[ TNT | Redazione | Adeste Fideles | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]

Come scegliere i cavi

I cavi di collegamento, sia quelli che vanno alle casse sia quelli di interconnessione tra i vari apparecchi, sono stati considerati per molto tempo completamente ininfluenti sulla resa sonora di un impianto ad Alta Fedeltà.
Dall'inizio degli anni '80 diverse aziende hanno cominciato a proporre cavi speciali per HiFi. Tra lo stupore e l'incredulità generale gli audiofili e le riviste specializzate hanno cominciato a sostenere la tesi che anche i cavi avevano una grande influenza sul suono di un impianto e da allora è stato un crescendo inarrestabile fino alle follie dei giorni nostri quando si arriva a pagare anche 3 milioni per un (1) metro di cavo speciale.
Questo l'antefatto. Ora possiamo cercare di capirci un po' di più.

Come districarsi

Cominciamo con un po' di notazioni.
I cavi che vanno dall'amplificatore alle casse prendono il nome di cavi di potenza (*speakers cables* in inglese).
I cavi che collegano i vari apparecchi dell'impianto si chiamano cavi di segnale o di interconnessione (*signal cables* o *interconnects* in inglese).
I cavi che collegano gli apparecchi alla rete elettrica si chiamano di alimentazione.
I cavi di potenza possono essere terminati semplicemente spellandoli oppure utilizzando degli spinotti che garantiscono un contatto meccanico ed elettrico migliore: forcelle e banane. Queste ultime in particolare sono particolarmente pratiche quando si voglia fare delle veloci sostituzioni di casse e ampli, ad es. per delle prove.
I cavi di segnale sono necessariamente terminati con degli spinotti detti RCA che, a seconda del livello di costruzione e dei materiali impiegati, possono garantire connessioni più o meno affidabili. In generale è meglio rifuggere da quelli troppo economici (ca. 2000 lire).

I cavi di potenza dovranno essere rigorosamente della stessa lunghezza per ogni cassa, anche se una di esse è molto più vicina all'amplificatore di quanto non lo sia l'altra.
Inoltre i cavi dovranno essere i più corti possibile, sia quelli di potenza che quelli di segnale. Questo non significa affatto che dovrete mettere gli apparecchi uno sull'altro per avere la distanza minore possibile. Ogni apparecchio necessita di un suo spazio per funzionare correttamente ed inoltre impilandoli uno sull'altro di possono innescare fastidiose interferenze elettromagnetiche.
Per lo stesso motivo evitate ammassi ed intrecci inestricabili di cavi dietro i vostri apparecchi. Oltre a rendervi difficile il compito di staccare/riattaccare un componente quando necessario, essi funzionano come delle meravigliose antenne in grado di captare ogni sorta di disturbo di natura elettromagnetica presente nelle vicinanze.

Quanto spendere

Cominciamo con i cavi forniti *di serie* con gli apparecchi e col solito cavo rosso/nero per le casse che tanto era in voga anni fa.
Questi rappresentano il gradino più basso, la spesa minore possibile, essendo forniti gratis con gli apparecchi o *regalati* insieme alle casse.
Nonostante questo (prezzo zero) il rapporto qualità/prezzo, che teoricamente in questo caso dovrebbe tendere all'infinito in realtà è una classica forma indeterminata del tipo 0/0 perchè anche il numeratore della frazione -la qualità- è ZERO. Fuor di metafora matematica (e perdonatemi qualche deformazione professionale di tanto in tanto) diciamo che tali cavi sono da evitare ad ogni costo. Quello che si può perdere utilizzandoli ha dell'incredibile.
Occorre dunque spendere un po' di più. Al solito possiamo pensare al mercato dell'usato, dove, in particolare per i cavi si possono fare eccellenti affari. Infatti i cavi sono gli unici oggetti HiFi che non si usurano (questo non è completamente vero ma ha il suo valore nell'ambito di questa trattazione) per cui è estremamente facile pagare un prodotto pari al nuovo ad un prezzo dimezzato.
Occorre naturalmente sapere cosa comprare quindi, semmai, l'usato è un campo da vagliare solo in un secondo momento del vostro percorso di formazione audiofila.
I costi dunque. Un discreto cavo di potenza lo pagate meno di 10.000 lire al metro ed un cavo di segnale meno di 100.000 con alcune lodevoli eccezioni.
Per non sbagliare rivolgetevi a prodotti di marchi ben conosciuti (tanto per fare dei nomi Monster Cable, Van den Hul, Supra, Audioquest etc) ed evitate ad ogni costo quei cavi che di speciale hanno solo la sezione ed il colore della guaina.
Se vi piace l'idea di autocostruirvi i cavi spendendo davvero due lire provate a vedere la proposta per un cavo di potenza fatto in casa su queste stesse pagine. Abbiamo anche altri progetti un po' più sofisticati.

Come e perchè funzionano

Senza addentrarci in trattazioni tecniche troppo complicate diciamo che il cavo, di qualunque genere esso sia è un componente audio a tutti gli effetti, attraversato dal segnale e pertanto potenziale *inquinatore* dello stesso.
È un componente *passivo* ovvero non può fare niente di proprio se non opporsi al passaggio del segnale audio ed influenzare con le sue caratteristiche elettriche (capacità, induttanza, resistenza) l'accoppiamento tra i vari componenti di un impianto HiFi.
Funziona dunque solo per *sottrazione* ovvero ciò che lascia passare è sola una parte -grande quanto si vuole- del segnale che lo attraversa.quindi quando sentirete parlare di un cavo che ha *molti bassi* non dovete pensare che li ha *addizionati* di suo al segnale. Semplicemente ne ha *sottratto* di meno.
Oltre alle caratteristiche elettriche altri sono i parametri che possono influenzare le prestazioni sonore di un cavo. La geometria secondo la quale viene avvolto, la sezione, l'immunità alle risonanze, la schermatura contro le interferenze elettromagnetiche ed altro ancora contribuiscono a delineare la personalità sonora di un conduttore.
Per alcune considerazioni sull'argomento leggete l'inter.vista che ho fatto ad un famoso progettista di cavi: George Cardas della Cardas Audio.
È chiaro quindi che, essendo così numerosi i parametri in gioco, è difficile se non impossibile stabilire un approccio costruttivo che sia intrinsecamente migliore di un altro. Quindi quando sentirete parlare o leggerete del *miglior cavo in assoluto* sappiate che trattasi di pubblicità pura e semplice, neanche troppo furba e convincente a dir la verità, e che come tale va considerata. Credereste mai a qualcuno che vi dice di aver trovato la *migliore automobile* o il *miglior bagnoschiuma* ? Ne dubito.

In conclusione il consiglio è, al solito, quello di scegliere i cavi provandoli dentro il vostro impianto. Non fanno miracoli ma possono aiutare ad ottimizzare il suono di un sistema, sia armonizzandone le caratteristiche timbriche sia mettendone in risalto i pregi maggiori.
È chiaro d'altra parte che con abbinamenti particolarmente infelici invece di esaltare i pregi verrano evidenziati i difetti questo soprattutto se la qualità del cavo è di molto superiore a quella dell'intero sistema.
Morale: il compatto della nonna non suonerà meglio se userete dei cavi esoterici.

Sulle varie modalità di collegamento delle casse all'amplificatore vi suggerisco di dare un'occhiata alla Monografia sul biwiring, monowiring, biamping & multiamplificazione attiva dove con parole semplici ho cercato di far luce sull'intricato labirinto di possibilità di collegamento disponibili oggi.

© Copyright 1995 Lucio Cadeddu - http://www.tnt-audio.com

Istruzioni su come stampare questo articolo

[ TNT | Redazione | Adeste Fideles | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]