiMH/NiCD, oppure alimentatore esterno
Tempo di ricarica delle batterie 15 ore
Durata della carica 50 ore in funzione, 2 anni e mezzo in standby
Guadagno massimo 23,1dB (con ponticelli di guadagno chiusi), 12,7dB (con ponticelli di guadagno aperti)
Risposta in frequenza (20-20k Hz, tipica) +0,8dB, -0,3dB
Punto a -3dB (tipico) 21kHz, 9Hz
Distorsione armonica totale (tipica) 0,002%
Distorsione di intermodulazione (tipica) 0,0039%
Rapporto segnale/rumore (20-20.000Hz, tipico) 97db
Escursione dinamica (20-20.000Hz, tipica) : 97db
Crossfeed Modulabile dall'utente da mono a stereo (-92,3db) attraverso un potenziometro; disattivabile tramite pulsante.
Spegnimento automatico Selezionabile: mai, dopo 1, 3 o 6 ore.
Accuratezza del voltmetro integrato (tipica) +/- 100mV
Peso 140g (4.9 oz)

Introduzione

Certe volte è divertente cercare di vedere questo hobby con gli occhi di un estraneo. L'altro giorno, arrivando a casa, sono stato accolto da mia moglie con la notizia che era arrivato l'ennesimo pacco postale. E con la solita, immancabile domanda: "Cos'altro è questo?"

La Practical Devices Corporation è nata alla fine del 2001 a Toronto in Canada. La loro produzione iniziale, che prosegue tutt'oggi, prevedeva la progettazione di prodotti elettronici per clienti industriali. L'incursione nel mercato dei prodotti audio è del 2005 con l'"XMoy2", seguito dall'XM3 all'inizio del 2006.

Con l'obiettivo generale di espandersi nel settore audio, stanno attualmente lavorando ad una versione evoluta dell'XM3 (chiamata "XM4"). Inoltre è in fase di progettazione l'XM5. Il fattore di forma è lo stesso, con l'aggiunta di nuovi controlli: bass boost, treble boost, crossfeed variabile, guadagno a controllo discreto, amplificatore e stadio buffer di uscita in configurazione monoblocco e impedenza di uscita escludibile. C'è anche, in fase di concepimento, un ampli valvolare con versatilità analoga.

Il progetto dell'XM3 è firmato da James Forest. Così riassume la filosofia del progetto.

"Punto primo: qualità sonora. La qualità audio è la funzione fondamentale di un amplificatore: se manca, il progetto è fallito.

Punto secondo: cercare di includere caratteristiche utili all'impiego quotidiano, come ad esempio lo spegnimento automatico.

Punto terzo: la flessibilità: cercare di soddisfare tutti i tipi di utente. Un esempio è il guadagno a controllo discreto, che consente l'impiego di cuffie con impedenze diverse. Un altro esempio è il crossfeed variabile, che permette una calibrazione accurata per il gusto di ciascuno e su impianti diversi."

Il dispositivo di elezione per James è costituito dalle Sennheiser HD650, per via del suono dolce, caldo e gradevole. Casualmente è anche il modello che ho usato di più in questa prova.

Descrizione del prodotto

L'XM3 vanta un incredibile lista di caratteristiche, che riporto dalla documentazione originale:
controllo del microprocessore
autospegnimento variabile
crossfeed variabile
caricabatteria integrato
presa per alimentazione in corrente continua
guadagno massimo selezionabile dall'utente
voltmetro integrato per il livello delle batterie
indicatore pile scariche
LED di stato blu ed ambra
modalità intermittente
zoccoletto dorato per il chip di amplificazione, che permette gli upgrade
resistenze di retroazione a specifiche militari con tolleranza 0.1%
rail splitter TLE2426 con riduzione del rumore,
Operazionale ad elevate prestazioni e a basso rumore OPA2134 con distorsione bassissima (.00008%)
Alimentazione della sezione audio filtrata con l'impiego parallelo di condensatori elettrolitici ad alta capacità e condensatori al tantalio
Manopola del volume in alluminio lucido
Circuito stampato a doppio strato ad impedenza controllata
Il contenitore di alluminio è un estruso anodizzato dall'aspetto accattivante. La lista dei componenti è così sviluppata:
Stadio di amplificazione:
amplificatore operazionale Burr-Brown OPA2134.
Resistenze di retroazione in filo metallico con tolleranza 0.1% a specifica militare.
Stadio di alimentazione audio:
Massa virtuale di precisione Texas Instruments TLE2426.
Condensatori al tantalio ed elettrolitici ad alta capacità.
Circuito stampato:
Una scheda FR-4 di costruzione professionale, ad impedenza controllata. Il disegno della scheda è stato realizzato con cura, col cammino di segnale schermato a terra ed il percorso di retroazione a bassa impedenza, cosa impossibile con qualunque collegamento manuale.

Appare evidente che la realizzazione è stata effettuata con grande professionalità, ponendo adeguata attenzione all'architettura e alla scelta della componentistica. Adesso bisogna solo vedere come suona.

L'ascolto

Nel pianificare l'ascolto di questa unità ho cercato di considerare tutti i possibili impieghi. Ho concluso che ce ne erano due che mi interessavano particolarmente: il primo è l'utilizzo in un sistema portatile del tipo da viaggio o da corsa. Lo si potrebbe impiegare in abbinamento ad un lettore cd portatile, un lettore MP3 o perfino un pc portatile. Forse la cosa vi farà sorridere, ma sono andato a correre un paio di volte con quest'aggeggio in tasca, e vi garantisco che l'operazione è praticabile senza grossi inconvenienti. Il secondo impiego è quello casalingo, come primo ampli per cuffie nel caso che non disponiate di un'uscita cuffie nel vostro sistema, sia come upgrade, soprattutto se disponete di cuffie ad alta impedenza.

Cominciamo col primo scenario: componente di un sistema portatile. L'ho infilato tra il mio lettore MP3 Samsung YP-6T (in USA ha un prezzo di vendita suggerito di 299 dollari, su eBay si trova a 93) e le cuffie Sennheiser 497 (70 dollari). Aaaah, ecco la motivazione che mi mancava per cominciare a fare esercizio regolare. Adesso non ho più scuse...

"Rimshot" (Eryka Badu; Baduism; Universal; UD53027)

"Cheek to cheek" (Ella Fitzgerald and Louis Armstrong; Ella and Louis; Verve; 314 589 598-2)

"Dawn" (Simon Shaheen, V.M. Bhatt; Saltanah; Water Lily Acoustics; WLA-ES-51-CD)
Beh, non ho sentito differenza tra la presenza o meno dell'XM3 tra cuffie e lettore MP3. Poi ho sostituito la sorgente col mio Pioneer DV414 ed ho alternato l'XM3 con l'uscita cuffie del mio integrato NAD 317 (in entrambi i casi l'uscita del lettore DVD era collegata direttamente all'amplificatore). Neanche così ho notato differenze; ne ho tratto due possibili conclusioni.

O è possibile che le caratteristiche sonore dell'XM3 non siano poi tanto diverse da quelle del NAD 317, Oppure le sorgenti e le cuffie che ho utilizzato non raggiungono un livello di definizione tale da permettere di apprezzare differenze. Personalmente propendo per quest'ultima opzione; inoltre l'accoppiata di un paio di cuffie da 70 dollari con un ampli da 135 è piuttosto infrequente. Vediamo allora un abbinamento più verosimile.

Sono passato alle cuffie Sennheiser HD650 (listino USA 550 dollari), ed ho affiancato al mio lettore MP3 Samsung un lettore CD di fascia economica (marca Accusonic, se proprio ci tenete a saperlo).

"Scherzos No.1, Op. 20 in B Minor" (Arthur Rubenstein - Fryderyk Chopin; The Chopin Ballades & Scherzos; Living Stereo; 82876.61396)

"Recuerdos (con tremolo flamenco)" (Tao Ruspoli; Flamenco; Mapleshade; 10452)
E qui ho fatto una scoperta interessante oltre che, come talvolta accade nella ricerca del sapere, del tutto casuale e senza relazione con l'oggetto di studio. Il lettore CD suonava orribile, con o senza XM3; credo si tratti della peggiore esperienza audio della mia vita (non esagero, giuro). Il lettore MP3 Samsung, invece, è una sorgente sonora di tutto rispetto, in grado di pilotare da solo e con eleganza l'alta impedenza delle HD650 (magari con qualche incertezza a livelli molto elevati).

Quando ho aggiunto l'XM3 la differenza è stata individuabile ma minuscola: un miglioramento talmente piccolo che ho dovuto riascoltare lo stesso brano più volte per essere sicuro che fosse reale. Comunque le differenze alla fine ci sono e riguardano in misura più apprezzabile il livello di dettaglio sonoro, mentre in misura minore si nota una maggiore potenza di basso ed una dinamica leggermente affinata.

Per ultimo ho voluto mettere alla prova l'XM3 con una sorgente un po' più dettagliata (un lettore DVD rispetto ad un lettore MP3). Ho quindi messo a confronto l'XM3 con l'uscita cuffie del NAD 317, usando il Pioneer DV414 come sorgente. Questo test anticipa anche parte del secondo scenario, cioè di un sistema casalingo, anche se in questo caso è molto facile che la sorgente sia qualcosa di meglio di un lettore DVD, con conseguenti migliori risultati di ascolto.

L'ascolto dei medesimi due brani di cui sopra ha confermato gli stessi risultati, con una maggiore evidenza delle stesse differenze notate col lettore MP3: una sorgente più dettagliata ha reso il compito più facile, unitamente forse al fatto che sapevo già cosa cercare: mi dispiace, ma a riguardo non posso assicurare una obiettività assoluta. Comunque l'XM3 ha introdotto miglioramenti reali. Inoltre, con le HD 650, in NAD suona molto più "scuro" rispetto all'XM3.

Ma ancora, in termini assoluti, i cambiamenti introdotti sono stati così piccoli da rendere necessari parecchi ascolti consecutivi prima di rilevare in modo attendibile una differenza.

Conclusioni

Traccio le mie conclusioni a partire dai due scenari che ho individuato.

Nel caso del sistema portatile, direi che c'è un miglioramento solo usando una coppia di cuffie dal dettaglio sufficientemente definito (come le Sennheiser HD650) ed una sorgente almeno decente (Samsung YEPP YP-MT6ZACI). Non sprecate soldi in questo amplificatore se intendete impiegare cuffie meno che eccellenti (ad esempio le Sennheiser HD497) o una sorgente dozzinale (tipo un lettore portatile Accusonic).

Nel caso del sistema casalingo, direi che c'è un miglioramento rispetto al NAD 317. L'XM3 rappresenta un upgrade rispetto a qualunque ampli per cuffie equivalente all'integrato NAD. Rappresenta altresì un'ottima scelta per un sistema solo cuffie ad una sorgente.,

Vale la pena di sottolineare ancora che il livello di "upgrade" in termini assoluti riguarda differenze molto piccole. Spero di aver reso sufficientemente chiaro questo concetto. Una volta chiarito quanto piccolo è il miglioramento, sta Tocca a voi e alle vostre tasche decidere quanto vale la pena spendere. Io credo che ogni miglioramento valga la pena di essere perseguito, con l'unica pregiudiziale costo. Per le mie tasche, 135 dollari per migliorare il mio sistema di cuffie sono una spesa che vale la pena di essere affrontata.

SISTEMA DI RIFERIMENTO
Equipaggiamento Marca e modello
Cuffie Sennheiser HD497
Sennheiser HD650
Amplificatori integrati Cayin 265Ai
NAD 317
Onkyo TX-SR501

Lettore MP3

Samsung YEPP YP-MT6Z
Lettori CD Denon,DVD-3910 con modifiche Underwood (level2 + masterclock) Pioneer 414
Sony DVP-NS755V
Lettore CD portatile Accusonic
Alimentazione PS Audio,P300
Connettori Vari

Copyright 2007 Arvind Kohli - www.tnt-audio.com

[ Home | Redazione | HiFi Shows | FAQ | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]