[ Home | Redazione | FAQ | HiFi Shows | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]

Lettore CD Audio Note CD1.1x

[Lettore CD Audio Note CD1.1x]
[English version]

Prodotto: lettore CD Audio Note CD1.1x
Costruttore: Audio Note - UK
Costo: 1350 (1700 €)
Recensore: Maarten van Casteren - TNT UK
Traduttore: Roberto D'Agosta
Pubblicato: Aprile 2008

Introduzione

La Audio Note UK è molto nota nell'ambiente audio per i suoi componenti high-end e per le sue uniche e stringenti scelte filosofiche su come una riproduzione ottimale del suono debba essere raggiunta. Per esempio, nelle sue elettroniche non vengono usati transistor ma solo valvole ed è stato così fin dagli albori senza inseguire la moda come invece altri marchi hanno fatto.
Alla Audio Note UK (AN-UK) pensano anche che un'elevata qualità dei componenti elettronici corrisponda un'elevata qualità del suono e anche per questo molti dei loro migliori componenti elettronici sono progettati e costruiti da loro. Inoltre l'argento è ritenuto essere il miglior conduttore disponibile e le loro elettroniche di più alta qualità, estremamente costose, hanno quasi esclusivamente fili e contatti in argento, inclusi le bobine dei crossover, i trasformatori audio, ecc.

Un'altra forte convinzione da quelle parti è che la conversione da digitale ad analogico debba avvenire senza alcun up- o over-sampling e senza alcun filtro passa basso sia esso analogico o digitale. Questo implica che tutti gli "alias" del segnale audio ad alte frequenze sono inviati all'amplificatore senza alcuna modifica. (Nell'ambito delle telecomunicazioni l'"aliasing" corrisponde a quel fenomeno per cui due segnali analogici distinti possono dare lo stesso segnale digitale, n.d.T.). Non tutti gli amplificatori sono contenti di questo e quasi tutti i lettori CD filtrano gli alias. La chiave dell'up- o over-sampling è che questo filtraggio viene fatto con curve di risposta più morbide causando minori problemi nella parte dello spettro sonoro percepibile dall'orecchio umano. Invece alla AN-UK pensano che la soluzione migliore sia rimuovere completamente qualsiasi filtro poiché l'orecchio umano comunque non può percepire quegli alias e qualsiasi tentativo di eliminarli deteriora inevitabilmente il suono. Un simile approccio è usato anche da altre industrie come la "47 laboratory" e l'"Opera Audio" per esempio nel loro Opera Consonance CD120 Linear.

Il CD1.1x è il modello più economico (almeno nelle serie attuali) della AN-UK, ma impersona pienamente tutti i principi di progettazione di cui vi ho parlato. Non usa up- o over-sampling, l'uscita del DAC non è filtrata, lo stadio d'uscita è formato da una piccola valvola in miniatura, l'uscita è in corrente alternata accoppiata da un paio di grossi condensatori AN a fogli di stagno e i connettori d'uscita sembrano ricoperti di argento. Anche il prezzo di questo modello base è molto "Audio Note": con un prezzo di 1350 GBP (1700 €) è più costoso dei modelli di punta di molte altre marche.

Quindi questo sembra essere un lettore Audio Note vero e proprio per questo dovrebbe avere una marcia in più. Ma devo proprio ammettere che al primo sguardo non sembra essere molto speciale: ad essere onesti tutto lo chassis esterno potrebbe essere definito come "rustico". Anche se tutto è assemblato abbastanza bene questo lettore dà proprio l'impressione di essere il modello base: è piccolo, non molto pesante e molto minimalista con una sola coppia di uscite RCA e neanche un'uscita digitale; il telecomando poi è un pezzo di plastica molto essenziale. Sinceramente non mi piace molto il look del display che peraltro non è neanche molto chiaro quando lo guardate da posizione angolata. Quando premete il tasto "eject" il cassettino viene fuori con un tale rumore che vi chiedete se per caso qualcosa non si sia rotto... Di certo, ovunque il vostro denaro sia andato a finire, non è nell'aspetto esteriore!

[il lettore CD Audio Note CD1.1x]

D'altra parte, non che uno sguardo all'interno sia così rassicurante e rinforza la perplessità su dove sia andato a finire il vostro denaro: la scheda principale non ha più di 20 o 30 componenti installati sopra, tutti molto ben distanziati. Devo aggiungere che ci sono un paio di grossi trasformatori a "blocco" e che quei grossi condensatori a fogli di stagno appaiono impressionanti. Ma proprio come all'esterno, anche all'interno non sembra proprio un oggetto tanto costoso. Certo, non che me ne possa importare: se suona bene allora va tutto bene! Ho voluto solo farvi sapere che se per voi la cosmetica è importante allora dovete andare a cercare da qualche altra parte. Alcuni miei amici infatti hanno commentato negativamente l'aspetto esteriore e la mancanza dell'"orgoglio nel possederlo" a dispetto del prezzo non basso.

La singola valvola usata è una 6111WA di tipo miniaturizzato saldata sulla scheda per cui non è possibile cambiarla. La AN dichiara una vita media molto lunga per questa valvola, circa 100.000 ore che significherebbe oltre 11 anni di uso continuo prima che sia necessario sostituirla. Nei due mesi di questa prova non ci sono stati problemi con questa valvola.

Il suono

Devo cominciare questa sezione con un'avvertenza: questo lettore richiede un lungo periodo di rodaggio e deve essere sistemato su un supporto solido. Quando, appena arrivato nuovo, l'ho sistemato su uno dei ripiani del mio mobiletto Target vecchio stile, il lettore suonava confusionario, rude e un po' "urlante". C'erano alcune cose buone nel suono ma erano completamente oscurate dalla rudezza del resto. Solo dopo 200 ore di uso continuo i suoni hanno iniziato ad ammorbidirsi ed essere molto migliori. E solo dopo che l'ho sistemato sul mio grosso piano in ardesia, poggiato su 4 piedini in sorbotano, questo lettore ha iniziato a cantare. Qualsiasi lettore CD necessita di un buon supporto, ma questo lettore in particolare ne ha realmente bisogno prima di poter esprimere appieno il suo talento. Questo lettore è stato usato con il preamp Django transformer, l'Electrocompaniet ECI-2 modificato e con i diffusori Dynaudio Contour 1.8 mk2.

Quando l'avete fatto sciogliere per bene e sistemato come piace a lui, questo lettore è veramente qualcosa di speciale: non ho mai ascoltato un lettore CD che sia così vibrante, energetico e vivo! Bisogna dire che ha le sue preferenze in termini di musica e registrazioni ma quando trovate quelle buone allora diventa tutto godibilissimo. Il basso è molto potente e le medie frequenze sono molto ben articolate: il pianoforte ne trae immensi vantaggi e mostra una grande chiarezza e peso su tutto lo spettro di frequenze mentre le singole parti sono facili da distinguere. Tutta la presentazione nel suo complesso ha molta potenza ed è molto stimolante. Il "centro di propulsione" è probabilmente un pochino spostato verso le alte frequenze, rispetto per esempio al Naim CD5x / Flatcap 2x, ma l'AN è di certo nella stessa lega per ritmo e senso del tempo. Le medie frequenze sono molto precise e trasparenti, ed insieme al basso mostrano un livello di dettaglio eccellente.

Complessivamente il lettore AN ha una propria personalità simile, in qualche senso, a quella di un diffusore "studio monitor" ma senza troppe limitazioni in basso. I suoi punti di forza sono radicati principalmente nelle medie frequenze e meno negli estremi dello spettro, facendolo suonare, di tanto in tanto, come un altoparlante a tromba. Ma è anche un lettore CD molto onesto che vi mostrerà esattamente quello che c'è sul dischetto senza renderlo più bello o dimenticarsi qualcosa. Onestamente, non è completamente neutrale ma non si discosta troppo dalla neutralità: è un lettore molto presente che può fare magie con buone registrazioni ma, altrettanto facilmente, mettere in evidenza i limiti di quelle cattive. La sola regione di frequenze in cui secondo me aggiunge qualcosa è nella banda alta che ogni tanto può apparire un po' dura o rude. Non soffre del "taglio digitale", che di suo è un'ottima cosa, ma non è neanche perfetto. Trovo questa leggera rudezza abbastanza sopportabile e probabilmente in questo caso anche un buon compromesso: meglio mostrare un piccolo difetto che tentare di coprirlo e deteriorare tutto il suono per questo.

Anche la rappresentazione spaziale è molto buona: il palcoscenico non è gigantesco ed ho ascoltato lettori con più profondità, ma lo spazio proiettato appare naturale, "corretto" e più in avanti di molti altri lettori, ma al tempo stesso più avvolgente che aggressivo. Gli strumenti e le voci hanno posizioni stabili e ben focalizzate all'interno del palco che non si appiattisce nelle parti musicali più complesse. I singoli dettagli sono ben preservati con una buona separazione tra le diverse sorgenti sonore. Il basso preciso aiuta a ricostruire l'acustica della registrazione e dà agli strumentisti una forte presenza fisica.

Ho provato questo lettore anche nel sistema di un mio amico dove ha alimentato un amplificatore integrato Anatek A50 attaccato ad un paio di diffusori Focal JMlab Chorus 714. Il CD1.1x suona bene anche in quel sistema anche se mi sono dovuto portare dietro il piano d'ardesia e i piedini in sorbotano prima che iniziasse a suonare di nuovo correttamente. Il mio amico è stato un pochino più critico sui problemi alle alte frequenze forse perché i suoi diffusori hanno tweeter metallici: accoppiare questo lettore ad amplificatori integrati dal suono "aggressivo" o con tweeter metallici molto "presenti" è sconsigliabile.

[Il lettore CD Audio Note CD1.1x]

A confronto

Mentre stavo preparando questa recensione, anche il lettore CD Astin Trew AT3500 gironzolava dalle mie parti: questo lettore, che costa circa 200 GBP (250 €) in meno rispetto all'AN, con la sua presentazione morbida e calda rappresenta un buon termine di paragone per l'AN. Ho usato l'Astin Trew con l'up-sampling disabilitato per cui entrambi i lettori hanno usato il nativo rate di campionamento di 16 bit a 44 kHz: questa scelta suona per me più corretta e naturale, prova che all'AN hanno in parte ragione nella scelta dello "zero over-sampling".

L'Astin Trew è più caldo, ma l'AN scalcia più forte nella parte bassa: l'Astin Trew è più composto e ha una purezza tonale maggiore mentre l'AN può suonare un poco troppo brillante alle alte frequenze. D'altra parte l'Astin Trew può risultare un po' noioso con registrazioni meno vivaci mentre l'AN cattura sempre la vostra attenzione. L'Astin Trew ha quella ricchezza magica nelle medie frequenze propria delle elettroniche valvolari, mentre l'AN, pur essendo un valvolare, può suonare un pochino duro e spoglio. D'altro canto, l'AN ha più presa senza diventare aggressivo e mette l'ascoltatore al centro dell'azione, senza mettersi troppo in risalto. Di tanto in tanto, l'Astin Trew può apparire un po' troppo accomodante ma sembra essere sempre a proprio agio, mentre di certo l'AN ama una vita molto più sul filo del rasoio. Il pianoforte, ancora una volta, mette in risalto i punti di forza del CD1.1x: suona semplicemente potente, chiaro e completamente convincente anche a confronto con quello, eccellente, riprodotto dall'Astin Trew.

Quale lettore sia migliore è più una questione di gusti personali che non una evidente differenza nella qualità dei due. Alcune volte l'AN suona meglio, specialmente con registrazioni dal vivo e CD che hanno bisogno di una piccola scintilla in più. Altre volte l'Astin Trew suona meglio, soprattutto con musica complessa dove mostra una certa qual compostezza oppure risulta essere molto più "gentile" anche con registrazioni di qualità inferiore. Se si definisse il suono dell'Astin Trew "confortevole" allora quello dell'AN sarebbe "frontale". Il CD1.1x è come bere il caffè nero: zucchero e latte renderebbero il caffè facilmente godibile ai più, ma se veramente amate il gusto del caffè allora dovete berlo nero. Migliore il caffè migliore il suo gusto puro e certamente l'AN ha tutte le qualità necessarie per essere apprezzato senza alcun additivo.

[il lettore CD Audio Note CD1.1x]

Conclusioni

Ho goduto appieno il tempo passato con questo lettore: di certo è una delle migliori macchine che io abbia mai avuto nel mio sistema. Il CD1.1x ha veramente bisogno di un solido supporto e tanto tempo di rodaggio per cui non giudicatelo troppo presto. Anche il vostro orecchio avrà bisogno di un po' di tempo per aggiustarsi al carattere di questo lettore perché chiaramente riproduce alcuni suoni in maniera diversa rispetto a molti altri lettori. Ha un'onestà che definirei brutale che fa si che alcune registrazioni suonino meglio di altre, unita ad altri enormi talenti che lo rendono vibrante, vivace e dinamico. Il basso è eccellente per questa fascia di prezzo e le medie frequenze sono semplicemente eccezionali. L'unico piccolo punto di debolezza è una certa ruvidità alle alte frequenze.

Se tenete molto all'aspetto esteriore del vostro impianto hi-fi, allora dovete approdare su altri lidi. Se veramente volete un suono molto morbido e confortevole di certo ci sono opzioni migliori. Eppure non ho esitazioni a raccomandare questo lettore: è qualcosa di veramente speciale e se vi piacesse la sua personalità allora lo amereste a lungo.

Copyright 2008 Maarten van Casteren - www.tnt-audio.com

[ Home | Redazione | FAQ | HiFi Shows | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]