[ TNT | Redazione | HiFi Shows | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]

Lettere alla Redazione

Voi siete qui > Home > Rubrica della Posta > Lettere della settimana

ATTENZIONE!!! Pregasi leggere prima le Istruzioni per l'uso
Per le domande più generali leggete prima la rubrica Adeste Fideles!
Potete anche unirvi al nostro gruppo di discussione sull'HiFi!!!

I volumi della posta precedente

  1. Dazed and confused
  2. Ringraziamenti o...
  3. Matematica e Concertino
  4. Feedback positivo
  5. Il sogno è diventato realtà
  6. Primo, tanto atteso, impianto
  7. Upgrade per due impianti hi-end
  8. Molta confusione sul primo impianto
  9. Mi deciderò?
  10. Suono presente e suono assente

Dazed and confused
Tralascio, per motivi di spazio, complimenti sulla tua/nostra rivista.
Due soli concetti veloci:

  1. Grazie soprattutto delle certezze che dai. E' entusiasmante pensare che ogni lunedì c'è un aggiornamento, segno evidente che non solo ci credi in quello che fai, ma ti piace pure;
  2. Ho intenzione di investire 5.000 euro in un paio di diffusori e vorrei decidere assieme a te: quale miglior complimento? (e responsabilità?).
Scherzi a parte, siamo di fronte ad una cifra risparmiata in un intero anno di extra-lavoro, quindi da trattare con i guanti!! Dunque i componenti a disposizione sono un Oracle MK III, Rega Rb 300 e Koestu Black, pre-phono Audio Research, cdp Lector 0, 5, ampli Pathos TT e McIntosh 6900, cavi TNT, of course.
Ascolto di tutto, ma in prevalenza jazz e rock, quasi sempre in vinile, amo il suono caldo con un bel basso rotondo, piatti veri, brillanti, tanta dinamica; non sono un grande amante del super dettaglio, ma mi piace la trasparenza. Di spazio a disposizione ne ho parecchio.
Ho una idea assai precisa del suono che mi piace ed ad onor del vero non l'ho ancora trovato. Ritengo che i diffusori siano la vera anima dell'impianto tanto che arrivati ad un certo punto non credo che le elettroniche possano dare significativi incrementi, se non a fronte di investimenti da mutuo (meglio comprare dischi, come dici tu).
In questo anno ho ascoltato di tutto ed ho ristretto il campo a 4 precise scelte: Klipsch LA SCALA, le Chario Ursa Major, le JBL TI10 ed infine le ESS AMT 330. Per inciso ho lungamente ascoltato anche le Wilson Puppy (che nome!), ma sono fuori budget anche da usate.
Il problema, come ben noti, è che ci troviamo di fronte a sistemi diversi, concetti di hi-fi differenti, ognuno dei quali però con i propri significativi vantaggi, le proprie ben definite peculiarità.
Mi piace l'enorme dinamica della Klipsch, ma trasparenza pochina, il basso delle JBL, ma gli alti sono un poco trapananti, incredibili la chitarra e le voci delle Chario, ma sui pieni diventano un poco confusionarie, gli estremi inferiore e superiore delle ESS, ma anche qui nei pieni si perdono un poco.
A proposito: è per questo che i rivenditori ti fanno ascoltare sempre solo voci e pochi strumenti? Dovrei avere la summa di questi diffusori. Ci sono dischi che vengono letteralmente esaltati, sembrano mai ascoltati, su alcuni di questi diffusori, e rimangono nella norma, una norma comunque buona, in altri.
Mi dirigo su di un solo genere musicale? oppure mi tengo le mie Martin Logan Sequel, dagli alti entusiasmanti, ma dal basso debolino ed investo tutto in altro (donne e motori)?
Le casse, se buone, non dovrebbero andare bene per tutti i generi musicali? Le ho ascoltate a lungo credimi; ogni rivenditore, di fronte alla possibilità di incassare una discreta sommetta mi ha fatto fare qualsiasi prova (tranne portarle a casa per evidenti problemi di peso), ma di fatto non ho trovato un suono esaltante su tutti, quello che ti fa saltare sulla sedia e non ti fa rimpiangere i soldi spesi.
E' un problema di rodaggio del mio orecchio? Chiedo l'impossibile da un semplice impianto hi-fi? Guarda che lo so bene che la vera batteria, come dal vivo la ascolti solo dal vivo! Devo aumentare il budget? Beh allora ci sentiamo l'anno prossimo!

Ancora una domanda. Si parla tanto, nella dislocazione dei diffusori, di lontananza dalle pareti posteriori e laterali, ma quanto deve essere distante chi ascolta? Ho notato che avvicinarsi o allontanarsi dalle casse talvolta cambia sensibilmente l'ascolto. Esiste una regola fissa o anche qui si va ad orecchio?
Ciao e grazie
Roberto Gentili - E-mail: Roberto-gentili@omnia-data.it

LC
Caro Roberto,
d'impulso mi verrebbe da risponderti: motori! Investi in motori (le donne, se buone, non hanno bisogno di investimenti) :-)
Comunque, mi pare che la selezione di diffusori che hai datto sia caratterizzata da personalità troppo spiccate, in un senso o nell'altro. Mancano, secondo me, un paio di scelte che dovresti valutare attentamente: Thiel CS 1.6 o le vecchie 1.5 o anche le 2.3, usate, ProAC Response 2.5, Tannoy Stirling ed uno dei modelli nuovi ibridi di Martin Logan. Non so se abbia ascoltato tutti questi diffusori e li abbia già scartati, io li avrei presi seriamente in considerazione. E' vero che non si può avere TUTTO neppure per 5000 Euro, ma si può avere MOLTO. Qualche compromesso, in un caso o nell'altro, bisogna pur saperlo accettare. Il problema principale non è il tuo orecchio o altro, è il fatto che sei abituato GIA' ad un suono abbastanza raffinato, difficile fare i salti sulla sedia da un certo budget in su, la curva delle differenze si appiattisce anche se, proporzionalmente, dovrebbe impennarsi quella del "valore percepito della differenza".
Mi spiego meglio: se è vero che le differenze, da una certa cifra in su, si appiattiscono, è anche vero che il consumatore si mostra più disponibile a pagare CARE anche piccole sfumature.
In conclusione, ti consiglio di: ascoltare alcuni dei modelli che ti ho consigliato e, prima ancora, sostituire i cavi by TNT con qualcosa di più adeguato all'impianto. Con l'autocostruzione, l'ho detto tante volte, si arriva fino ad un certo punto, non oltre.
Spero di esserti stato utile e tienimi al corrente,
Lucio Cadeddu

Ringraziamenti o...
Direttore buon giorno,
sono un Vs. lettore ed ho seguito alcuni Vs. consigli di cui Vi ringrazio vivamente il mio impianto (ampli nad 304 / casse opera I / cd maranz 63 kis) ha fatto un triplo salto mortale in avanti in qualità, purtroppo mi sono scoperto un "insoddisfatto cronico" (sarà l'età 38 anni o la singletudine) alla continua ricerca di un miglioramento, eccoci arrivati al mio problema: mi sono recato in un negozio hifi e molto gentilmente mi hanno fatto ascoltare l'ampli Audio Analogue Puccini se + Sonus Faber Concerto come da me richiesto, contrariamente al previsto non mi hanno fatto innamorare non mi hanno fatto rimpiangere il mio impianto, tutt'altro.

  1. Vi devo ringraziare per aver fatto fare il triplo salto mortale al mio impianto o al contrario .......se per migliorarlo mi devo recare in un negozio con una cariolata di soldi.
  2. partendo dal presupposto che lo vorrei migliorare (la cariolata è sudatissima e va lungamente ponderata) partirei dall'ampli.
L'ambiente d'ascolto è piuttosto piccolo e come genere musicale ascolto un po' di tutto privilegiando il jazz (70%). Non ho bisogno di grandi potenze amo leggere ed ascoltare musica contemporaneamente quindi a bassi volumi, sarei orientato verso un integrato a valvole per una spesa attorno ai 1500 euro (me l'hanno sconsigliato).
Non Vi chiedo di indicarmi marche modelli ecc. semplicemente se la direzione verso cui mi sto muovendo è quella giusta in relazione al mio budget, al mio impianto base o diversamente ....
Gz1000 per l'attenzione prestata et cordiali saluti
Emilio - E-mail: estocchi@merzario.it

LC
Caro Emilio,
l'impianto che hai ascoltato non è un "altro mondo" rispetto al tuo attuale, quindi è normale che non abbia lasciato la dentiera sul pavimento del negozio :-)
Diciamo che tutto dipende da quel che cerchi. 1500 Euro per l'ampli sono una cifra assolutamente rispettabile, che dovrebbe farti fare un discreto salto di qualità, sia in termini di pulizia generale che di raffinatezza. La scelta delle valvole deve essere ben ponderata e supportata da prove CONCRETE sul campo.
Per quella cifra io starei ancora sullo stato solido. Tuttavia, prima di sostituire l'ampli, io cambierei le casse. Se ti piace il suono Opera, perchè non vai a sentire le Callas (anche la vecchia serie)? Potrebbero darti quel qualcosa in più che cerchi. Poi potresti migliorare l'ampli in un secondo momento.
Spero di esserti stato utile,
Lucio Cadeddu

Matematica e Concertino
Caro Lucio,
è la prima volta che scrivo e sento il bisogno di presentarmi: mi chiamo Giacomo, ho 21 anni, da poco vi ho scoperto e da allora ho schiuso gli occhi sul mondo dell'audiofilia.
Avendo sempre privilegiato l'aspetto umanistico della cultura è verosimile che Io sia mediamente ignorante per ciò che riguarda diagrammi, frequenze e in genere scienze matematiche e fisiche.
E' così individuata la sorgente del fiume di ignoranza che porta al mare dei miei dubbi. Ma forse esagero. Il problema è in realtà tra i più classici e frequenti che ti vengono giornalmente posti: devo abbinare un paio di diffusori ad un amplificatore NAD C 350 e ad un lettore cd Technics sl-pg 5. Il grosso cruccio è nella stanza nella quale l'impianto è chiamato ad operare. E' lunga 3, 60 m. Agli estremi vi sono la porta e la finestra. Dinanzi a questa è posto l'impianto che va a trovarsi ad una distanza dalle porta di 2, 90 m. E' larga 2, 80 m. Ha da un lato la scrivania e dall'altro l'armadio e il letto. E' alta 3, 10 m. A terra c'è il parquet. La distanza massima ottenibile tra le casse è di 1, 50 m.
Ascolto musica di vario genere ma in particolare opera, classica, jazz, reggae, ska. Io avevo in mente di acquistare le Concertino della Sonus Faber proprio per aver letto delle loro ottime doti e del loro ancor migliore rapporto qualità prezzo. A tal riguardo non potrei spendere oltre i 500/600 Euro.
Mi rimetto allora alla tua esperienza e mi scuso con tutti se ho sottratto spazio e tempo alla valutazione di problemi più complessi e più interessanti.
Giacomo Tropea - E-Mail: giacomotropea@yahoo.it

LC
Caro Giacomo,
non è necessario avere una forte cultura scientifica per poter scegliere il suono della cassa che ci piace di più, basta ascoltare. Semmai il problema è un altro: ovvero l'annosa ed errata distinzione tra cultura classica e cultura scientifica, nata a causa della ben più ostica fruibilità della seconda rispetto alla prima. Così, mentre tutti possono leggere un romanzo o un saggio, pochi sono in grado di leggere un testo scientifico. Lo ritengo un errore culturale enorme (in parte da imputare al sistema scolastico inferiore), visto che non dovrebbe essere sbagliato saperne di più del mondo in cui viviamo, mondo che, giova ricordarlo, è governato da leggi fisiche e matematiche.
Così si assiste al tristissimo spettacolo di persone - anche di buona cultura "generale" - che si vantano del fatto di non aver capito mai nulla di matematica o fisica, come se questo possa essere considerato punto d'orgoglio e non, invece, un grave e spesso insuperabile limite intellettuale. Ho divagato abbastanza, torniamo ai tuoi diffusori :-)
Non vedo alcun problema all'abbinamento dei Concertino al tuo NAD 350, anzi. Piuttosto vedrei fuori luogo l'economico lettore CD, ma questo, prima o poi, potrebbe essere argomento di futuro upgrade (magari ancora con un NAD).
La stanza è sì piccola, ma non inadatta ad ospitare quei diffusori, con l'intesa che essi dovranno andare su stands (supporti) adeguati, magari proprio quelli Sonus Faber per le Concertino.
Tienimi aggiornato!
Lucio Cadeddu

Feedback positivo
Caro Lucio,
ti scrivo per fornirti una mia esperienza che mi ha lasciato sul momento incredulo ma che poi è stata un'ulteriore dimostrazione che c'è sempre da scoprire e soprattutto da imparare. Possedevo (e posseggo tuttora) un impianto del quale pensavo di essere pienamente soddisfatto:

Poi un giorno lessi sul tuo sito del North Star Model 192 DAC, ho trovato un gentile rivenditore che, dietro rilascio di caparra, mi ha fatto portare a casa per una prova un apparecchio demo Northstar DAC 24/192 e ...... ho scoperto una nuova frontiera.
Risultato da godere come mai. Rispetto a prima maggiore brillantezza, naturalezza, panorama, dettaglio e ariosità. Inutile dire che l'ho comprato e adesso posso dire di essere soddisfatto ma se ho imparato la lezione posso dire che magari un giorno ci sarà un altro traguardo da superare anche se magari non dai risultati così marcati (o forse si).
Questa mia lettera magari non servirà a nulla ma mi sentivo in dovere di comunicare la mia, seppur piccola, esperienza a chi fornisce quotidianamente le sue a chiunque ne faccia richiesta.
Con stima
Aldo Caruso - E-mail: aldo.crs@tiscali.it

LC
Caro Aldo,
al meglio non c'è mai fine ma sono contento che la mia prova del DAC della NorthStar ti abbia portato ad un acquisto soddisfacente. L'importante è, di tanto in tanto, fermarsi per godere dei traguardi raggiunti, rilassarsi e godersi la Musica. Tutto questo è un gioco (costoso) che ha come fine la massima soddisfazione possibile che la nostra Musica preferita ci può dare.
Buon ascolto!
Lucio Cadeddu

Il sogno è diventato realtà
Gentile Direttore,
ti avevo già scritto la scorsa settimana. Ti confermo che finalmente ho acquistato l'impianto di qui ti parlavo. E' così composto: diffusori Kef Q7, ampli Nad C350, CDP Nad 521i, cavi di segnale Monster Cable Interlink 250, cavi di potenza da 6 euro/m. senza ossigeno (ho detto una c*****a?-cmq sono di color argento).

Bene, ho cominciato ad ascoltare i diffusori e.... molti "miti", almeno personalmente, mi si sono sfatati. Premesso che ovviamente i gusti personali sono indiscutibili, ma come si dice il "troppo stroppia", sia in eccesso che in difetto, nel senso che, a mio avviso, nella riproduzione audio, che comunque dovrebbe essere "riproduzione" più o meno fedele di quello che è stato registrato, dovrebbero esserci tutti i parametri che concorrono a formare integralmente ciò che c'era all'origine.

Non so se sono + o - riuscito a spiegare il concetto (non potrei mai fare lo scrittore come professione...!). Ho avuto modo di ascoltare diverse incisioni nel formato audio CD tra le quali incisioni in HDCD, rimasterizzazioni dell'originale (Pink Floyd), incisioni normali, con una svariata serie di diffusori che interessavano il mio budget (JM Lab, Klipsch, Monitor Audio, B&W, Suprem, Tannoy, AR, Kef, Chario), mi sembra di non averne dimenticata nessuna.
Premesso che l'ambiente era comune a tutte, un mio mito personale è crollato! Tra tutte sono emerse le Kef Q7, che mi sono sembrate da subito molto ariose, voci molto belle alti presenti non invadenti così come le basse frequenze capaci di scendere senza impastamenti e anche velocemente senza rimbombi strani (non potrei mai fare il tester di professione..!:-)).
Le B&W mi hanno lasciato letteralmente a bocca aperta: suono asciutto, troppo asciutto troppo neutro ne' bassi ne' alti, sembrava un altoparlante di una radio vecchio stile per capirci! Le Monitor Audio: chiuse nelle voci e nelle medie frequenze e bassi troppo secchi innaturali. Quelle più convincenti di tutti, cmq, sono state, nell'ordine almeno per me, le JM Lab, AR e Suprem. Quello che infine mi ha fatto decidere per le Kef, sono stati ulteriori piccoli particolari. Insomma è stato amore a primo ascolto!

Per farla breve voglio dire che alla fine, stesso ambiente stesso software, stesse orecchie, ma risultato troppo diverso tra le une e le altre. Non dovrebbe essere così e ok non dico che i diffusori debbano suonare tutti allo stesso modo, ma per certe case costruttrici mi sembra che l'approccio con con la riproduzione di quello che c'era all'origine sia un po' troppo "personale". Mah, sarà questione di gusti.

Volevo infine ringraziarti per l'ausilio tuo e di tutte le persone del forum, che grazie alle informazioni e consigli davvero spassionati mi hanno aiutato a scegliere senza basarmi sulla pubblicità per certi versi ingannevole (le B&W, le Monitor Audio... dovrebbe essere le migliori secondo loro!!)
Un grosso saluto,
Maurizio - E-mail: reader_sdigest@yahoo.it

LC
Caro Maurizio,
pensa che ci sono tantissime persone per le quali B&W è il non_plus_ultra. Come vedi, non tutti cerchiamo le stesse cose, non tutti siamo soddisfatti dagli stessi prodotti. Per fortuna! Non vorrei mai che si arrivasse ad una sorta di "comunismo" dell'audio: un diffusore che va bene per tutti e che...vivano felici e contenti. L'approccio alla corretta riproduzione audio è faccenda complessa, che tu liquidi ingenuamente in poche righe. Posto che ogni diffusore, specie nella fascia di prezzo da te individuata, è un GROSSO compromesso, sta alla sensibilità del progettista ed alle indicazioni della casa stabilire in quali parametri si può "lesinare" un po' ed in quali altri non si può transigere.
Arrivo a dire che ogni diffusore (anzi, ogni apparecchio HiFi) ha un target ben preciso: chi ama il suono più aperto ed analitico, chi lo vuole "caldo" e morbido e così via. Tutti, più meno, cercano il loro ideale sonoro. Per moltissimi è davvero solo una questione di gusti personali, non avendo mai sentito come dovrebbero suonare certi strumenti "dal vero". Così, si inventano una sorta di "suono ideale" che con la realtà non ha niente a che vedere. Va benissimo anche così, se il fine ultimo è quello di potersi godere la propria Musica nel modo più sereno e divertente.
Buon ascolto (e complimenti per la scelta, avrei fatto lo stesso)
Lucio Cadeddu

Primo, tanto atteso, impianto
Egregio direttore,
mi permetto di rivolgerti un quesito dopo quello della settimana scorsa (il cui oggetto era "pre-quesito"). Ho terminato i vari ascolti dei prodotti (ahimè pochi) che mi sono stati proposti e gradirei tantissimo un tuo parere in merito.

Il budget destinato all'acquisto del mio primo vero HI-FI è di circa 1000 euro. La stanza d'ascolto è di 6 metri per 4 con pochi mobili. Vi è una libreria su uno dei due lati corti, a circa 3, 5 metri di fronte alla stessa (è il punto d'ascolto) è situato un divano. Uno dei due lati di 6 metri è occupato da un secondo divano (d'angolo con il precedente). L'altro lato di 6 metri è occupato, per circa 2 metri, dal vano scale per accedere al piano superiore. Non vi sono altri mobili, solo un paio di quadri con vetro. L'altro lato corto (opposto a quello della libreria) è occupato da porta d'ingresso e finestra entrambe con tende a vetro. A breve verrà inserito un tappeto tra i diffusori ed il punto d'ascolto.

Ho una bimba di 21 mesi e devo per forza posizionare i diffusori sulla libreria a circa 130 cm da terra. Data la conformazione della libreria (massima altezza disponibile tra i ripiani: 28, 5 cm massima larghezza 31, 2 cm) i diffusori lavoreranno coricati sul loro fianco (cosa metto tra il diffusore ed il mobile?).

Sono alla ricerca di un suono morbido, limpido e non affaticante. Non ho limitazioni particolari sui generi musicali ascoltati (poco di tutto). Dati tali limiti e le poche proposte avute (ascoltate) ti chiedo un parere lungimirante come al solito. Di seguito ti elenco i vari impianti in discussione (tra parentesi il prezzo in Euro).

  1. Ampli YAMAHA AX-596 (490) e cd YAMAHA CDX-596 (309);
  2. Ampli ONKYO A-9211 (280) e cd ONKYO DX-7333 (250);
  3. Ampli TEAC A-1D (411) e cd TEAC C-1D (319).
I negozianti mi hanno promesso uno sconto ed una fornitura gratuita di cavi "adatti"; per ora installerò quanto consigliatomi per poi eventualmente "aggiustare" i cavi dopo un primo periodo di rodaggio.
I diffusori: MISSION M 70 (189), CHARIO SYNTAR 100 (270), INDIANA LINE 5.40 (260).
Attendo tue in merito, grazie in anticipo per la collaborazione.
Gianmarco Baldassari - E-mail: gianmarco@studioscl.it

LC
Caro Gianmarco,
ho anch'io una bambina piccola ma in casa ci sono principalmente diffusori da pavimento. Non ha mai neppure provato a rovesciarli (e difficilmente ci riuscirà per i prossimi 18-20 anni :-))
Quindi la soluzione delle casse in libreria coricate su un fianco è improrogabilmente ed insindacabilmente BOCCIATA :-)
Dei supporti da pavimento, anche belli pesanti, possono essere avvitati alle casse in modo che diventino un tutt'uno, molto difficile da buttar giù (in ogni caso, basta fare un po' d'attenzione).
La posizione da te decisa è un abominio e non ti consentirà di sentire neppure il 20% di ciò che stai pagando. Se gli stands ti paiono ancora pericolosi, risparmia il più possibile sulle elettroniche - ho visto un budget MOLTO variabile per la coppia CD + ampli, da 530 a 800 Euro! - ed acquista due belle torri da pavimento. Occupano meno spazio di un diffusore su stand e sono a prova di bambino. Mi riferisco a modelli come le CNM Tower della Aliante, alle Indiana Line 5.20, KEF Cresta 3 o alle Chario Syntar 100T. Se cerchi bene, alcune di queste si possono trovare per cifre persino inferiori ai 500 Euro la coppia.
Per quanto riguarda le elettroniche, posto che stiamo cercando di limitare il budget per poter acquistare i diffusori da pavimento, la scelta Onkyo che ti hanno proposto mi parrebbe la più sensata e, forse, anche quella migliore per il rapporto qualità/prezzo. Facendo quattro conti della serva: 500 Euro (o meno) le casse + 530 euro di elettroniche fanno 1030 Euro (o meno). La combinazione più costosa che hai proposto (elettroniche Yamaha + casse Chario) arriva a 1070 Euro :-)
Inoltre, per dirla proprio tutta, a mio parere, tra la soluzione che ti ho proposto (torri da pavimento ben sistemate + elettroniche Onkyo) e l'altra più costosa (elettroniche Yamaha + Chario in libreria a 1,3 metri d'altezza coricate su un fianco!) c'è un MONDO di differenza, dal punto di vista della qualità sonora finale.
Poi, se vuoi spendere di più per avere MOLTO meno, fai pure, ma non dirmi che non te l'avevo detto :-)
Spero di esserti stato utile (e di averti salvato da un errore clamoroso),
Lucio Cadeddu

Upgrade per due impianti hi-end
Caro Direttore,
ti do del tu perchè vorrei da te un consiglio da "amico" oltre che professionale, visto che il mondo dell'hi-fi è pieno di soloni ed è rovinato dagli interessi economici che ci sono in ballo. Fatta questa premessa e tenuto conto che ripongo in te la massima stima e fiducia, vorei un consiglio in merito alla possibilità di migliorare i miei impianti (ne ho 2 perchè divido la mia vita in due case) e quanto devo spendere per fare un salto di qualità. 1 impianto:

2 impianto: Inoltre vorrei sapere se miglioro cambiando cavi di alimentazione sostituendo gli originali con i cavi TNT TTS con 9 conduttori anzichè 6. Sicuro di un tuo consiglio sinceramente spassionato, anticipatamente ti ringrazio e ti faccio i miei umili ma sentiti complimenti per la tua preziosa rubrica vero aiuto per noi audiofili,
Francesco - E-mail: frangaspa@libero.it

LC
Caro Francesco,
non dici molto (cosa non ti piace, che cifra puoi stanziare, tipologia della stanza e musica ascoltata...) per cui vado un po' a tentoni.
La prima cosa che farei è sostuituire il (pur buono) lettore CD in entrambe le catene. Le scelte sono numerose, in diverse fasce di prezzo. Tra le tante possibilità, vedrei bene - in fascia "top" - un lettore Mark Levinson ML 39 (non è impossibile trovarlo usato) e nella fascia sui 4000-5000 Euro, Naim CDX2, YBA CD2, ElectroCompaniet EMC1, Accuphase DP 55V. Si tratta di macchine abbastanza diverse tra loro ma costruite in maniera superlativa ed abbellite da un suono senza compromessi. Scendendo ancora di budget, Linn Ikemi, Meccanica + DAC 192 North Star, Naim CD 5, YBA Integrè. Cerca di ascoltare qualcosa tra queste proposte e valuta attentamente a confronto col tuo Meridian.
Per l'amplificazione del secondo impianto, vedo bene le valvole, magari di impostazione "classica" come CJ, ad esempio.
Solo un'osservazione conclusiva: ho la netta impressione che si tratti di impianti messi insieme senza una precisa logica, come se avessi preso alcuni prodotti tra i più significativi in ogni settore e li avessi accoppiati insieme. Trovo, infatti, piuttosto strano che chi si prende una coppia di Altec la Voce del Teatro ci abbini poi un finale Krell e cavi autocostruiti (!!!). Parimenti mi paiono abbastanza strani gli abbinamenti tra pre e finali. Immagino (e spero) che il tutto - tenendo conto del costo - sia stato messo insieme dopo lunghe ed approfondite prove d'ascolto.
Spero di esserti stato utile,
Lucio Cadeddu

Molta confusione sul primo impianto
Carissimo Lucio,
da ormai qualche mese sono un assiduo frequentatore di TNT e dopo aver preso consapevolezza tramite un mio amico di quello che è un vero impianto hi-fi vorrei fare anch'io il grande passo.
Premetto che ora come ora sono costretto ad ascoltare i miei cd con un lettore portatile e quindi puoi ben capire come sia ansioso di liberare il suono da queste "maledette" cuffiette. Ma veniamo al dunque: da quello che ho potuto capire le stanze quadrate non sono il massimo per l'hi-fi e purtroppo proprio una stanza quadrata è il luogo dove andrà l'impianto hi fi. Misura circa 4, 5x4.5 mt e a parte un armadio a muro e la mia scrivania ci sono solo mensole con alcuni libri.
Forse potrei riuscire a spostarvi una libreria ed anche un divanetto, migliorerebbe qualcosa? In genere ascolto un po' di tutto, ma in assoluto ho una passione per i Dire Straits ed Eagles.
La mia indecisione essendomi avvicinato da pochissimo al mondo hi-fi è piuttosto alta: - in un negozio di Roma dove avevo chiesto delle B&W 601 e 602 mi è stato risposto che non erano un gran che, invitandomi a puntare se mai su delle Klipsch RF3 o su delle B&W da pavimento di cui non ricordo la serie; che ne pensi?
In realtà ho visto che le Mordaunt Short (consigliatemi vivamente in un altro negozio) non hanno prezzi così proibitivi e allora la confusione è totale!
- per l'ampli mi vorrei orientare su un Rotel 971 MKII (che ne pensi?) e per il CD avrei pensato al nad CD c521, e mi chiedevo se magari valga la pena spendere qualche cent. in meno per il CD e magari andare sul philips 723 o sul jvc (che per altro non riesco a trovare) o teac CD P1120 e spedere qualcosa in più per ampli o diffusori!
Il budget che mi sono dato è dell'ordine dei 1100 1200 Euro!
Grazie per la pazienza che vorrai concedermi e ancora complimenti per tutto quanto fate attraverso TNT, sembra un oasi in un deserto di siglette strane che tutto ci dicono fuorchè della qualità reale di un prodotto!
Claudio Cascioli - E-mail: c.cascioli@virgilio.it

LC
Caro Claudio,
col budget che ti sei prefissato alcune delle cose proposte sarebbero nettamente al di fuori della tua portata (ad es. le Klipsch o le B&W da pavimento). Anche le elettroniche che proponi tu sono fuori budget, visto che di listino ti verrebbero a costare - da sole - 920 Euro. Qualche sconto sul listino è possibile (circa il 10%) ma siamo ancora troppo "alti".
Visto che il tuo budget è simile a quello di una lettera precedente, eviterò di ripetermi sulla scelta dei diffusori (ai quali puoi aggiungere, se vuoi, qualche torre Mordaunt Short, visto che hai la possibilità di valutarle direttamente).
Visto che puoi arrivare sino a 1200 Euro (l'altro lettore poneva in 1000 Euro il limite max.) tu potresti puntare ad elettroniche di livello più elevato rispetto alle Onkyo citate prima.
In sostanza, avresti circa 700 Euro da dedicare l'ampli ed al CD. Con questo budget - per inciso, si scrive con la U, possibile che debba correggerlo tutte le volte? Se non si conosce inglese meglio usare l'italiano... - potresti prendere Rotel RA 931 o RA 01 + lettore NAD C521. Volendo risparmiare qualcosa, un Philips CD 753 andrebbe benissimo.
Prima di acquistare tutto, comunque, vedi di rendere un po' più assorbente la stanza, con tappeti, cuscini, poltrone o divani. Viste le dimensioni e la scarsità di arredamento, temo che il risultato finale risulterebbe troppo penalizzato dall'acustica sbagliata della stanza.
Continua a seguirci,
Lucio Cadeddu

Mi deciderò?
Caro direttore,
le confesso che all'inizio ero un po' imbarazzato ed indeciso se scriverle e chiedere il suo esperto "conforto" tecnico, visto che di elettronica e componentistica hi fi ne so pochino ed invece leggo nel Forum lettere "preparatissime".
Ma poi ho visto e letto di lei, e vedendo che è quasi coetaneo mio, e poi, in fondo che ci accomuna la passione per "l'ascolto" mi sono incoraggiato e spero di non essermi sbagliato....ma non tergiversiamo, e veniamo al sodo. Pur essendo un folle innamorato della musica, non ho mai posseduto un"impianto" che le desse giustizia, anche per questioni economiche, ed ora visto che ne ho la possibilità (ma non troppo) vorrei recuperare.
E qua sorge il primo dubbio: viste l'evoluzione della tecnologia a/v, mi sono chiesto se indirizzandomi su un sintoamlplificatore a/v di livello discreto come l'H/K avr3500, o il MARANTZ sr4500 potevo soddisfare diverse esigenze senza però perderci troppo nella parte audio (ascolto musicale per spiegarmi) oppure (idea che forse ritengo più giusta) "differenziare le due cose affidandomi per la parte che più mi interessa (la musica) ad un ampli stereo come il ROTEL ra01 (vedi budget) e a dei buoni diffusori, e appena possibile comprare un sistema h/t senza pretese visto che non ho molte pretese in questo ambito.
Domanda:cosa mi suggerisce? E cosa ne pensa dei modelli suddetti? Nel caso scelga la via del "misto", quale mi consiglierebbe tra i due suddetti ampli come resa musicale?
Parte seconda (ma sarò più breve non tema) per i diffusori sarei orientato su: CHARIO REFERENCE 200T, o AR hiflyer (non sono sicuro del nome) ma, ed è la cosa sulla quale mi serve più la sua opinione, mi sono capitate a tiro in un negozio delle casse INFINITY SM115 che sono state utilizzate per l'ascolto prova in negozio e che per questo mi verrebbero vendute in offerta a 400 euro.
Premesso che il tipo di suono (ascoltato con un H/K avr3500) mi ha riportato piacevolmente ai vecchi impianti di una volta, magari meno "pulito" ma con un suono acustico e una dinamica d'impatto (a proposito io ascolto rock, blues, jazz, antica ed un'anticchia di classica) mi chiedo: questo tipo di casse sono"proporzionate" al tipo di ampli suddetti (in particolare al ROTEL) cioè quanto influisce che siano un vecchio modello (vedi anche collegamenti posteriori vecchio tipo con spinottini rosso e nero piuttosto che prese da "banane" di ultima gener.), e poi, che rischi posso correre nell'acquisto di un prodotto comunque un po' usato (ma in garanzia), potrei capire se sono rovinate e come?
Caro direttore forse ho esagerato, e non ho esattamente seguito le sue "Istruzioni per l'uso" e non la biasimerei se non mi rispondesse, ma confido ugualmente in una sua confortante risposta...D'altra parte una buona azione ogni tanto saddafa'!
GRAZIE
Enrico - E-mail: ekkalu@tiscali.it

LC
Caro Enrico,
la mia piccola ed umile parte di buone azioni credo di averla fatta e di continuare a farla con costanza, dedizione ed impegno, settimana dopo settimana, sacrificando buona parte del mio tempo libero a fornire consulenza gratuita a chiunque ne faccia richiesta, da 7 anni a questa parte.
Detto questo, passiamo alle tue domande. Premesso che dovresti GIA' sapere come la penso sull'Home Theater utilizzato per ascoltare la Musica, la soluzione migliore, secondo me, è l'acquisto di un impianto stereo tradizionale, da usare pure per visionare i films. La sola assenza dei canali posteriori non è una grande mancanza, credimi.
Quindi: bene l'ampli Rotel, per le casse invece c'è da fare un piccolo discorso a parte. Le Infinity SM 115 - dove SM sta per Studio Monitor - hanno (avevano) un'impostazione sonora un po' aggressiva, che DEVE piacere. Ascoltate per poco tempo possono anche sembrare accattivanti, ma è sulla lunga distanza che si scoprono le reali qualità di un diffusore, dopo ore ed ore di ascolto. Quel che poteva sembrare divertente e piacevole per 5 minuti si rivela intollerabilmente fastidioso dopo 2 ore. Quindi, se proprio ti piacciono, prova ad ascoltarle a lungo.
Il woofer da 30 cm (se non ricordo male) è un driver che può creare più di un problema in un ambiente domestico di dimensioni "normali". Non dici nulla ne' sulla stanza ne' sulla collocazione possibile dei diffusori, quindi non posso commentare oltre.
Le Infinity SM 115 costavano, di listino, circa 900 Euro. Con qualche sconto si potevano prendere a 850, forse meno. Te le hanno offerte usate a 400, non è che te le stiano regalando. Il prezzo è buono ma non irresistibile.
Magari per la stessa cifra, sull'usato, puoi trovare anche qualche diffusore più "facile". Non te le sto sconsigliando, sia chiaro, ti sto solo mettendo in guardia da giudizi ed ascolti troppo frettolosi.
Per quanto riguarda i possibili "guasti" direi che se sembrano funzionare e se gli altoparlanti appaiono in buone condizioni, non dovrebbero esserci problemi di sorta.
Degli altri due diffusori citati conosco solo le Chario, il 200T è un modello che consiglio piuttosto spesso.
Ascolta ancora con attenzione e poi decidi.
Spero di esserti stato utile,
Lucio Cadeddu

Suono presente e suono assente
Caro Lucio, sono un neofita del mondo audiofilo. E' da diverso tempo che leggo con molto interesse le vostre rubriche e ogni volta rimango sorpreso da quante persone amanti dell'audiofilia esistano in Italia e che impianti audio mostruosi molte di queste abbiano.
Da studente squattrinato quale sono, ho completato il mio primo impianto entry level dopo numerose prove e visite presso i negozi più specializzati della mia città. Attualmente l'impianto è così composto:

La musica che ascolto è prevalentemente rock, hard rock, jazz, cantautori e poco la classica (in prevalenza sinfonica). Amo alla follia il buon vecchio e caro vinile e ogni volta che posso mi reco alle tante fiere del disco che si svolgono numerose nel nostro paese. La riproduzione del suono di un impianto audio per me deve essere profonda, piuttosto neutra (senza bassi troppo sparati ne' alti che "squillino" eccessivamente), ma molto corposa e per il momento mi trovo piuttosto soddisfatto anche se preferirei delle casse con più "presenza".
A questo proposito avrei una serie di domande da farti:
  1. Cosa ne pensi del mio impianto, come è configurato ora? Voglio dire lo trovi equilibrato o c'è qualche punto della catena che potrebbe migliorare? (rimanendo con prodotti dello stesso livello)
  2. Volendo tentare un "up-grade", ho trovato un ampli Denon PMA S 10 II utilizzato come demo a un prezzo di 1600 euro (per me già una cifra gravosa...). Potrebbe essere un buon punto di partenza per un ampli di buona qualità?
    In alternativa quali ampli mi consiglieresti a questo prezzo? Come lettore cd, quale mi consiglieresti?
Ho sentito grandi pareri sui SACD. Infine tenendo conto dei miei gusti musicali, quali diffusori di fascia 1000/1500 euro hanno le caratteristiche da me richieste?
Ti ringrazio per il tempo che mi hai dedicato e per i preziosi consigli che mi aiutano a capire sempre di più di questo affascinante mondo.
Paolo Leoni - E-mail: leoni75@ciaoweb.it

LC
Caro Paolo,
quand'ero studente non avevo 1600 Euro per l'ampli ne' tantomeno 1500 Euro per le casse :-) O sono diminuite le tasse scolastiche, o i prezzi dei libri sono crollati vertiginosamente o c'è dell'altro sotto che non vuoi dirci :-)
Comunque sia, l'impianto mi pare equilibrato, ma premetto che non conosco le tue casse. Cercando di valutare comunque l'insieme, forse potresti iniziare con un lettore CD migliore. Lascia perdere i SACD, non per demeriti ma tanto per non darla vinta a chi ci vuole propinare un supporto nuovo ancora più costoso del CD, e concentra la tua attenzione su un buon lettore CD tradizionale e...usato. Già con 500 Euro riesci a trovare mcchine al di sopra di ogni sospetto.
Sto pensando a Rega Planet, Linn Mimik, Marantz 6000 KIS o CD 17 e qualche Teac con meccanica VRDS o i soliti NAD e Rotel top di gamma. Poi, sempre tralasciando il problema casse, potrebbe essere il momento dell'ampli.
Eviterei il Denon da te citato perchè a quella cifra (nuovo o usato) ti si aprono le porte di una scelta così ampia che non può essere trascurata. Marche e modelli sono stati citati più volte su questa Rubrica e non mi ripeterò, basta sfogliare i vecchi volumi o leggere qualche recensione per trovare suggerimenti a iosa. Infine le casse. Non capisco cosa intenda per suono più "presente" (è forse assente? :-)) quindi mi viene difficile indirizzarti verso una rosa di candidati idonei. Tuttavia, per quella fascia di prezzo, ancora nell'usato, puoi trovare tante di quelle cose interessanti, con 2-3 anni di vita alle spalle, che avresti solo l'imbarazzo della scelta, anche solo restringendo il campo ai prodotti "nazionali". Anche qui, però, brancolo un po' nel buio perche non dici nulla sulla stanza, sulla collocazione etc. Già è difficile dare consigli un minimo sensati stando a centinaia di km di distanza, senza poter sentire gli impianti che volete "migliorare", figuriamoci se poi mancano gli elementi essenziali per poter fornire risposte "sensate".
Spero comunque di esserti stato utile,
Lucio Cadeddu

ATTENZIONE!!! Pregasi leggere prima le Istruzioni per l'uso
Per le domande più generali leggete prima la rubrica Adeste Fideles!
Potete anche unirvi al nostro gruppo di discussione sull'HiFi!!!

I volumi della posta precedente

Vol.01 | Vol.02 | Vol.03 | Vol.04 | Vol.05 | Vol.06 | Vol.07 | Vol.08 | Vol.09 | Vol.10 | Vol.11 | Vol.12 | Vol.13 | Vol.14 | Vol.15 | Vol.16 | Vol.17 | Vol.18 | Vol.19 | Vol.20 | Vol.21 | Vol.22 | Vol.23 | Vol.24 | Vol.25 | Vol.26 | Vol.27 | Vol.28 | Vol.29 | Vol.30 | Vol.31 | Vol.32 | Vol.33 | Vol.34 | Vol.35 | Vol.36 | Vol.37 | Vol.38 | Vol.39 | Vol.40 | Vol.41 | Vol.42 | Vol.43 | Vol.44 | Vol.45 | Vol.46 | Vol.47 | Vol.48 | Vol.49 | Vol.50 | Vol.51 | Vol.52 | Vol.53 | Vol.54 | Vol.55 | Vol.56 | Vol.57 | Vol.58 | Vol.59 | Vol.60 | Vol.61 | Vol.62 | Vol.63 | Vol.64 | Vol.65 | Vol.66 | Vol.67 | Vol.68 | Vol.69 | Vol.70 | Vol.71 | Vol.72 | Vol.73 | Vol.74 | Vol.75 | Vol.76 | Vol.77 | Vol.78 | Vol.79 | Vol.80 | Vol.81 | Vol.82 | Vol.83 | Vol.84 | Vol.85 | Vol.86 | Vol.87 | Vol.88 | Vol.89 | Vol.90 | Vol.91 | Vol.92 | Vol.93 | Vol.94 | Vol.95 | Vol.96 | Vol.97 | Vol.98 | Vol.99 | Vol.100 | Vol.101 | Vol.102 | Vol.103 | Vol.104 | Vol.105 | Vol.106 | Vol.107 | Vol.108 | Vol.109 | Vol.110 | Vol.111 | Vol.112 | Vol.113 | Vol.114 | Vol.115 | Vol.116 | Vol.117 | Vol.118 | Vol.119 | Vol.120 | Vol.121 | Vol.122 | Vol.123 | Vol.124 | Vol.125 | Vol.126 | Vol.127 | Vol.128 | Vol.129 | Vol.130 | Vol.131 | Vol.132 | Vol.133 | Vol.134 | Vol.135 | Vol.136 | Vol.137 | Vol.138 | Vol.139 | Vol.140 | Vol.141 | Vol.142 | Vol.143 | Vol.144 | Vol.145 | Vol.146 | Vol.147 | Vol.148 | Vol.149 | Vol.150 | Vol.151 | Vol.152 | Vol.153 | Vol.154 | Vol.155 | Vol.156 | Vol.157 | Vol.158 | Vol.159 | Vol.160 | Vol.161 | Vol.162 | Vol.163 | Vol.164 | Vol.165 | Vol.166 | Vol.167 | Vol.168 | Vol.169 | Vol.170 | Vol.171 | Vol.172 | Vol.173 | Vol.174 | Vol.175 | Vol.176 | Vol.177 | Vol.178 | Vol.179 | Vol.180 | Vol.181 | Vol.182 | Vol.183 | Vol.184 | Vol.185 | Vol.186 | Vol.187 | Vol.188 | Vol.189 | Vol.190 | Vol.191 | Vol.192 | Vol.193 | Vol.194 | Vol.195 | Vol.196 | Vol.197 | Vol.198 | Vol.199 | Vol.200 | Vol.201 | Vol.202 | Vol.203 | Vol.204 | Vol.205 | Vol.206 | Vol.207 | Vol.208 | Vol.209 | Vol.210 | Vol.211 | Vol.212 | Vol.213 | Vol.214 | Vol.215 | Vol.216 | Vol.217 | Vol.218 | Vol.219 | Vol.220 | Vol.221 | Vol.222 | Vol.223 | Vol.224 | Vol.225 | Vol.226 | Vol.227 | Vol.228 | Vol.229 | Vol.230 | Vol.231 | Vol.232 | Vol.233 | Vol.234 | Vol.235 | Vol.236 | Vol.237 | Vol.238 | Vol.239 | Vol.240 | Vol.241 | Vol.242 | Vol.243 | Vol.244 | Vol.245 | Vol.246 | Vol.247

© Copyright 2003 Lucio Cadeddu - http://www.tnt-audio.com

[ Home | Redazione | FAQ | Ampli | Diffusori | Sorgenti | Tweakings | Inter.Viste ]