[ Home | Redazione | FAQ | HiFi Shows | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]

Yamaha NP-S2000

Lettore di rete DLNA

[Yamaha NP-S2000]
[English version]

Prodotto: NP-S2000 network audio player
Produttore: Yamaha - Giappone
Prezzo: 1300 (il prezzo può variare)
Recensore: Maarten van Casteren - TNT UK
Pubblicato: Giugno 2011
Traduttore: Alberto Macciò

Ok, ho una domanda per voi. Due, in effetti. Qual è il miglior modo di memorizzare un file digitale? Be', su un hard disk, probabilmente. E qual è il modo migliore di trasportare quel file verso un altro posto? Be', via rete, naturalmente. Tutto molto ovvio. Quindi perché sto ancora girando per la stanza con un CD in mano? Probabilmente perché mi piace il mio lettore Astin Trew, ma forse anche perché nel mio impianto l'alternativa è metter su un disco, che è persino più antiquato e faticoso. La soluzione più logica sarebbe memorizzare i miei file musicali sul mio laptop, oppure su un NAS, e mandarli a un lettore via rete.
Le reti sono progettate per essere veloci, affidabili ed economiche quindi perché usare qualcos'altro? Come sempre, la risposta è che hai bisogno di uno standard, e lo standard migliore per l'audio in rete sembra essere DLNA, che è il motivo per cui volevo provare un lettore audio di rete DLNA, come lo Yamaha NP-S2000.
Non solo la rete è il modo migliore per muovere informazioni digitali, è anche asincrona per natura, quindi un lettore audio di rete può richiedere il pacchetto dati successivo quando è pronto a riceverlo, sicuro di mantenere il controllo del flusso di dati. E ciò rende intrinsecamente più facile prevenire il jitter.
Il lettore può usare il suo clock indipendente e semplicemente riprodurre dalla sua memoria alla sua velocità. Tutto ciò lo rende, almeno in teoria la migliore, più semplice e più economica soluzione per riprodurre audio digitale, che è sicuramente una buona cosa.

Torniamo allo Yamaha NP-S2000. Questo è un lettore di rete DLNA e nient'altro. Non è un DAC nell'accezione comune visto che non ha un ingresso digitale o qualsiasi altro modo di fornirgli un segnale tranne che attraverso un unico connettore ethernet. Persino il wifi non è integrato. A prima vista sembra una limitazione, ma la vedo più come dedizione. Questa macchina sa cosa vuole fare e è focalizzata su questo senza distrazioni. Le uscite sono più flessibili, sia connettori sbilanciati che bilanciati XLR. Ha persino un'uscita digitale da usare con un DAC esterno, se si vuole, ma questo è quanto. Questa macchina è semplice e diretta, quindi, anche a prima vista.
Il contenitore è piuttosto basso, ma relativamente profondo; ha 4 piedini concavi che fanno da sottopunta per le punte fissate sotto al contenitore stesso e sono tenuti in posizione da magneti. I fianchetti sono fatti addirittura di legno! E' chiaro che Yamaha questo lettore vuole venderlo e cerca serie credenziali high-end. Ciò traspare dal peso della macchina. Quando la si solleva per la prima volta si stenta a credere quanto sia pesante. Sembra che sia una lastra di pietra. Il fatto che sia costruita molto solidamente contribuisce a rafforzare questa sensazione.

Anche all'interno questa macchina è impressionante. Fa sfoggio di doppio trasformatore per la sezione digitale e per quella analogica, ad esempio, e di convertitori Burr-Brown usati in configurazione differenziale. A proposito, vi fornisco questi dati usando informazioni e foto presi dal sito del produttore, visto che non sono stato capace di aprire l'esemplare in mio possesso. Ho provato a dare un'occhiata all'interno, ma senza successo. Non è un buon segno se sei uno smanettone ma fortunatamente questa macchina davvero non ha bisogno di tweaking, perciò mi sta bene così.

L'unica altra cosa che questo lettore può fare, a parte riprodurre la musica via rete, è riprodurre le trasmissioni delle internet radio. Non c'è bisogno di altro hardware per farlo, solo una connessione a internet. Non sono molto amante della radio ma ci ho giocato un po' e mi è piaciuto più di quanto mi aspettassi. È facile da usare ma Yamaha dovrebbe riprogettare la lista delle stazioni memorizzate, visto che mostra solo numeri e lascia a voi il compito di ricordare cosa sia la numero 14, per esempio. Sarebbe enormemente più facile da usare se si potesse scorrere una lista dei nomi delle stazioni memorizzate. Questa piccola lamentela è l'unica cosa che non mi è piaciuta: per il resto è una macchina davvero facile e piacevole da usare. Accetta file wav ma anche flac e qualche altro formato, tutti a risoluzioni che arrivano a 192 kHz e 24 bit, quindi praticamente qualsiasi cosa.

L'ho usata con il Media Centre JRiver, che ha funzionato piuttosto bene, almeno a casa mia. JR MC è un programma eccellente che vi permette di organizzare la vostra musica e altri media digitali molto comodamente. Può addirittura estrarre l'audio dai vostri CD, cercare automaticamente copertina dell'album e titoli delle canzoni e inserire il tutto nel suo database. Molto semplice, affidabile e con molte opzioni da configurare secondo i vostri gusti. Il network player Yamaha apparirà automaticamente come una "zona" e potete semplicemente selezionarlo nel MC e iniziare a inviargli musica. Il NP-S2000 mostrerà il titolo del brano sul suo eccellente display e riprodurrà la musica.
Per fare tutto questo è necessario configurare ben poco e nel mio sistema in 10 minuti era tutto funzionante, anche se devo dire che avevo già JRiver MC installato e lo avevo usato in precedenza con un altro player DLNA.
Lo Yamaha NP-S2000 ha bisogno di essere collegato con un cavo di rete ma il vostro portatile si può collegare via WiFi permettendovi di usarlo dal divano senza cavi che girano per la stanza. E' perfino disponibile una app gratuita per l'iPhone che controlla l'NP-S2000.

Un po' di delusione quando l'ho portato a un amico per provarlo sul suo impianto. Ho portato con me il mio laptop e ho connesso sia lo Yamaha e il laptop alla sua rete. JRiver Media Center ha mostrato lo Yamaha come una "zona", indicando che vi si era connesso e lo Yamaha ha mostrato il server giusto sul display. Tutto molto promettente, salvo che non sono riuscito a fargli riprodurre niente, non importa cosa abbia provato. Nel mentre il mio amico ha scaricato l'app iPhone per lo Yamaha sul suo telefono e ha provato con quella. E' riuscito a ottenere musica ma non il brano che ha scelto! Dopo circa una mezz'ora abbiamo rinunciato, delusi per non averlo fatto funzionare. Chiaramente ci sono ancora problemi con questa tecnologia e a essere onesti non penso che sia colpa del lettore Yamaha; ha funzionato molto bene e affidabilmente nel mio impianto. Probabilmente non sapremo mai cosa ha causato il fallimento con il sistema del mio amico ma sicuramente ha smorzato il mio entusiasmo per l'audio via rete in generale, il che è un peccato dato che il NP-S2000 è una macchina così bella.

Un altro problema, ma non sono sicuro che sia da imputare allo Yamaha, è il fatto che non sono riuscito a farlo suonare "gapless" ovvero senza pause tra i brani. Sia il NP-S2000 che il Media Center hanno l'impostazione "gapless" e sono sicuro che fosse attivata dappertutto. Nonostante questo, con alcune registrazioni una piccola pausa è rimasta. Questo può essere fastidioso: le variazioni Goldberg eseguite da Glenn Gould sono praticamente un unico brano, indicizzato per permettere di iniziare il playback dove si vuole. Riproducendolo in qualsiasi lettore CD non ci si accorge di nulla ma con il JR MC e lo Yamaha c'era sempre un piccolo break tra le parti, abbastanza da guastare la tensione e renderlo inascoltabile, per quanto mi riguarda.
Fortunatamente le registrazioni che sono così critiche sotto questo punto di vista sono rare e il Media Center ha l'opzione di estrazione dei brani dal CD come una traccia unica; questo risolve il problema ma prova che l'audio via rete non è ancora completamente maturo.

[Yamaha NP-S2000]

Il suono

Naturalmente ho confrontato lo Yamaha con il mio lettore CD ufficiale Astin Trew AT3500plus, che è la miglior sorgente digitale che conosco tra quelle alla portata di tutti. Il confronto è stato sostenuto molto bene. Ad essere proprio sinceri, non c'è nemmeno tutta questa differenza. L'Astin Trew suona un po' più dolce e leggermente più rifinito ma lo Yamaha aveva bassi leggermente più forti e precisi e dava l'impressione di tradurre qualche finezza di dettaglio in più dai bit al suono. D'altro canto, lo Yamaha può suonare leggerissimamente freddo con alcune registrazioni, cosa che proprio non succede con l'Astin Trew.
Se ciò sia causato dalla trasparenza dello Yamaha sulle frequenze più alte o dal lettore CD che addolcisce tutto un pochino, oppure dall'AT3500 che è più pulito mentre lo Yamaha ha un leggero vantaggio sugli acuti è difficile da decidere.
In fondo non è veramente importante, visto che la differenza è davvero piccola e rappresenta più un'impostazione alternativa che un livello di qualità diverso.

Ascoltando lo Yamaha senza confrontarlo direttamente con l'Astin Trew è risultato chiaro che suona bene quanto ci si aspetta da un oggetto di questa fascia di prezzo. Sicuramente non ho mai sentito la necessità di tornare all'Astin Trew. Come ogni buona sorgente digitale moderna c'è pochissimo della durezza digitale e questo non è ottenuto scurendo il suono. Suona frizzante, muscoloso e dinamico e funziona con ogni tipo di musica e registrazione. Perfino le stazioni radio con basso bit rate non hanno deluso.

Non ho alcun dubbio che lo Yamaha sia una sorgente digitale di prima classe. Suona pulito, spazioso, solido e affidabile. Il sound stage è molto buono e velocità e ritmo sono eccellenti. Non ho notato grosse differenze tra le uscite single ended e bilanciate, forse un suono un po' più solido e diretto tramite gli XLR ma sempre eccellente con gli RCA. Ascoltandolo non potete evitare la sensazione che tutto il peso e la solidità della costruzione meccanica sono riflessi nel suono. Il lettore ha davvero la capacità di dare peso al suono. Suona come sembra al tatto, per così dire, anche se non so se c'è una relazione causa effetto tra le due cose.

L'ho provato collegato al mio preamp Django, finale Usher R1.5 e sia con le casse Dynaudio Contour 1.8 mk2 che con le SEAS Exotic. L'ho anche provato per un po' con l'integrato a valvole Icon Audio Stereo 40 mk3; suonava eccellente in tutte le combinazioni. Questo lettore di rete non ha preferenze per nessun tipo di musica, suonando una sinfonia di Beethoven con la stessa naturalezza di qualcosa di contemporaneo dei Red Hot Chili Peppers o dei Beatles. Assodato il suo suono fisico e concreto, si è comportato particolarmente bene con la musica che si basa su un forte tiro, bassi profondi o swing molto dinamici ma non era certo fuori posto con tutto il resto.

Conclusione

Un'ottima macchina, un bel concorrente per qualsiasi lettore CD in questa fascia di prezzo. Sicuramente non ha avuto nessun problema nel convincermi che era buono quanto il mio riferimento Astin Trew. Questo lo rende intrinsecamente un lettore eccellente, ma il fatto che è decisamente più economico e potenzialmente più versatile lo rende un vero affare. Personalmente sento che non è ancora il momento per cambiare dalla lettura dei CD a quella da hard disk ma se volessi considererei lo Yamaha NP-S2000 uno dei modi migliori per farlo. Questa è davvero una sorgente digitale di alta qualità che dovrebbe lavorare bene in qualsiasi sistema. Altamente raccomandato.

© Copyright 2011 Maarten van Casteren - maarten@tnt-audio.com - www.tnt-audio.com

[ Home | Redazione | FAQ | HiFi Shows | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]