[ TNT | Redazione | HiFi Shows | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]

Lettere alla Redazione

Voi siete qui > Home > Lettere alla Redazione > Lettere della settimana

ATTENZIONE!!! Pregasi leggere prima le Istruzioni per l'uso
Per le domande più generali leggete prima la rubrica Adeste Fideles!
Potete anche unirvi al nostro gruppo di discussione sull'HiFi!!!

I volumi della posta precedente

  1. Cavi JPS Superconductor 2
  2. Un consiglio dopo un ringraziamento
  3. Infelice accoppiata ampli-casse
  4. Forse ho sbagliato???
  5. Upgrade?
  6. Karan Acoustic e diffusori Piega
  7. Primo passo
  8. Casse per valvolare
  9. Punto di partenza...
  10. Tavolini ed alimentatori

Cavi JPS Superconductor 2
Gentilissimo Direttore,
le scrivo la presente per comunicarle le mie impressioni sul cavo JPS Superconductor 2. Da qualche giorno lo ascolto nel mio impianto (VPI TNT 3, Braccio VPI memorial, Koetsu Rosewood, meccanica Meridian 500, convertitore Sonic Frontiers sfd-II, Convergent ultimate, Sonic Frontiers power two, diffusori New Audio Frontiers Signature, cavi segnale e potenza Toko e di alimentazione ART Millennium 5000) collegato tra il convertitore ed il pre.
Le volevo comunicare che condivido in pieno tutte le sue osservazioni su tali cavi. Nel mio impianto sono passati un gran numero di cavi, tutti di alto livello, ma il suono di questi JPS è incredibile.
Il basso è diventato subito molto più profondo, la scena già ottima si è ampliata in profondità, il suono è diventato ancora più naturale.
Con l'occasione le faccio i miei personali complimenti per la rivista che dirige e gli auguri di buon lavoro e di un felice anno nuovo.
Mario Michele Giarrusso - E-mail: mariogiarrusso@virgilio.it

LC
Carissimo Mario,
mi fa piacere che abbia apprezzato la qualità del
JPS SuperConductor 2 da me recensito - in anteprima europea - nell'ormai lontano 1998. Allora JPS si stava affacciando sul mercato mondiale e la distribuzione italiana era di là da venire. Rimasi molto colpito dal SuperConductor 2 e, sebbene il suo costo fosse e sia ancora molto elevato, la qualità della riproduzione da esso offerta è ai massimi livelli mondiali. In questo momento ho in prova la nuovissima serie SuperConductor FX, più economica e - finalmente - FLESSIBILE! Ho sia il cavo digitale (che entrerà nella batteria di cavi digitali sulla quale sto lavorando da mesi) che quello di segnale. Già ora posso preannunciare che la fama JPS è stata confermata in pieno anche da questo nuovo prodotto.
Auguri!
Lucio Cadeddu

Un consiglio dopo un ringraziamento
Caro direttore,
nella sezione posta del 23 dicembre '01 ho letto i ringraziamenti di un lettore per la recensione, e successivo acquisto, delle
Klipsch RF-3.
Ebbene volevo unire anche i miei di ringraziamenti per la sua recensione, ho ascoltato le RF 3 con diversi sintoamplificatori HT (Onkyo e similari, perchè vorrei usare le Klipsch anche come HT) e le impressioni ricevute in quanto a dettaglio, timbrica e spazialità sono eccezionali. Unico dubbio è la loro timbrica che sugli alti è, per il mio gusto, un po' troppo aperta (dopo un po' stanca) per cui le ho ascoltate con un ampli valvolare che le ha smorzate sugli alti ed ha reso il suono di gran lunga più corposo e rotondo.
La sensazione più bella che ho provato comunque è stata "ecco il suono che cercavo!".
Considerando che adoro ascoltare blues e jazz, senza poter esagerare col volume (causa vicini!!!) e considerato che una volta ascoltato l'accoppiamento RF3-Valvolare NON vi si può rinunciare, causa forti rimpianti, arriva la parte dedicata al consiglio (dopo i ringraziamenti).
Non vorrei spendere una cifra esagerata per un valvolare (da attaccare all'uscita pre del previsto Onkyo 797) vista la spesa complessiva per tutto l'impianto, quindi lei saprebbe indirizzarmi verso un valvolare del valore massimo di 2 milioni di lire (oooops : 1.032,91 euro !!! ) che soddisfi la mia voglia di buona musica? Inoltre cosa ne pensa del finale a valvole Unison S2 (troppo caro per me) accoppiato alle Klipsch?
Spero in una sua risposta e ....Buon Anno.
Marco Dell'Aria (audiofilo grazie anche a TNT) - E-mail: marcodellaria@inwind.it

LC
Caro Marco,
mi fa piacere che le Klipsch RF-3 ti abbiano conquistato...evidentemente il mio non è stato un abbaglio! Come dicevi tu, la gamma medio-alta è un po' aggressiva ma solo con gli amplificatori sbagliati..ad esempio proprio degli audio/video come quelli che intendi acquistare tu. Mettere un finale valvolare non risolverebbe granchè, visto che parte di quel suono esile, stridulo e metallico degli ampli HT economici è dovuta anche alla sezione preamplificatrice.
La soluzione potrebbe essere un buon ampli audio/video dalla timbrica corretta e dal suono non troppo tagliente. Potresti provare a sentire qualche modello top della Denon, della Marantz o della NAD. Oltretutto, con 2 milioni, di valvolare ci compri ben poco.
Ti assicuro che le Klipsch, a casa mia, hanno suonato ottimamente con diversi tipi di amplificatori a stato solido, non sta scritto da nessuna parte che debba abbinarci un ampli a valvole.
L'Unison da te citato è un ottimo ampli e, come tutte le cose ottime, non costa due lire.
Auguri!
Lucio Cadeddu

Infelice accoppiata ampli-casse
Gent.mo Direttore,
da circa un mese ho scoperto la sua rivista on-line e sono felicissimo di aver trovato un punto di riferimento validissimo per poter imparare ad ascoltare la musica. Non sono un audiofilo nel senso stretto del termine, ma amo ascoltare la musica nel miglior modo possibile, passione che è condivisa con la mia consorte.
Complimenti per il suo sito, realizzato davvero molto bene (sono un informatico ed è davvero difficile vedere siti realizzati con tale professionalità).
Vengo al dunque. Sono entrato in possesso da qualche mese del seguente impianto:

Ascolto la musica in una stanza di circa 17 mq di forma rettangolare. I diffusori sono disposti sul lato lungo della stanza. Non disdegno nessun genere musicale: classica, jazz, rock, pop, ...
Il problema è l'esuberanza delle alte frequenze che rendono l'ascolto molto faticoso, problema sicuramente dovuto (da quanto ho appreso dalle lettere fin qui lette) all'accoppiata non felice ampli-casse.
Purtroppo le casse sono state acquistate in un secondo momento senza aver avuto la possibilità di ascoltarle con l'HK (il rivenditore me le ha fatte ascoltare con un Proton, assicurandomi che il risultato sarebbe stato molto simile).
Non avendo avuto l'appoggio del rivenditore per la risoluzione di questo problema, mi sono rivolto ad un altro negoziante il quale mi ha proposto di sostituire l'ampli con un NAD C300. Anche in questo caso non ho la possibilità di ascoltare l'accoppiata! Secondo Lei sono nella direzione giusta? Se si, il piccolo NAD è in grado di pilotare le mie B&W? (per il momento non posso spendere cifre maggiori per ragioni familiari).
RingraziandoVi dell'attenzione dedicatami, vi rivolgo i miei più sinceri auguri di un Buon Natale e Felice 2002.
Ciao
Gianpaolo - E-mail: marcoferrig@tiscalinet.it

LC
Caro Gianpaolo,
i tre componenti in tuo possesso (specie le casse) certo non brillano per "calore", anzi, fanno del dettaglio e della vivacità in gamma medio-alta il loro punto di forza. Messi insieme, presumibilmente in un ambiente riflettente (come la maggior parte dei nostri ambienti domestici), forniscono un risultato alla lunga stancante. Prima di cambiare ampli però farei qualche tentativo con una diversa disposizione e/o con un tappeto pesante sul pavimento davanti alle casse.
Qualora le avessi già provate tutte e non ci fosse verso di cavarne fuori un suono accettabile...allora ben venga il NAD C300, ampli decisamente più morbido e caldo del tuo H/K. Grazie alle sue innate capacità di pilotaggio non avrà difficoltà alcuna a pilotare le tue B&W, specie considerando che l'ambiente non è grande (lo ricordo, 17 mq). La cosa migliore sarebbe riuscire a farselo prestare a casa, magari lasciando una certa somma quale cauzione.
Infine, grazie per i complimenti al sito, riceverli da un professionista del settore è per me motivo di grande soddisfazione.
Fammi sapere!
Lucio Cadeddu

Forse ho sbagliato???
Gentile direttore,
trovo per caso la sua rivista On line. Forse commetto un errore ad inviare direttamente a Lei questa mail, ma non ho trovato sul suo sito, neppure nella pagina "lettere alla Redazione" un Link apposito al quale indirizzare la presente. Spero non sia troppo disturbo oltre che contro le vostre abitudini. Se così fosse mi scuso fin d'ora.
Desidererei avere un consiglio sull'acquisto di un impianto Hi-Fi, premettendo che le mie conoscenze si limitano allo stretto necessario (forse meno).
Vorrei sostituire il mio attuale impianto stereo Technics. Vi descrivo le mie condizioni: ascolto solo musica classica, e musica corale (solo voci) il tutto su CD; ciò che cerco nell'ascolto è più "purezza", "spazialità" e "profondità" (spero siano termini che per Lei indichino qualcosa!!!); l'ambiente è una stanza da 25 mq arredata; ho un budget massimo di 2/2,5 milioni. Ce la posso fare? E cosa compro?
Mi hanno proposto questo:

Il tutto a 850.000, nuovo, garanzia ritirato da fallimento oppure Il tutto a 500.000, nuovo, garanzia ritirato da fallimento. Se non sono 2 bidoni, che casse posso affiancargli?
Oppure cosa mi consiglia?
Grato per l'aiuto Le auguro un Buon Anno 2002
Antonino Amato - E-mail: ioegi@libero.it

LC
Caro Antonino,
mi sembrano delle ottime offerte entrambe, in particolar modo la prima delle due, con la precisazione che l'ampli è solo parzialmente "valvolare". In realtà è un ibrido che usa valvole solo nella sezione pre e stato solido altrove.
Per fortuna il tuo budget ti consente di arrivare sino a 1000 - 1300 Euro, il che significa che ti avanzerebbero circa 500-700 Euro per le casse. Io opterei per qualche modello da pavimento, magari di provenienza nostrana, tipo le solite che consiglio su questa Rubrica: Aliante CNM Tower, Chario Syntar Tower, KEF Cresta e/o Concerto etc. Vedi cosa riesci a reperire in giro e sentiamoci di nuovo.
Lucio Cadeddu

Upgrade?
Egregio direttore,
in una sala (con libreria, divani e tappeto) di 6x4.5 ho collocato sul lato lungo il seguente impianto:

Tenendo conto che ascolto preferibilmente musica Jazz e che sono globalmente soddisfatto del suono prodotto dall'impianto, vorrei chiederle:
  1. Quale preamplificatore, di spesa non esorbitante, potrebbe ben coniugarsi con il finale Nad 2100?
  2. Ho comperato la testina Grado dietro consiglio di un amico esperto; eppure, al lato pratico, mi soddisfa meno della datata testina Shure. Il suono di quest'ultima è più aperto e più ricco. Concorda con la mia impressione?
  3. Il piatto Rotel, del quale sono pienamente soddisfatto, l'ho comprato di seconda mano ed è in buone condizioni. Non avendo nessuna informazione di carattere tecnico, è da collocarsi sullo stesso piano del resto dell'impianto?
La ringrazio per la cortesia ed il tempo dedicatomi.
Marco Biagini - E-mail: mar.bia@infinito.it

LC
Caro Marco,
il concetto di "spesa non esorbitante", concorderai con me, è estremamente relativo a quel che ognuno di noi ha nel proprio conto in banca: quel che potrebbe essere esorbitante per te potrebbe essere "economico" per qualche altro. Per questa ragione vi chiedo sempre di indicare il tetto massimo di spesa che potete affrontare.
Diciamo che, per restare in zona "budget" del tuo impianto, si potrebbe pensare ad un pre NAD C160 (circa 700 Euro) ad un REGA Cursa + scheda phono (circa 1300 Euro) o ad un Rotel RC1070 (circa 800 Euro). Si tratta di buoni apparecchi dotati (o dotabili) di scheda phono.
Francamente, però, opterei per vendere tutto (pre e finale NAD) ed acquistare un buon ampli integrato di alto livello.

Per quanto riguarda il confronto tra Shure M55e e Grado Silver, mi spiace ma non c'è davvero trippa per gatti. La Grado è migliore sotto tutti i punti di vista. Il fatto che tu preferisca la 55 può significare molte cose, tutte a sfavore del corretto equilibrio timbrico del tuo impianto e della precisa installazione delle testine stesse.
Capiamoci: la 55 è un'ottima ed onesta testina entry-level, ma la Grado Silver è ben altra cosa.
Il tuo piatto è un ottimo apparecchio ed è assolutamente adeguato alla classe del tuo impianto.
Infine, un suggerimento: dato che ti ritieni globalmente soddisfatto del tuo impianto, non cambiare nulla e compra dischi. Al più, se proprio ti pungesse vaghezza :-), cerca di migliorare i cavi o gli apparecchi in tuo possesso con facili interventi di tweaking come quelli che suggeriamo su queste pagine.
Spero di esserti stato utile,
Lucio Cadeddu

Karan Acoustic e diffusori Piega
Gent.mo Lucio,
ti scrivo da Torino, Italia. Sono un lettore di TNT, ed ho letto con interesse le prove degli amplificatori in oggetto: volendo migliorare il mio ormai ex impianto (l'ho già venduto ed era composto da Yamaha DSP A2 usato come pre, finale Rotel RB 985 MK II, lettore Pioneer 917 e diffusori Bose Acoustimass 5 con sub passivo) ti scrivo per chiederti delucidazioni e consigli: devo sonorizzare un salone a pianta irregolare di circa 45mq, normalmente arredato con mobili di design moderno e tappeti.
Cerco un buon amplificatore (questa volta solo audio: errare umanum........) da abbinare a dei diffusori che possibilmente non siano i soliti parallelepipedi tipo dolmen, ma che comunque possano darmi una buona resa in tutte le gamme udibili (mi sono piaciute a livello estetico le Piega da te recensite e le ho ascoltate, ma trovo - come sottolineato nel test - che manchi qualcosa a livello di impatto in gamma bassa).
Pensavo anche alle JBL TiK6 o TiK10, alle B&W 803, alle Martin Logan elettrostatiche di fascia bassa (!!!) tipo Aerius o similari, magari alle Piega P4 XL (di cui ho visto sul sito che ne è uscita una versione MKII) insomma ad un diffusore che possa armoniosamente inserirsi in un ambiente come il mio, caratterizzato da oggetti dal design estremamente moderno.
Hai qualche idea in proposito da suggerirmi, visto che non vorrei scendere a compromessi ne' sul piano sonoro, ne' su quello estetico? Come sorgente abbinerei un lettore Rega Planet. Conosci qualcuno in zona che possa farmi ascoltare il Karan?
Ho letto che è possibile acquistare l'amplificatore solo via internet, ma il pagamento come funziona? si può fare in contrassegno (uno dei pochi sistemi di cui mi fido)?
In caso di guasti, come si possono far riparare qui in Italia? So che molte di queste domande avrei potuto porle direttamente al costruttore, o al tester a cui tra l'altro ho scritto, ma visto che il mio inglese non è propriamente perfetto e che dubito fortemente che lui parli italiano ho preferito disturbarti: spero che vorrai scusarmi, ma prima di spendere 2000 euro x l'amplificatore e 2500 x le casse senza poter ascoltare l'accoppiata, vorrei togliermi qualche dubbio.
Chissà se è possibile avere una brochure o un manualetto via e mail? Ti ringrazio per l' attenzione che, spero, vorrai dedicarmi e, in attesa di riscontro, colgo l'occasione per salutarti.
Roberto Intrieri - E-mail: rintrier@tin.it

LC
Caro Roberto,
per l'ampli, visto che hai deciso per un Planet come sorgente, perchè non pensare ad un integrato esteticamente identico come un Rega Mira o una coppia pre + finale (Cursa + Maia) sempre della stessa casa? L'acquisto del Karan andrebbe fatto ad orecchie chiuse, visto che non è distribuito in Italia e per il pagamento temo tu debba fidarti di una carta di credito o di un bonifico internazionale anticipato. Per la riparazione, non essendo distribuito, potresti incontrare dei problemi.
Per le casse, le Piega più grosse (P4XL) potrebbero essere una soluzione ma ce ne sarebbero tante altre. Per restare in casa Rega, le Naos, con diverse finiture a scelta, oppure - in Italia - Opera SP2 o SP3 (un trionfo di massello in chiave moderna), Diapason Nux (idem) o Sonus Faber Concerto Gran Piano.
Fammi sapere!
Lucio Cadeddu

Primo passo
Gentile direttore,
sono un neofita incompetente, e Le ho scritto poco prima di Natale in merito all'acquisto di un amplificatore e di un paio di diffusori, elencando i prodotti che avevo trovato disponibili, e soprattutto al mercato dell'usato.
Lei mi disse che avrebbe dato risposta a quelle domande in data 5 o 6 di gennaio dell'anno nuovo, ma oggi le scrivo ancora perchè nel frattempo ho proceduto (incautamente?) all'acquisto e quindi per dirLe quindi che (se possibile) potrebbe cestinare il vecchio messaggio ed eventualmente dare risposta a queste nuove domande che per Lei sicuramente sono vecchie e noiose (grazie).

Dunque. Ho acquistato un amplificatore Arcam Alpha 2 a lire 380.000 e una coppia di diffusori B&W DM330i a lire 420.000 (allegata scheda se utile). Credo avere capito che sono oggetti piuttosto vecchi e infatti non ho trovato riferimenti precisi sfogliando la posta di TNT e la rubrica Adeste Fideles.
Relativamente i diffusori, le ragione della scelta sono state essenzialmente quelle maturate durante l'ascolto. Ho ascoltato questi diffusori a confronto con altri [nuovi] di pari prezzo e ho avuto proprio con questi le impressioni migliori. Credo perchè casse di grandi dimensioni a confronto, nel caso specifico, con casse [nuove] di piccole dimensioni - insomma, presenza, ambiente, profondità dei toni bassi.
In alternativa avrei forse preferito le Chario Hyper 1 MKII che però [nuove] avevano un prezzo superiore (680.000). Tuttavia, occorre tenere conto del fatto che ho ascoltato tutti questi diffusori con un amplificatore di alta fascia (credo Arcam), insomma quello predisposto nella sala d'ascolto del negozio.

Infatti, quando sono passato ad ascoltare anche i differenti amplificatori disponibili, il risultato è stato differente (evidentemente ma non troppo per una persona inesperta e incompetente come sono io). I due amplificatori scelti all'ascolto erano un NAD 3020i e questo Arcam Alpha 2 (entrambi usati a identico prezzo). Ho scelto Arcam perchè ho avuto l'impressione che migliore fosse il risultato, siccome il NAD determinava bassi troppo enfatizzati anche fino al rimbombo e maggiore perdita di trasparenza (brillantezza).
Dopo avere installato questi elementi a casa, queste impressioni un poco negative sono state confermate. Ancora i bassi sono ancora per me abbastanza gradevoli, ma (qualche volta) troppo profondi e accentuati. Inoltre la trasparenza sembra limitata (il suono pare chiuso) e mi piacerebbe avere qualche cosa di più in brillantezza (insomma toni alti apertura). Ho avuto l'impressione che l'amplificatore non sia forse adeguato a pilotare questo tipo di diffusori [e probabilmente di tratta di un'altra verità piuttosto banale].

Spero sia possibile perdonare l'incertezza e l'incompetenza delle mie considerazioni: provo a imparare qualche cosa ma ci vuole tempo e le scrivo perchè vorrei cominciare sulla strada buona. Ho anche provato a scrivere nello spazio del forum, ma le reazioni non sono state sempre positive, e proprio in ragione della mia inesperienza.

Il commerciante mi ha dato un mese di tempo per ascoltare questi oggetti e per potere decidere se eventualmente cambiare con altro usato oppure anche con il nuovo. Insomma, seppure ho fatto qualche bischerata (e non me ne stupirei), forse posso rimediare. Dunque le scrivo per sapere se ho commesso alcuni errori e come dovrei correggere. Sono anche pronto a spendere qualche cosa di più se necessario, forse perchè con qualche cosa di più potrei avere risultati molto migliori (con prodotti che neppure conosco).

Se utile, posso descrivere rapidamente anche la situazione della mia sala di ascolto. Si tratta di un monolocale a pianta irregolare dove la posizione dei diffusori non può essere proprio quella adeguata (i diffusori sono quasi appoggiati a una parte e a un armadio) a meno di posizionarli proprio nel mezzo alla stanza (come sarebbe possibile peraltro in modo temporaneo, magari utilizzando piedini spostamobili come lei consiglia nella rubrica del tweaking). La sorgente è un lettore compact disc sony CDP 670. La musica è varia : elettronica con la presenza importante dei bassi (Orb - Kruder & Dorfmeister - Autechre ), jazz etnico-contemporaneo ( Micus - Brahem - Surman ) con la massima precisione del suono (comunque sempre gradita, naturalmente), classica (Bach), etc.
Se ho capito bene non è possibile acquistare con un investimento limitato un sistema adeguato ad ascoltare generi musicali tanto differenti e però sempre con buoni risultati.
Di fronte alla necessità di scegliere vorrei privilegiare brillantezza, trasparenza e precisione del suono, seppure possibilmente mantenendo un suono caldo.

Il commerciante mi avrebbe anche consigliato di appoggiare questi diffusori sopra un piccola lastra di pietra serena. Le chiedo consiglio anche a tale proposito, così come pure in merito a cavi necessari per il collegamento dei diffusori (finora rosso e nero in attesa di definire meglio la situazione).
Un'altra questione a tale proposito in merito al fatto che questi cavi di collegamento per i diffusori dovrebbero avere lunghezza più o meno pari a dieci metri: è un problema? Ma soprattutto vorrei sapere (capire) se la scelta e la combinazione di questi due elementi sia ragionevole, oppure se invece dovrei rimediare adesso che sono ancora in tempo.
Forse non ho spiegato bene i miei dubbi e probabilmente non riuscirò a fare subito chiarezza definitiva nonostante i suoi preziosi consigli, e soprattutto perchè mi rendo conto che ancora non ho conoscenze sufficienti. Ma spero che progressivamente sarà possibile stabilire alcuni riferimenti.

Grazie ancora. Anche e soprattutto grazie al vostro aiuto, e un piccolo passo dopo l'altro, forse posso dipanare un groviglio apparentemente inestricabile di scaltrezza, onestà, esoterismo, competenza, ostilità, e riuscire a guadagnare conoscenze modeste ma utili in materia di alta fedeltà (forse anche il significato di questa espressione), magari con l'ambizione di svilupparle progressivamente nel tempo.
Sinceramente grazie,
Enrico Benvenuti - E-mail: enricobenvenuti@libero.it

LC
Caro Enrico,
prima cosa, dopo tanti dubbi, partiamo da una certezza: qualunque cassa, posizionata a ridosso della parete e di un armadio, come nel tuo caso, avrà i bassi eccessivi e rimbombanti. Non c'è ampli o cavo che possa porre rimedio a tale situazione. Quindi, o pensi di sistemarle meglio, o ti rassegni all'esuberanza dei bassi.
Seconda cosa: tra i due ampli (il 3020 ed l'Alpha 2) io avrei preso il 3020 se non fosse per il prezzo, invero eccessivo e fuori mercato.
Anche l'Alpha 2 è troppo caro, pur essendo un ottimo ampli, ha tanti anni di servizio alle spalle, troppi per valere 200 euro.
Comunque sia, se questo è ciò che passa il convento e visto che il negoziante sembra disponibile e flessibile nel farti fare delle prove, si può anche chiudere un occhio sui prezzi.
Per le casse il prezzo sembra un po' più onesto (ma senza svenarsi) e sono da considerare un buon acquisto. Mettere delle punte sotto di esse può aiutare ad asciugare un po' di invadenza della gamma bassa, ma non aspettarti miracoli. Per i cavi, 10 metri sono tanti...ma basta scegliere qualcosa di buona sezione (2.5 mmq o superiore) per non correre rischi.
Infine, visto che tutto sommato la domanda che poni è "li tengo o no?", tento una risposta: il prezzo non è esaltante, ma gli apparecchi sono di buona qualità. Io li terrei, provando a rendere loro giustizia con un posizionamento meno castrante, con la consapevolezza che - comunque scelga - le casse attaccate alla parete suoneranno MALE.
Essendo piuttosto basse, devi anche pensare a sollevarle adeguatamente da terra, in modo tale che il tweeter sia posto ad altezza del tuo orecchio da seduto in posizione d'ascolto. Puoi usare un supoorto basso, dei mattoni...insomma vedi un po' tu, ma non tenerle così basse e così attaccate al muro!
Auguri e tienici aggiornati!
Lucio Cadeddu

Casse per valvolare
Spett.le TNT AUDIO,
mi chiamo Stefano e vi scrivo da Pesaro, non so se forniate consulenze via e-mail (presto lo saprò), vi scrivo perchè tempo fa ho avuto una grossa occasione ed ho così deciso di comprare un amplificatore NIMIS by Synthesis che attualmente ho accoppiato ai diffusori già in mio possesso (CELESTION DL4), avendo ora un budget di circa L. 1.500.000, vorrei un consiglio sull'acquisto di un diffusore eventualmente più appropriato, nuovo o usato che sia; se vi interessasse ascolto soprattutto musica blues, cantautorale, rock (americano) e qualcosa di jazz.
Vi chiedo anche se potete consigliarmi qualche negozio nella mia zona.
CORDIALI SALUTI
Stefano Di Napoli - E-mail: sdn69@libero.it

LC
Caro Stefano,
il
Nimis è stato recensito qui su TNT-Audio qualche anno fa, si tratta di un amplificatore piuttosto insolito ed interessante, necessita però di diffusori facili da pilotare ed abbastanza sensibili, specie per i generi musicali più movimentati (che poi sono quelli che ascolti tu).
Ebbene, con 750 Euro si possono trovare dei buoni diffusori da pavimento come i Klipsch SF-2 con ben 96 dB di sensibilità. In alternativa le Triangle Zerius 202 (che costano appena di più) o le più economiche Comete 202. Ancora, restando in casa Celestion, le nuove E 4.
Mi raccomando: prima di acquistare portati appresso il tuo Nimis e CHIEDI di poterci ascoltare le casse.
Fammi sapere!
Lucio Cadeddu

Punto di partenza...
Caro direttore....
Per la gioia di mia moglie, vorrei incominciare ad "ascoltare" la musica. Premetto che di soldi non ne girano molti dalle mie parti, quindi mi sono orientato sull'usato.
Ho comprato decine di riviste d'annunci e ora penso di aver trovato qualcosa che possa andare bene. In principio ero orientato a prendere un Arcam alpha 6r + cdp sony 791 (600k) ma poi è uscito un Denon PMA 360 (450k) e dallo stesso proprietario potrei prendere un lettore Technics sl pl 770a (150k).
Per i diffusori ho visto delle Contest 14 (450k), B&W dm 23 (400k), Allison Al115r (350k), AR M1 (200k). Avevo pensato di autocostruirli, ma + m'informo sulla questione, + mi rendo conto che, per ora, non ho le conoscienze adatte.
Premetto che ho un salone di 30Mq fatto a "L", che mi piace il rock, jazz, eletronica non disdegnando la classica.
In pratica mi piacerebbe sapere se i prezzi sono giusti ed eventualmente quali sono i pezzi "migliori" o comunque quelli che meglio s'abbinano fra loro.
Lo so che forse sono noioso ma purtroppo questi componenti si trovano sparsi x l'Italia e mai potrei ascoltarli insieme se non dopo averli presi.
Grazie e complimenti per il sito...da una settimana mi collego solo per lui :-)
Genesio Di Sabatino - E-mail: genesiodisabatino@libero.it

LC
Caro Genesio,
la combinazione Arcam + Sony è senz'altro da preferire a quella Denon + Technics. I prezzi proposti per entrambe le combinazioni sono onesti. Per le casse, io andrei per le AR Contest 14 o per le AR M1. L'ambiente da sonorizzare è grande e con questi diffusori non è che si possano fare miracoli...ma tant'è, il budget è quel che è.
Fammi sapere!
Lucio Cadeddu

Tavolini ed alimentatori
Gentile Dott. Lucio Cadeddu,
Mi chiamo Roberto Parodi scrivo da Celle Ligure (SV), e sono uno dei tanti estimatori della tua ottima rivista on-line. Sono un appassionato di Musica e di hifi da lunga data (sono del 1957) e, nella mia carriera di audiofilo ho sostituito parecchi componenti nel tentativo di migliorare la qualità sonora dell'impianto.
Il mio attuale impianto è così composto:

L'impianto è collocato in una stanza di 4,5 X 3,5 mt. che ho cercato di rendere il più possibile accettabile dal punto di vista acustico (tappeti, tube traps,ecc.).
La mia intenzione sarebbe quella di sostituire il tavolino Target (non ritenendolo più adeguato alla qualità del resto dell'impianto) con delle mensole a parete per le sorgenti (avendo il mio appartamento dei muri solidissimi di pietra e di spessore variabile dai 45 ai 60 cm.!) e di sistemare l'amplificatore su di un tavolino portafinale tipo Solidsteel.
Chiedo gentilmente il tuo parere in merito e nel caso si trovano in commercio delle mensole per questo utilizzo?
Nel caso di autocostruzione delle stesse che materiali conviene usare? Estremamente pesanti e rigidi o leggeri?
Il problema, a mio parere, è rappresentato dall'eccessivo sbalzo che devono avere (tenendo conto che posteriormente ai componenti devono passare i cavi) e di conseguenza l'ancoraggio al muro deve essere abbastanza profondo per non avere problemi di flessioni.

Un altro quesito, che già che ci sono ti pongo è questo: è possibile upgradare l'alimentazione (tipo caricabatteria dei telefonini) di serie del motore del Perpective? Se si mi puoi indicare un alimentatore "serio" che faccia al caso mio?
Ringrazio anticipatamente nella speranza che i miei quesiti siano di interesse generale e porgo cordialissimi saluti e auguri per il nuovo anno!!!!
Roberto Parodi - E-mail: parodir@tiscali.it

LC
Caro Roberto,
l'unico componente che ti consiglio di collocare "a muro" è il giradischi. Esistono molte mensole pensate per questo scopo, nei cataloghi dei più noti produttori di tavolini (Archidee, GM, Target Audio).
Circa l'alimentazione del tuo Perspective, potresti "aprire" lo scatolotto, evincere le caratteristiche elettriche dei componenti utilizzati e costruirti un superalimentatore identico ma con componenti migliori: trafo toroidale più potente, condensatori e resistenze di più elevata qualità, cabinet smorzato etc. Non mi è noto un alimentatore "dedicato" che sia stato pensato per il tuo Perspective.
Piuttosto, se proprio volessi upgradare il giradischi, io penserei ad una testina migliore, come una Grado Signature Wood o una Clearaudio Aurum Beta S mkII. La tua Chorus Black è buona, ma trattasi pur sempre di una Goldring 1042 leggermente modificata.
Ciao!!
Lucio Cadeddu

ATTENZIONE!!! Pregasi leggere prima le Istruzioni per l'uso
Per le domande più generali leggete prima la rubrica Adeste Fideles!
Potete anche unirvi al nostro gruppo di discussione sull'HiFi!!!

I volumi della posta precedente

Vol.01 | Vol.02 | Vol.03 | Vol.04 | Vol.05 | Vol.06 | Vol.07 | Vol.08 | Vol.09 | Vol.10 | Vol.11 | Vol.12 | Vol.13 | Vol.14 | Vol.15 | Vol.16 | Vol.17 | Vol.18 | Vol.19 | Vol.20 | Vol.21 | Vol.22 | Vol.23 | Vol.24 | Vol.25 | Vol.26 | Vol.27 | Vol.28 | Vol.29 | Vol.30 | Vol.31 | Vol.32 | Vol.33 | Vol.34 | Vol.35 | Vol.36 | Vol.37 | Vol.38 | Vol.39 | Vol.40 | Vol.41 | Vol.42 | Vol.43 | Vol.44 | Vol.45 | Vol.46 | Vol.47 | Vol.48 | Vol.49 | Vol.50 | Vol.51 | Vol.52 | Vol.53 | Vol.54 | Vol.55 | Vol.56 | Vol.57 | Vol.58 | Vol.59 | Vol.60 | Vol.61 | Vol.62 | Vol.63 | Vol.64 | Vol.65 | Vol.66 | Vol.67 | Vol.68 | Vol.69 | Vol.70 | Vol.71 | Vol.72 | Vol.73 | Vol.74 | Vol.75 | Vol.76 | Vol.77 | Vol.78 | Vol.79 | Vol.80 | Vol.81 | Vol.82 | Vol.83 | Vol.84 | Vol.85 | Vol.86 | Vol.87 | Vol.88 | Vol.89 | Vol.90 | Vol.91 | Vol.92 | Vol.93 | Vol.94 | Vol.95 | Vol.96 | Vol.97 | Vol.98 | Vol.99 | Vol.100 | Vol.101 | Vol.102 | Vol.103 | Vol.104 | Vol.105 | Vol.106 | Vol.107 | Vol.108 | Vol.109 | Vol.110 | Vol.111 | Vol.112 | Vol.113 | Vol.114 | Vol.115 | Vol.116 | Vol.117 | Vol.118 | Vol.119 | Vol.120 | Vol.121 | Vol.122 | Vol.123 | Vol.124 | Vol.125 | Vol.126 | Vol.127 | Vol.128 | Vol.129 | Vol.130 | Vol.131 | Vol.132 | Vol.133 | Vol.134 | Vol.135 | Vol.136 | Vol.137 | Vol.138 | Vol.139 | Vol.140 | Vol.141 | Vol.142 | Vol.143 | Vol.144 | Vol.145 | Vol.146 | Vol.147 | Vol.148 | Vol.149 | Vol.150 | Vol.151 | Vol.152 | Vol.153 | Vol.154 | Vol.155 | Vol.156 | Vol.157 | Vol.158 | Vol.159 | Vol.160 | Vol.161 | Vol.162 | Vol.163 | Vol.164 | Vol.165 | Vol.166 | Vol.167 | Vol.168 | Vol.169 | Vol.170 | Vol.171 | Vol.172 | Vol.173 | Vol.174 | Vol.175 | Vol.176 | Vol.177 | Vol.178 | Vol.179 | Vol.180 | Vol.181 | Vol.182 | Vol.183 | Vol.184 | Vol.185 | Vol.186 | Vol.187 | Vol.188 | Vol.189 | Vol.190 | Vol.191 | Vol.192 | Vol.193 | Vol.194 | Vol.195 | Vol.196 | Vol.197

© Copyright 2002 Lucio Cadeddu - http://www.tnt-audio.com

[ TNT | Redazione | HiFi Shows | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]