[ Home | Redazione | FAQ | HiFi Shows | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]

Bobine da sogno o sognatori di bobine?

Bobine Reeltronix per registratori a nastro professionali

bobina

Niente più thithithithip!

[English version]

Prodotto: Bobine High End
Produttore: Reeltronix - USA
Prezzo approssimativo: 375 - 395 dollari USA ciascuna! (YMMV)
Recensore: Mark Wheeler - TNT UK
Data: Gennaio 2014
Traduttore: Roberto Felletti

Introduzione

Chi avrebbe pensato che, nel 2013, sarebbe stato immesso sul mercato un nuovo marchio di bobine per registratori analogici a nastro ad alta velocità?

Patrick Sinegal, l'uomo dietro la Reeltronix, si è dimostrato profondamente indifferente su quale tipo di bobine utilizzare con le sue apparecchiature a nastro. Come molte realtà di nuova costituzione nel settore audio, egli ha pensato "Posso fare di meglio" e l'ha subito fatto. Incoraggiato da altre persone dell'entusiastico mondo dei nastri analogici, come Greg Beron, il quale ha riciclato apparecchi Tascam con il marchio United Home Audio (UHA), Patrick ha messo in commercio le sue bobine. Sono tutte dei capolavori in metallo, realizzati con macchine CNC, non due semplici flange piatte stampate che racchiudono un pezzo di plastica, come molte bobine OEM. Sono disponibili in diverse combinazioni di foratura, anodizzazione, lucidatura e colore, in modo da adattarsi alle vostre piastre personalizzate e ai vostri adattatori NAB fai-da-te.

Queste bobine Reeltronix sono davvero degli splendidi pezzi di ingegneria. Sono per i miei Revox quello che gli ultimi modelli di ottiche Carl Zeiss sono per le mie Nikon.

Lenti di altissima qualità, con una nitidezza e una distorsione quasi paragonabili alle corrispondenti Nikkor, idealmente adatte per certi compiti, delle quali però beneficeranno soltanto coloro per i quali tali compiti sono importanti. Una bobina di precisione, invece di quelle standard, permetterà a un tecnico del suono esperto di estrarre la più piccola sfumatura dalle registrazioni.

"Spreco totale!" grida la plebe invidiosa, a sinistra del palco, "È solo gioielleria maschile, come certe fotocamere."

Descrizione e specifiche tecniche

Queste bobine Reeltronix, potenzialmente, possono dare benefici per un tecnico del suono in tre modi:

  1. Una maggiore precisione costruttiva può ridurre il flutter, poiché il nastro è avvolto in maniera più uniforme e compatta.
  2. Maggiore durata, grazie a materiali di migliore qualità e a una realizzazione costruttiva più robusta.
  3. Impatto visivo per colpire i clienti dello studio che resteranno impressionati entrando nella sala di controllo o in ufficio.

Il terzo punto è più importante di quanto si pensi. Come fotografo, sono sempre stato in grado di sapere quale fosse lo strumento adatto al compito del momento, ma ho scoperto che esporre altri prodotti in bella mostra, sistemati a dovere, sembra ispirare nei clienti maggior fiducia; forse implica essere pronti a ogni evenienza. Un musicista che abbia scelto di lavorare in modo analogico avrà aspettative e pregiudizi, sulla qualità della registrazione, che saranno accentuati da certi gioielli, quali le bobine. La componente visiva predominante di un registratore a bobine è proprio quel paio di imponenti bobine da 10,5 pollici; non ci si riferisce mai a loro in termini di centimetri, anche se siamo nel 2014. Infatti, da quando si è passati alla registrazione digitale, i vecchi registratori a bobine vengono definiti "macchine dal seno prosperoso", il che la dice lunga sugli atteggiamenti sessisti da uomo di cro-magnon, tipici dell'epoca. Entrare in uno studio di registrazione e vedere quelle bellezze Reeltronix montate su un classico Studer, Revox, Brenell o Otari a stato solido o valvolare significa ispirare fiducia nel cliente e dargli l'impressione che, in quello studio, la qualità viene presa sul serio e questo vuol dire fare affari.

Niente più thithithithip!

Riascoltando alcune vecchie registrazioni da 7,5 ips (inches per second, pollici al secondo - NdT) realizzate su nastri Memorex, 3M Scotch e TDK Audua, direttamente dalle loro bobine in plastica da 7 pollici, si nota subito che non sono in perfette condizioni, poiché soffrono di un certo grado di print-through (un tipo di rumore causato dal passaggio, per contatto, del segnale da uno strato all'altro del nastro - NdT) e un calo delle alte frequenze. Trasferendole su bobine Reeltronix e su una bobina Memorex in alluminio da 10,5 pollici, si sono avuti risultati inaspettati. La ribobinatura ha tolto un altro po' di ossido e, a quanto pare, ancora un altro po' di alte frequenze. Ogni passo della procedura ha richiesto la pulizia della testina e del percorso del nastro.

"Perché il vecchio sciocco sta provando vecchi nastri rovinati con una nuova apparecchiatura di precisione?" obietta la plebe ancora invidiosa, a sinistra del palco.

Molti lettori avranno a casa uno scaffale con vecchie registrazioni di valore, ascoltate raramente per paura di ulteriori danni. Per loro, possedere le apparecchiature migliori allo scopo di ridurre al minimo ulteriori danni dovuti a una tensione non uniforme o al trasferimento su dispositivi più moderni come gli hard disk, può essere interessante. Quando si rischia di perdere una registrazione unica fatta trent'anni fa, ascoltandola per la prima volta dopo decenni, si desidera limitare i rischi di ulteriori danni aumentando la possibilità di ottenere un singolo ascolto decente che ne permetta il trasferimento. In tali circostanze non si bada a spese. I nastri ribobinati, malgrado l'usura del tempo, ora sembrano suonare in maniera più stabile.

Quando si fanno nuove registrazioni bisognerebbe ricordare che "Il nastro costa poco, ma le opportunità no". I nastri sono di difficile reperibilità nel 2014; cercando su Internet si trovano pochi fornitori e marchi che ne abbiano in magazzino. Se si cambia marchio o tipo di nastro occorre ricalibrare il bias e talvolta l'equalizzazione. Usare bobine di alta qualità contribuisce a limitare lo spreco degli ormai preziosi nastri. Le grandi bobine Reeltronix da 10,5 pollici possono essere montate, tramite adattatori NAB, su perni di tipo cinematografico, gli stessi perni inadatti su cui è possibile montare bobine da 7 pollici. Tuttavia, confronti consecutivi con bobine originali in metallo da 10,5 pollici TDK Audua, Ampex e Memorex, di buona qualità e ben conservate, hanno evidenziato l'assenza del temuto suono "thithithithip" in fase di avvolgimento.

"Co-o-o-sa?" domanda la plebe, a sinistra del palco, "Cos'è questo temuto "thithithithip" di cui il vecchio scriba sta borbottando? Non si è mai sentita una simile assurdità."

È il suono del bordo del nastro che striscia contro il margine della bobina di avvolgimento. L'abbiamo sentito tutti. Dovrebbe creare timore in ogni persona che registra su nastro, perché la "P" di "thithithithip" rappresenta il colpo finale del bordo della bobina sulla base in mylar, che asporta preziosi grani di ossido dal substrato stiracchiando la base. Quando chi registra sente "thithithithip", lui o lei sa che la tensione del nastro non sarà mai più la stessa. Inoltre, le superfici interne delle bobine Reeltronix sono realizzate e lucidate a macchina, in modo che ogni eventuale contatto abbia minori conseguenze deleterie. Tale contatto potrebbe essere causato da eccentricità dell'hub o disallineamento degli adattatori NAB. Ciò spiega perché la qualità costruttiva delle bobine Reeltronix sia la migliore mai vista dal vostro vecchio scriba.

Qualità del suono

La meravigliosa realizzazione ingegneristica che sta alla base del meccanismo di rotazione del Revox A77 MkIV sfida il vostro Vecchio Scriba a NON sentire alcuna differenza; si può intuire una leggera colorazione. Tuttavia, una certa riduzione del flutter è esattamente ciò che ci si aspettava, conseguendone che l'aspettativa a priori potrebbe semplicemente rivelarsi la realizzazione di un desiderio. Quindi, un riavvolgimento ad alta velocità avanti e indietro un paio di volte con la bobina Reeltronix ha dimostrato che è possibile ottenere un compattamento di alta qualità del nastro. Comunque, il riavvolgimento veloce dei nastri NON VA BENE, perché favorisce la perdita di ossido e il print-through, nonché il relativo pre-echo (l'esempio più lampante è rappresentato dagli ultimi master, ampiamente diffusi, di Toots and The Maytals Bam Bam). Il riavvolgimento più uniforme delle bobine Reeltronix può fare la differenza per quanto riguarda la stabilità del pitch, anche se non era possibile ascoltarlo sui nastri da 7 - 7,5 pollici usati dai gruppi degli anni '70 per i loro demo.

Le bobine in metallo più recenti da 10,5 pollici, con velocità di 7,5 ips suonano molto meglio (ovviamente), ma ancora una volta è difficile distinguere tra due bobine in metallo di serie e tra una Reeltronix e una di serie. L'avvolgimento rapido anche qui produce il compattamento più uniforme che si sia mai visto. Il print-through e il pre-echo non costituiscono un problema con questo tipo particolare di nastro, poiché ha una base spessa. Anche qui è facile intuire un soundstage leggermente più stabile (forse a causa di un timing migliore sulle alte frequenze?) o una stabilità del pitch, ma in un confronto in doppio cieco non sarebbe possibile notare queste caratteristiche.

Le registrazioni recenti, provenienti da sorgenti digitali o analogiche, come anche gli strumenti dal vivo, sono difficili da distinguere in modo affidabile. Tuttavia, e si tratta di un TUTTAVIA veramente grosso, le bobine usate per i confronti sono nuove di zecca e conservate alla perfezione. Dando un'occhiata al mercato dell'audio, ma anche su Ebay, le bobine in metallo, che siano NOS di dubbia provenienza o usate, hanno dei prezzi ridicoli per degli oggetti che non tanto tempo fa costavano meno di venti sterline. Improvvisamente, una bobina di qualità garantita, al di sopra di quella richiesta per garantire stabilità della velocità e operatività del nastro, sembra un affare. Sul serio, interi registratori funzionanti, senza bobine né adattatori, sembrano richiedere meno denaro di un paio di bobine in metallo nuove e imballate da 10,5 pollici e di un paio di adattatori NAB nuovi.

Che sia frutto dell'immaginazione o meno, il suono degli strumenti elaborato tramite unità DI (direct input o direct injection, dispositivi usati negli studi di registrazione che permettono di prelevare un segnale di linea, non bilanciato, ad alta impedenza e di collegarlo a un ingresso microfonico bilanciato a bassa impedenza, di solito mediante connessioni XLR - NdT) su nastro sembra maggiormente a fuoco con le bobine Reeltronix di quanto non sia con bobine comuni. Pertanto, ancora una volta la differenza la fa la qualità della sorgente. Oppure forse si sente meglio quando si vede una bobina perfettamente bilanciata e perfettamente allineata far girare una registrazione preziosa.

Se questo vi ha stimolato a provare la registrazione a bobine, questo articolo è un buon punto di partenza per iniziare la caccia: Sound On Sound.

Queste bobine Reeltronix sarebbero fantastiche sul leggendario Technics RS1500 o sul RS1800 o su un più modesto AKAI GX-400D o un Pro 1000; una coppia farebbe la sua figura su ogni piastra moderna, e la somiglianza a un paio di cerchioni Comptomotive Split farebbe sembrare auto sportive persino piastre di tipo classico. Auspicabilmente, Reeltronix potrebbe rendere disponibili bobine per nastri di larghezza maggiore, per i possessori di vecchi Leevers Rich, ex apparecchi BBC o analoghi EMI e Studer da pavimento.

Conclusioni

Heather adora le bobine Reeltronix, anche se non possiede un registratore! Questo fa capire che ci sono mercati che non sono stati presi in considerazione. Più di un produttore high-end mi ha detto che il mercato dei superyacht (non vi sto prendendo in giro) è quello che permette grosse vendite le quali, a loro volta, incentivano le vendite audiofile. Queste bobine sono come borsette di alta moda, alla pari di certe realizzazioni audiofile; pertanto ci sono mercati, veri e propri status symbol, che vale la pena esplorare. Coppie di bobine, opportunamente confezionate, sono fondamentali per questo mercato e possono permettere a un'azienda di restare a galla quando i comuni audiofili mortali sono in recessione.

Le bobine Reeltronix sono di primaria importanza per gli studi analogici che vogliono stupire con il loro impegno sul fronte della qualità. Il proprietario potrebbe desiderare di incollarne una a ogni piastra, per timore che prendano il volo!

[bobina]

Musica ascoltata durante la stesura di questo articolo

  • Artisti Vari: Vecchi nastri con demo
  • Rolling Stones: Beggars Banquet, rimasterizzazione recente
  • Lightnin Hopkins: Goin Away, capolavoro analogico

[Trovaci su Facebook!]

Copyright 2014 The Old Scribe - www.tnt-audio.com

[ Home | Redazione | FAQ | HiFi Shows | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]