[ TNT | Redazione | HiFi Shows | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]

Lettere alla Redazione

Voi siete qui > Home > Lettere alla Redazione > Lettere della settimana

ATTENZIONE!!! Pregasi leggere prima le Istruzioni per l'uso
Per le domande più generali leggete prima la rubrica Adeste Fideles!
Potete anche unirvi al nostro gruppo di discussione sull'HiFi!!!

I volumi della posta precedente

  1. Cavo TNT Star e...musicisti
  2. Aggiornare vecchio impianto
  3. Insoddisfazione
  4. Nuovo lettore e altro...(2 lettere)
  5. Cavi ed impianto "freddo"
  6. Sedute spiritiche col lettore CD
  7. 200 milioni per 1 solo impianto :-)
  8. Consigli per un impianto budget, invece
  9. Upgrade, cercasi consigli
  10. Dubbi Amletici

Cavo TNT Star e...musicisti
Caro Direttore, ho regalato ad uno dei miei tanti cognati una coppia di TNT-STAR versione "base", cioè senza ferrite ne' calza isolante attaccata a terra; i primi che mi ero costruito e che hanno suonato nel mio impianto per circa un mese.
Questo mio cognato è diplomato Maestro di Flauto al conservatorio Rossini di Pesaro e sicuramente ha più orecchio di me, ragioniere pentito ed informatico da più di 15 anni.
Ha sostituito i suoi precedenti cavi, una normale piattina bifilare da 2.5 - 5-6000 lire al m. come avevo io, e ne è rimasto entusiasta.
Come dice lui, il suono ora è più nitido, più pulito; anche lui ha riscoperto il piacere di ascoltare la musica. Io penso che quando si riesce a sentire distintamente anche il movimento dei tasti degli strumenti, vuol dire che si è raggiunto un discreto se non buon livello di riproduzione.
L'unico difetto è che purtroppo ho trovato un cavo non tanto flessibile ed è di difficile maneggevolezza e gli amplificatori che abbiamo hanno difficoltà a serrare tali spessori.
Comunque, un GRAZIE da parte sua, e logicamente anche da parte mia, per i Vostri consigli e soprattutto per la Vostra disponibilità dimostrata nei nostri confronti.
Ciao !!!
PS. È rimasto talmente entusiasta della qualità della musica che, alzando troppo il volume, gli si sono letteralmente disintegrati i supporti dei woofer delle sue CerwinVega probabilmente arrivate...a capolinea !! :-(
Danilo Belardinelli - E-mail: Danilo.Belardinelli@merloni.com

LC
Caro Danilo,
sono io che ringrazio voi per la preziosa testimonianza. Uno degli argomenti più frequentemente usati dai detrattori del "suono dei cavi" o dell'HiFi in genere sarebbe proprio quello che i musicisti, teoricamente i più capaci di sentire eventuali differenze, normalmente ascoltano con impianti scadentissimi, come se non ci fosse alcuna necessità per apparecchi e complementi di buona qualità.
Questa tua gentile comunicazione (che fortunatamente non è la prima in tal senso) conferma che anche chi ha l'orecchio "musicale" professionista (se così si può dire) è in grado di sentire e apprezzare le differenze che noi audiofili sentiamo da sempre.
Non appena avete tempo, provate a collegare la calza a terra o al negativo dell'ampli, dovrebbe esserci un ulteriore salto di qualità.
Ciao e grazie!
Lucio Cadeddu

Aggiornare vecchio impianto
Caro direttore e altrettanto preziosa Redazione di TNT, ci tengo particolarmente ad esprimere i più convinti complimenti e i più sinceri ringraziamenti, per tutto il vostro lavoro messo a disposizione di chi come me, è semplicemente assetato dei vostri più che affidabili e attendibili consigli.
Vi dico francamente, che se non avessi constatato la vostra incredibile disponibilità e pazienza nei confronti dei neofiti come il sottoscritto, non avrei avuto neanche il coraggio di rivolgervi le mie profane questioni.
Leggendo le vostre varie rubriche, si è risvegliato in me il desiderio sopito da circa 15 anni, di realizzare un impianto dignitosamente assemblato, anche perchè avendo cambiato casa, devo rivedere un po' tutto (convincendo anche la Mia gentile consorte!).
Possiedo diffusori ESB 7/06 prima serie, un pre NAD 1115, un finale NAD 2600, e da qualche settimana ha smesso di funzionare, il mio vecchio ed economico lettore CD Marantz.
Ascolto musica in un salone di 27 mq (6, 2 x 4, 3) e pavimento in ceramica. La stanza, è divisa da un acquario lungo 1, 2 m. a terra un tappeto, e in una metà della parete più lunga, c'è il mobile che raccoglie l'impianto, di fronte a un divano. I generi musicali preferiti, sono Jazz, Soft, Vocalist, ma ascolto un po' di tutto. L'intenzione, è quella di aggiornare nel tempo (chissa quanto?!) l'intero impianto, anche perchè i diffusori sono posizionati per dimensioni e spazio disponibile, in maniera indegna (parete a destra dell'impianto!) e pertanto dovrò orientarmi su casse molto più piccole. Il Pre, comincia tra l'altro a dare anche segni di inaffidabilità su un canale. Pertanto, potendo contare al momento su un budget di circa 2 milioni, dovendo immediatamente acquistare un lettore CD e un Pre per quanto possibile compatibile con il finale NAD 2600, vorrei possibilmente consigli, su come distribuire la spesa tra i due e per quali modelli. Dalle mie recenti prove d'ascolto, sto scoprendo di preferire il suono dei lettori inglesi (mi propongono al momento usati, un Orelle CD 100E a L. 1.100.000 e un California Audio Lab DX1 a 900.000) o è forse meglio investire simili cifre per un lettore nuovo? Per la cronaca (chissà quando!) il mio sogno sarebbero le Sonus Faber (Concerto?).
Carissimo Direttore, sarei veramente più che grato di ricevere preziosi consigli in merito, prima di beccare il consiglio fregatura, in uno dei punti vendita dove sto ascoltando di tutto!
Ringraziandovi anticipatamente porgo a tutti voi i più cordiali saluti
Domenico Ruggiero - E-mail: domenico.ruggiero@mail.llpp.it

LC
Caro Domenico,
io ci penserei bene prima di cambiare le ESB 7/06. Sono datate, è vero, ma il tuo ambiente non è piccolo e con una buona sistemazione dovrebbero darti ancora qualche soddisfazione. Tuttavia, se proprio non riuscissi a dar loro una buona sistemazione....meglio venderle e passare a qualcosa di più "domestico".
Le Sonus Faber Concerto sono solo una possibilità, ma ce ne sono tante altre, anche solo restando in ambito italiano. Per i lettori CD fai bene ad orientarti sull'usato (che sia di pochissimi anni, però) e tra i due citati il California Audio Labs lo preferirei (non è inglese, però, ma americano...).
Si trovano molti lettori CD usati di buon livello, non fermarti ai primi 2 che ti hanno offerto.
La coppia pre + finale NAD la farei riparare, magari si tratta solo di difetti dovuti all'età: contatti ossidati, relè che saltano e così via. Magari con poche lire li rimetti in sesto. Volendo sostituire solo il pre, nell'usato trovi moltissimo (vedi cosa ti propongono e sentiamoci di nuovo).
Nel mercato del nuovo la faccenda è più complessa, per via del budget limitato. Una possibile buona scelta è il NAD 911, che dovresti poter trovare a meno di 1 milione. Oppure, ma completamente diverso come approccio, il pre a vavole minimalista X-Pre della Musical Fidelity.
Infine, non dimenticare gli economici, ma buoni, Rotel RC 971 e 972.
Spero di esserti stato utile,
Lucio Cadeddu

Insoddisfazione
Ciao mi chiamo Angelo,
è la prima volta che scrivo. Ho scoperto questo sito dopo una lunga ricerca cercando qualcosa che parlasse di Hi-Fi con passione. Ho passato ore e ore sui motori di ricerca che mi indirizzavano verso siti senza nessun contenuto serio, pieni di pubblicità stavo lasciando perdere quando finalmente....
Un sito eccezionale e serio che fa venire veramente la voglia di esplorarlo tutto (grazie per non aver messo dentro inutili aggiunte che avrebbero reso estenuante la navigazione).
Sfogliando le pagine si è riaccesa in me la passione per l'Hi-Fi (Anche se forse uso impropriamente questo termine non essendo praticissimo). Ho scoperto che per migliorare l'ascolto della musica non servono milioni per piccoli e a volte inutili accessori ma solo passione.
Ho costruito come consigliato da te il cavo di potenza
TNT Star che mi ha fatto ricredere sull'importanza dei cavi.
Finisco qui con i complimenti anche se ne avrei tantissimi ancora da scrivere.

Il motivo per cui ho scritto questa lettera è innanzi tutto per ringraziarti e visto che ci sono anche per chiedere alcuni consigli.
Ho cominciato quattro anni fa circa (Premetto che ho 24 anni) e nel corso di questi anni ho ampliato il mio impianto che è così composto:

La stanza dove è collocato l'impianto è di 5m x 5m. Ascolto molta musica Orchestrale.
Quando ascolto la musica mi sembra che il suono degli strumenti di secondo piano sia un po' mischiato e quasi si confonde e manca di spazialità.
Inoltre mi sembra che il centrale abbia una timbrica diversa dalle altre due casse della Opera. Insomma non sono soddisfatto del suono visto quello che ho speso per l'impianto (Forse sono io che pretendo troppo??). Vorrei se possibile un tuo parere sull'impianto, e chiederti un consiglio.
Vorrei cambiare il lettore CD, ero orientato verso un Marantz 6000, mi conviene risparmiarmi questi soldi e se il problema è l'amplificatore cambiarlo sempre con un amplificatore con sistema Dolby.
Accetterei volentieri un consiglio su un possibile amplificatore.
Ti ringrazio anticipatamente e ancora complimenti.
Angelo Di Stefano - E-mail: nadiangelo@tiscalinet.it

LC
Caro Angelo,
temo che gran parte dell'insoddisfazione che lamenti sia dovuta al lettore CD, molto economico, ed all'amplificatore A/V. Dovresti orientarti verso modelli di qualità superiore. Il Marantz CD 6000 sarebbe un buon passo avanti (ma non aspettarti miracoli) così come lo sarebbe un ampli A/V come un NAD o un Harman Kardon. Quanto spenderci dipende da te. È ovvio che più spendi e meglio è :-)
Tuttavia, se il tuo interesse principale è la Musica (come mi sembra di capire) non dimenticarti che amplificatori progettati per il solo audio stereofonico possono, a parità di spesa, fare molto, molto di più.
Grazie per i complimenti!
Lucio Cadeddu

Nuovo lettore e altro...(2 lettere)
No, no, non chiedo lumi su un nuovo lettore cd, il nuovo lettore SONO IO !!!! Ho scoperto casualmente TNT AUDIO tra una navigata e l'altra, e immediatamente è finito tra i siti favoriti.....COMPLIMENTI !!!
È veramente una "rivista" interessante, la passione trasuda da ogni parola, e l'ironia e l'umorismo che condisce gli articoli è piacevole e azzeccata specie in un campo come questo, dove si rischia di diventare troppo seriosi.
Inoltre la capacità di affrontare argomenti non facilissimi in maniera comprensibile è una qualità rara !

In effetti è bastato leggere pochi articoli per riaccendere in me la semisopita passione per l'Alta Fedeltà; ho subito cercato di mettere in pratica alcuni consigli, e i risultati non sono mancati!! Specialmente l'utilizzo dei piedini UPIM sotto le mie (modeste) casse JBL CM62 ha modificato nettamente il suono, schiarendo il panorama sonoro e separando meglio i suoni dei singoli strumenti.
Mi sto cimentando anche con prove d'altro tipo, tipo ricerca di punte disaccoppianti economiche e fantasiose....Eventualmente ti farò sapere i risultati di alcuni esperimenti, anche se il mio lettore cd è piuttosto modesto (Denon DCD435) e non se potrò avvertire dei cambiamenti.

Bando ai complimenti, avrei anche qualche critica/suggerimento..... Spesso capita (almeno a me!) di ascoltare la musica in cuffia....Perchè non si parla di questi dispositivi in TNT Audio ? Ok, questa domanda è sufficiente a classificarmi come audiofilo fallito ? Eh, lo so, ma vivendo in appartamenti con fogli di carta come pareti, bisogna tener presente anche il vicinato.....
I registratori a cassette....Certo la fedeltà non è neppure lontanamente paragonabile ai cd o vinile, ma essendo tutt'ora un supporto molto diffuso forse varrebbe la pena spendere due parole a riguardo (se non ricordo male, se ne parla ma in maniera un po' superficialina).

Ok, ho capito, ho sbagliato tutto nella vita, non diverrò mai audiofilo, e anzi guai se vi riscrivo un'altra volta.......Bè, scherzo, spero di no !!!
Io comunque continuerò a leggervi!
Ciao ciao

Seconda lettera:
ok ok lo so che sei preso nelle tue mille attività!
Infatti non chiederò lumi su questo o quello (magari n'altra volta) volevo solo dirti che mi sto leggendo tutta la posta arretrata....Pian piano !!! E la mia stima nei tuoi confronti sta crescendo.
Deve essere dura rispondere a mille domande, spesso simili o uguali fra loro, senza perdere la voglia di farlo !! Ci sono poi i polemici, gli esibizionisti o i critici (ma il tizio indisponente che cambiava i bracci ai suoi 7 giradisci l'hai poi conosciuto di persona?), che certo non sono uno stimolo......

L'(auto)ironia che permea il tuo sito e le tue risposte mi entusiasma perchè allora vuol dire che al mondo c'è ancora qualcuno che possiede questa dote indispensabile ....In effetti sembra *DAVVERO* di essere tra un gruppo di amici che parlano del loro hobby senza trascurare battutine e frecciatine per riderci un po' sopra :-)
E il tutto senza perdere in precisione !!! E il tutto in totale indipendenza !!!! Indubbiamente anche per questo sei da portare come esempio a chiunque intenda crearsi uno spazio su internet !!

Tra l'altro molte tue considerazioni (tipo quelle riguardanti i compattoni da comprarsi al centro commerciale) danno modo di riflettere non solo sull'hifi ma anche sulla realtà (spesso triste) della vita odierna....

Complimenti vivissimi quindi.....Spero che ti arrivino molte lettere tipo questa, e spero ti possano essere di sostegno nei momenti di sconforto (ce ne saranno stati, immagino).

Ah, riguardo alla mia mail di ieri, poi in effetti ho visto che un accenno alle cuffie c'è stato (posta vol.3 - sono arrivato al vol.14) però forse un approfondimento, una sezioncina ina ina , qualche consiglio ci vorrebbe (?); per le cassette......Ok, ho letto anche l'idea di bruciare le cassette, lo so che non è vero hifi, però.......;-)

Cmq ho provato i piedini upim sotto le casse (Canton CM62, non inorridire) e sotto il sub (Yamaha YST-sw45): è cambiato *tutto*. 1000 grazie. :-)
Ultima cosa (e qui mi prenderai per folle) - nessuno ha mai pensato (per eliminare il problema vibrazioni risonanze e quant'altro sui CDP) di caricare tutto il cd in una RAM nel CDP e poi suonare il tutto da lì?
Basta, ne ho sparate fin troppe.
Ri-Ciao
Andrea Cassano - E-mail: cas_andrea@hotmail.com

LC
Caro Andrea,
sulle cuffie ho già detto la mia proprio su questa rubrica, qualche mese fa (quindi più recentemente rispetto alla lettera cui fai riferimento tu). Sui registratori ed i sintonizzatori c'è un articolo apposito sulla rubrica della FAQ: Adeste Fideles che ti deve essere sfuggito.

Perchè non parliamo di tutto ciò che è audio? In sintesi: in tempi dove chiunque davanti ad una tastiera ed una connessione internet (in certi casi è stato peggio che vendere il whisky agli indiani d'America :-) ) si sente in diritto di parlare (sparlare) di qualunque aspetto dello scibile umano, noi preferiamo rimanere modesti e trattare solo argomenti che crediamo di conoscere un po'. Non siamo esperti di cuffie, ne' di registratori ne' di sintonizzatori. Meglio tacere che scrivere sciocchezze. C'è già troppa gente in giro che crede di poter parlare in modo SERIO di tutto.

La storia della RAM è ancora lontana dall'essere applicabile e, se passa la cosiddetta "alta definizione" (SACD, DVD-Audio...), con relativo aumento del dato PCM, le possibilità di poter usare moduli RAM (o simili) si allontanano sempre di più.

Per quanto riguarda la pazienza, beh, molti mi accusano di non averne abbastanza. Purtroppo un servizio così "visibile" come TNT-Audio espone a tutta una serie di personaggi che, protetti dall'anonimato della rete, si sentono in diritto di scrivere tutto quel che gli passa per la testa.
Dopo ben 165 volumi di posta alla redazione (= migliaia di lettere sempre online), credo che la maggior parte delle domande che i lettori possano farci abbia già avuto risposta, basterebbe usare il cervello (ogni tanto, non sempre perchè si usura) e cercare quel che serve, con pazienza, non foss'altro se per non approfittare troppo di questo servizio gratuito e del tempo mio e di chi legge. Esiste un motore di ricerca INTERNO alle pagine di TNT-Audio. Usatelo!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Non solo, ma ora è disponibile un CD-Rom con tutta TNT-Audio, che permette di leggere tutto il "pregresso" senza stare collegati in Rete. L'ha pubblicato la rivista di informatica DEV, come CD allegato alla pubblicazione. Se ve lo siete persi in edicola, potete sempre chiederlo come arretrato.
Ciao!
Lucio Cadeddu

Cavi ed impianto "freddo"
Gentile direttore,
mi chiamo Mario Morittu, ho 49 anni e la musica, da suonare e da ascoltare, è sempre stato il mio interesse principale da oltre 30 anni.
Pur frequentando oramai, quasi giornalmente questo sito, non le ho mai scritto ma ho letto però attentamente sia le recensioni che la rubrica della posta. Il mio impianto, che ascolto in una stanza di 6m x 4, 5m, mediamente arredata, mi soddisfa ma non mi entusiasma. Questi sono gli elementi che lo compongono.
Giradischi analogico Thorens td 160 S mk5 con testina Goldring Eroica, giradischi digitale Marantz Cd 17, prempli Am Audio 06, finale Am Audio M 160, pre Phono Am Audio mm2, Sistema di altoparlanti Pearl Contrappunto, cavi Monster Cable, Cardas e Cambridge di media qualità.
L'utilizzo di stabilizzatori per cd, punte, Tweakings, tappeti di arredo, hanno migliorato sensibilmente la risposta che però rimane sempre un pochino freddina. Vorrei provare a autocostruirmi i cavi, ma non riesco a trovarli, almeno con le caratteristiche indicate negli articoli e al dettaglio; a proposito ho trovato un sito, www.melchioni.it, che ha in catalogo centinaia di varietà di cavi, e non sarebbe male se tu potessi dargli una occhiata perchè, da quanto leggo il problema della loro scarsa reperibilità è abbastanza diffuso.

Tornando comunque al mio impianto, quando ascolto la musica, di ogni genere, dalla classica al blues, ad una trasparenza e dettaglio di ottima qualità, fa riscontro una risposta, sulle frequenze mediobasse e basse, un po' freddina togliendomi così quell'impatto viscerale che ti fa vivere in maniera più diretta l'evento. La ricostruzione tridimensionale esce solo con i dischi "audiophile" ma io voglio ascoltare bene anche gli altri.
Ti chiedo un consiglio nel caso tu avessi ravvisato qualche incongruenza nel mio impianto.
Scusandomi per la lunghezza della lettera alla quale spero tu vorrai rispondermi anche se "tagliata" degli argomenti ritenuti di interesse non comune, un caro saluto da un tuo conterraneo che vive a Roma.
Mario Morittu - E-mail: marmo@caltanet.it

LC
Caro conterraneo in trasferta,
il problema della reperibilità dei cavi è reale, ma per fortuna esiste il nostro sempre più vitale
gruppo di discussione con soci da tutte le parti d'Italia che possono mettere a disposizione degli altri le proprie esperienze in tema di reperibilità di materiali etc.
Credimi, è il modo migliore per risolvere i piccoli/grandi problemi dell'autocostruttore in erba. Ad esempio, sono molti gli audiofili che mettono a disposizione degli altri le proprie realizzazioni, in occasione dei TNT Meetings. Proprio mercoledì scorso si è svolto uno di tali meetings e proprio a Roma.

Per quanto riguarda il "calore" che sembra mancare nel tuo impianto, difficile fare una diagnosi a distanza. Intanto potrebbe essere l'ambiente troppo riflettente, il che dovrebbe anche spiegare la difficoltà a ricreare un'immagine sonora accettabile con molti dischi. Poi i diffusori, che ho sempre e solo ascoltato distrattamente alle mostre e/o il loro abbinamento con le elettroniche AM Audio. Il resto dell'impianto non mi pare votato alla "freddezza", tutt'altro.
Ultima cosa, ma che avrai già verificato, un erroneo posizionamento dei diffusori in ambiente. Nel caso, fai delle prove e riferiscimi i risultati.
Ciao!
Lucio Cadeddu

Sedute spiritiche col lettore CD
Gentile Direttore,
vorrei nuovamente disturbarti per chiedere lumi su una cosa che mi accade al lettore cd. Possiedo un Onkyo dx 7911 integra e, per questioni di abitudine, raramente ascolto dopo le ore 23.
Ma, cambiate le abitudini causa orario di lavoro, mi sono trovato ad ascoltare cd fino oltre la mezzanotte, pertanto a volume basso. Ed ecco: più o meno dopo le 23, inizio distintamente a sentire dalle casse sibili tipo alfabeto Morse, ma più lunghi, e poi voci...insomma non sono spiriti, mi accorgo che dalle casse sto sentendo tratti di trasmissioni radio, gracchiare di canzoni per brevi attimi.
Pensavo all'ampli, e ne ho utilizzato anche un altro, dotato di cavo di alimentazione TNT intrecciato del quale a suo tempo ti riportai le meritate lodi. Stesso effetto. Insomma a sentire la radio è il lettore cd: controprova l'ascolto in cuffia nella presa diretta da cd: stesso effetto.
Ora, a parte il chiedersi come mai un lettore di un certo prezzo faccia queste cose, come posso risolvere?
Vorrei provare a cambiare il cavo di alimentazione con uno schermato TNT ma non vorrei toccare l'interno dell'apparecchio anche perchè in ogni caso il foro di passaggio del cavo sul coperchione è piuttosto piccolo e dovrei allargarlo rischiando di rompere qualcosa.
Mi chiedo se, tagliando più corto possibile il cavo originale, e saldandoci uno schermato, non possano essere i 5-6 cm rimasti a continuare a fare da antenna.
E soprattutto: e se non fosse il cavo di alimentazione, che fare? Inoltre, già che ci sono: questo lettore è molto schizzinoso, ci mette parecchio a leggere l'indice del cd e, molto raramente (ma lo fa) non legge dischetti che un qualsiasi walkman ingoia.
Portatolo a controllare, mi è stato sostituito l'intero gruppo ottico e ritarato tutto (scusate il gioco di sillabe) anche se, a detta del riparatore, difetti comunque non ne erano stati riscontrati (l'apparecchio era in ogni caso in garanzia).
La schizzinosità persiste. Qualcuno mi ha detto che è normale per certa categoria di lettori. Per me no. Mi illumini un pochino?
Fabio Lanzi - E-mail: Lanzi.Fabio@alitalia.it

LC
Caro Fabio,
il tuo lettore CD capta la radio dal cavo di segnale, presumibilmente. Quel che ti serve sono degli anelli in ferrite (tipo quelli che ci sono sui cavi del tuo computer) da "clampare" sopra ai cavi che entrano od escono dal lettore CD (siano essi di alimentazione o di segnale). Dovrebbero ridurre MOLTO il fenomeno spiritico.
Li trovi nei negozi (ben forniti) di materiale elettrico/elettronico, in qualche negozio di computer (magari puoi cannibalizzare dei cavi per stampante o per monitor :-)) oppure nei soliti cataloghi tipo RS.
Per quanto riguarda invece la schizzinosità del tuo lettore....è difficile identificare una causa. Talvolta capita, ma quasi sempre con CD masterizzati. Se l'ottica è stata sostituita e ritarata a regola d'arte, non c'è molto altro che tu possa fare.
Spero di esserti stato utile,
Lucio Cadeddu

200 milioni per 1 solo impianto :-)
Egregio Signor Cadeddu,
Ho letto con molto interesse il suo sito e mi permetto di farle i complimenti, ho apprezzato in particolar modo le sue recensioni sul preampli Thor (che avrò letto almeno 10 volte) e sui diffusori Aliante One Zeta. Quando ero studente esploravo il suo sito anche le notti prima degli esami!

Ho un budget previsto di circa duecento milioni di lire, ma purtroppo ho troppo poco tempo per lanciarmi in quella appassionante ricerca concreta del suono più appagante. Per questa ragione non ho nessuna difficoltà a mettermi umilmente all'ascolto di qualunque consiglio fatto da una persona competente e professionale.
Desidero comperare un impianto senza compromessi, in particolar modo per quel che concerne ciò che lei chiama "immagine". Un'altra caratteristica che ricerco è quella di poter vivere la musica sentendola vibrare anche sulla pelle e nel ventre. Non ho LP ed ascolto unicamente CD. Ascolto Pink Floyd, Marc Knopfler, INXS, U2, Depeche mode, ma anche Franz Liszt, Sibelius, Bach. Ascolto anche techno, house, hardcore, come Paul Oakenfold, Dj Armin, D'Agostino, Dj Tiesto, Modjo.
Il primo disco che ascolto dopo un acquisto di un impianto o di una sua componente è "Radio K.A.O.S." di Roger Waters. Il secondo è "Prèludes" di Franz Liszt condotto da Herbert von Karajan.

L'ambiente di ascolto per il momento è un locale di circa 100 m2 (13X8) con il soffitto obliquo (mansarda), l'altezza è di circa 3 metri all'entrata e diminuisce progressivamente fino all'altro capo del locale dove l'altezza è di circa 1 metro.

Se può darmi un consiglio su quali preampli, ampli, lettori CD, diffusori e cavi potrebbero fare al caso mio le sarei molto grato. Mi sono interessato alla serie Nad, Karan, Norh, Krell, Thor, Spectral, Piega, Wilson, ma resto apertissimo anche verso altre marche.
In attesa di una sua risposta la prego di gradire i miei migliori saluti
Emanuel - E-mail riservato

LC
Caro Emanuel,
con un budget a disposizione così elevato per 1 impianto solo :-) non ci sono consigli di esperti che tengano. Capisco il problema del trovare il tempo necessario per gli ascolti...ma niente può sostituirsi all'esperienza diretta. Io posso solo provare a fornirti un paio di idee "guida" ma poi il percorso dovrai farlo da solo.
Intanto l'ambiente è molto grande, quindi opterei per diffusori da pavimento di dimensioni generose, capaci di darti l'impatto che cerchi. Qualche nome? Thiel (le CS 6, ad esempio), ProAC Future 1 o 2, diversi modelli Martin Logan o MBL. Con diffusori di questo tipo hai bisogno, normalmente, di amplificazioni di buona potenza ed ottima erogazione di corrente. Questi potrebbero essere: Classè, Krell, Mark Levinson, AM Audio, Jeff Rowland...abbinati a pre possibilmente della stessa marca.

Un approccio completamente diverso potrebbe essere quello di scegliere diffusori ad alta sensibilità accoppiati con ottimi amplificatori a valvole di potenza non eccessiva. Qualche esempio? Diffusori Klipsch (il Klipschorn, ad esempio) o Tannoy (GRF, Edinburgh...), Avantgarde o simili. Per le amplificazioni a valvole: Audio Note, Jadis, Audio Research con relativi preamplificatori.
La sorgente non è un problema. Con quella cifra puoi acquistare quanto di meglio ci sia oggi disponibile in campo digitale, da Mark Levinson a Theta.
Pero però...per poter decidere (soprattutto la "filosofia" dell'impianto) hai bisogno di prove d'ascolto PERSONALI. Con una cifra elevata è facile convincere qualunque rivenditore a lasciarti gli apparecchi in prestito a casa senza problemi.
Appena avrai fatto una cernita di "papabili" magari sentiamoci di nuovo.
Un'osservazione non richiesta: io preferirei un impianto da 50 milioni e spendere i restanti 150 in dischi e concerti....ma...fai un po' tu.
A presto!
Lucio Cadeddu

Consigli per un impianto budget, invece
Egregio direttore le chiedo nuovamente aiuto. Il mio impiantino è costituito da:

Gli acquisti sono stati fatti con molti sacrifici perchè mi sono da poco laureato e non ho ancora un lavoro stabile. Il punto è questo: il suono ascoltato con le cuffie è piacevole ed equilibrato, anzi mi sembra meglio definito e ricco di dettaglio inserendo lo spinotto delle cuffie nel lettore cd, che nell'amplificatore.
Invece il suono dei diffusori è aspro e ricco di toni alti, è, per così dire, affaticante.
A nulla sono valsi mille tentativi di posizionamento dei diffusori, variando altezza da terra e distanza dal muro. La migliore situazione l'ho avuta ponendoli a circa 60 cm di altezza. Mi consiglierebbe dei diffusori dal suono "dolce" da prendere in esame per un futuro "ahimè non credo prossimo" acquisto.

Ultima domanda a proposito dei supporti per diffusori: pensa siano validi fatti seguendo il progetto del Flexy table, magari a 4 piedi e due ripiani? Ciao e grazie
Maurizio Solazzo - E-mail: masol@libero.it

LC
Caro Maurizio,
esiste l'usato. Gli audiofili, come ho già avuto modo di dire altre volte, cambiano più spesso apparecchi che biancheria intima :-)
Di conseguenza, trovare diffusori usati a prezzi quasi da regalo è facilissimo. Tieni d'occhio i giornali di annunci gratuiti compro/vendo della tua città oppure qualche mercatino Web, come il sito
HiFi Friends. Con un paio di biglietti da 100 mila trovi senz'altro qualcosa di meglio delle tue attuali Sony, senza pensare che potresti avere risultati ancora migliori, con cifre basse, nell'autocostruzione.
Per i supporti FleXy per diffusori niente da eccepire. Se sai cercare in Rete trovi il sito di un audiofilo che ha fatto tutto in stile FleXy, compresi i supporti.
Ciao!
Lucio Cadeddu

Upgrade, cercasi consigli
Complimenti, complimenti, complimenti..........
Siete riusciti ad entusiasmarmi con le vostre recensioni più di ogni altro, ho passato molte ore a leggere le vostre prove e i vostri consigli, ora più che mai visto che mi accingo all'acquisto di un nuovo impianto.
Volevo chiedervi informazioni riguardo a un marchio di cui non ho trovato alcun test da voi effettuato: CAMBRIDGE AUDIO.
Visto il mio budget (sotto il milione e mezzo) mi sembrerebbe una scelta appropriata per cd player e amplificatore (modelli D500 e A500, se non sbaglio!!!).
Il locale dove andranno allocati è la mia camera che misura poco meno di 4 metri per 4 e un'altezza di 2,70.
Un consiglio anche per l'abbinamento dei diffusori che dovranno essere collocati a muro a una distanza inferiore ai 2 metri (avevo preso in considerazione i B&W da voi provati..DM302 o 601 s2 ma comunque sono da verificare!!!!!)
Concludendo, ciò che mi incuriosisce di più sapere è se il marchio da me indicato (CAMBRIDGE AUDIO) abbia davvero quel buon rapporto qualità prezzo che sembrerebbe offrire o se è solo apparente!!!
Nel caso consigliatemi voi su quella fascia di prezzo!!(L. 1.500.000 diffusori esclusi)
Grazie per la cortese attenzione
P.S. Come diffusori posseggo da circa 12 anni delle casse Celestion mod.Ditton Four, 3vie che non disprezzo affatto (pur suonando su un modesto impianto made in japan della Technics!!!!!!), quindi un diffusore dalla timbrica simile non mi dispiacerebbe purchè di dimensioni più ridotte!!!!!
Roberto - E-mail: clarks@tiscalinet.it

LC
Caro Roberto,
non abbiamo ancora provato Cambridge ma lo abbiamo consigliato diverse volte. Si tratta di un marchio che costruisce apparecchi dall'ottimo rapporto qualità prezzo, quindi acquista pure senza timori.
Il fatto che non abbiamo mai pubblicato una recensione di questi apparecchi è perchè il distributore italiano non ce li ha mai fatti avere in prova. Dovremmo riuscire comunque a provare un paio di modelli (ampli e lettore CD) a breve.

Per quanto riguarda le casse, in quella posizione, sarà difficile far suonare bene qualunque cosa :-) Tuttavia, da considerare esclusivamente diffusori col reflex anteriore. Ad esempio, oltre alle B&W che hai citato, potresti provare a sentire anche le Indiana Line Arbour nella stessa fascia di prezzo.
Ciao!
Lucio Cadeddu

Dubbi Amletici
Salve a tutta la redazione, seguo la vostra rivista on-line da qualche anno, e proprio leggendo la vostra rivista ho comprato l'impianto che ho attualmente (CDP-Marantz CD17, A.A.Puccini, SF Concertino).
Volendo cambiare l'impianto sono tornato a cercare consigli da voi. Avevo in mente, per averli ascoltati, o averli visti citati, i seguenti, componenti: Marantz CD6000 OSE, A.A.Puccini SE Remote, S.F. Concerto Gran Piano Home.
Ascolto soprattutto jazz e classica, ma ogni tanto una "scossa" rock non mi dispiace. Le torri mi sono sembrate necessarie dovendo sonorizzare un ambiente di 48mq. Ho ascoltato le SF Signum splendide ma temo "piccole" per un ambiente così grande.
Le Concerto Gran Piano le avevo ascoltate nella vecchia serie e non mi avevano convito granchè sugli alti, ma adesso, mi dicono essere cambiate (migliorate).
Il 6000 OSE leggevo sulla vostra recensione, carica la gamma alta, è adatto secondo voi a quest'abbinamento, o sarebbe meglio qualcosa di più caldo? (avrei, forse trovato un Lector CDP-5T usato a 1ml).
Infine (ho mille dubbi, ma non vorrei diventare logorroico), il Puccini ultima edizione ce la fa a pilotare le Gran Piano Home?
Vi ringrazio molto,
Mario Giani - E-mail: mariogiani@yahoo.it

LC
Caro Mario,
le Gran Piano Home sono MOLTO diverse dalle vecchie, dovrai andare ad ascoltarle per renderti conto della differenza e per decidere se la nuova impostazione ti piace oppure no. Sia chiaro che il confronto con le Signum è improponibile, vista la classe nettamente superiore di queste ultime (seppur più a loro agio in ambienti non enormi).
Fossi in te, lascerei lettore CD ed ampli e cambierei solo le casse. In seguito, se sarà necessario, un Puccini SE nuova versione potrebbe essere una buona scelta.
Quindi, focalizza la tua attenzione sulle casse, magari inserisci qualche altro nome in lista "spesa" (più o meno i soliti che consiglio sempre, non fatemeli ripetere ancora) e VAI AD ASCOLTARLE, magari portandoti appresso il tuo Puccini.
Ciao!
Lucio Cadeddu

ATTENZIONE!!! Pregasi leggere prima le Istruzioni per l'uso
Per le domande più generali leggete prima la rubrica Adeste Fideles!
Potete anche unirvi al nostro gruppo di discussione sull'HiFi!!!

I volumi della posta precedente
Vol.01 | Vol.02 | Vol.03 | Vol.04 | Vol.05 | Vol.06 | Vol.07 | Vol.08 | Vol.09 | Vol.10 | Vol.11 | Vol.12 | Vol.13 | Vol.14 | Vol.15 | Vol.16 | Vol.17 | Vol.18 | Vol.19 | Vol.20 | Vol.21 | Vol.22 | Vol.23 | Vol.24 | Vol.25 | Vol.26 | Vol.27 | Vol.28 | Vol.29 | Vol.30 | Vol.31 | Vol.32 | Vol.33 | Vol.34 | Vol.35 | Vol.36 | Vol.37 | Vol.38 | Vol.39 | Vol.40 | Vol.41 | Vol.42 | Vol.43 | Vol.44 | Vol.45 | Vol.46 | Vol.47 | Vol.48 | Vol.49 | Vol.50 | Vol.51 | Vol.52 | Vol.53 | Vol.54 | Vol.55 | Vol.56 | Vol.57 | Vol.58 | Vol.59 | Vol.60 | Vol.61 | Vol.62 | Vol.63 | Vol.64 | Vol.65 | Vol.66 | Vol.67 | Vol.68 | Vol.69 | Vol.70 | Vol.71 | Vol.72 | Vol.73 | Vol.74 | Vol.75 | Vol.76 | Vol.77 | Vol.78 | Vol.79 | Vol.80 | Vol.81 | Vol.82 | Vol.83 | Vol.84 | Vol.85 | Vol.86 | Vol.87 | Vol.88 | Vol.89 | Vol.90 | Vol.91 | Vol.92 | Vol.93 | Vol.94 | Vol.95 | Vol.96 | Vol.97 | Vol.98 | Vol.99 | Vol.100 | Vol.101 | Vol.102 | Vol.103 | Vol.104 | Vol.105 | Vol.106 | Vol.107 | Vol.108 | Vol.109 | Vol.110 | Vol.111 | Vol.112 | Vol.113 | Vol.114 | Vol.115 | Vol.116 | Vol.117 | Vol.118 | Vol.119 | Vol.120 | Vol.121 | Vol.122 | Vol.123 | Vol.124 | Vol.125 | Vol.126 | Vol.127 | Vol.128 | Vol.129 | Vol.130 | Vol.131 | Vol.132 | Vol.133 | Vol.134 | Vol.135 | Vol.136 | Vol.137 | Vol.138 | Vol.139 | Vol.140 | Vol.141 | Vol.142 | Vol.143 | Vol.144 | Vol.145 | Vol.146 | Vol.147 | Vol.148 | Vol.149 | Vol.150 | Vol.151 | Vol.152 | Vol.153 | Vol.154 | Vol.155 | Vol.156 | Vol.157 | Vol.158 | Vol.159 | Vol.160 | Vol.161 | Vol.162 | Vol.163 | Vol.164 | Vol.165

© Copyright 2001 Lucio Cadeddu - http://www.tnt-audio.com

[ TNT | Redazione | HiFi Shows | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]